Isola Lampione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Isola di Lampione)
Jump to navigation Jump to search
Isola Lampione
Lampione islet.JPG
L'isolotto disabitato di Lampione
Geografia fisica
LocalizzazioneCanale di Sicilia
Coordinate35°33′16″N 12°19′59″E / 35.554444°N 12.333056°E35.554444; 12.333056Coordinate: 35°33′16″N 12°19′59″E / 35.554444°N 12.333056°E35.554444; 12.333056
Arcipelagoisole Pelagie
Superficie0,036 km²
Altitudine massima36 m s.l.m.
Geografia politica
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaAgrigento Agrigento
ComuneLampedusa e Linosa-Stemma.png Lampedusa e Linosa
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Pelagie Islands map it.PNG
Mappa di localizzazione: Sicilia
Isola Lampione
Isola Lampione
voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

Lampione (Lampiuni in siciliano) è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Pelagie, in Sicilia[1].

Amministrativamente appartiene a Lampedusa e Linosa, comune italiano del libero consorzio comunale di Agrigento.

Geologicamente, invece, insieme alla vicina isola di Lampedusa appartiene alla piattaforma continentale africana[2].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La superficie di Lampione (giugno 2011)

L'isolotto, lungo 200 metri e largo 180, ha una superficie di circa 0,036 km2 e la sua altezza massima è di 36 metri. L'isola fa parte, come Lampedusa (che dista circa 18 km) della placca continentale africana, al contrario della più lontana Linosa (60 km), che fa ancora parte della zolla siciliana. I fondali della costa meridionale calano a picco mentre quelli sul versante orientale digradano dolcemente, mostrando canali di bianca arenaria scarsamente ricoperti di vegetazione.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

È l’isola con le rocce più antiche dell’arcipelago Pelagiano, infatti è costituita da calcari di mare basso dolomitizzate, risalenti al tardo Eocene (42 M.A.) e appartenenti alla Formazione Halk El Menzel, ampiamente conosciuta in alcuni pozzi al largo del golfo di Hammamet.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'isolotto fa parte della area marina protetta Isole Pelagie ed è in zona C nell'attuale regolamento di zonazione dell'AMP. La flora e la fauna non sono quindi soggette a totale protezione ed è consentita attività sull'isola.

Molti uccelli migratori, in particolare gabbiani, sostano qui regolarmente. Inoltre è presente l'endemico Armadillidium hirtum pelagicum, un crostaceo di terra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda Lampione era in origine un masso che sarebbe sfuggito dalle mani di un Ciclope[3]. Si narra di due eremiti che abitarono l'isola in passato ma non vi è alcuna testimonianza certa.

L'isolotto, che ha sempre seguito le vicissitudini delle altre Pelagie, non ha mai vissuto avvenimenti storici. Dopo essere entrato a far parte del Regno d'Italia, il 12 giugno 1878 seguì la sorte delle due isole maggiori, essendo incorporato nel nascente Comune di Lampedusa e Linosa. Nel 1897 al largo di Lampione fu avvistato un banco di spugne che attirò l'attenzione di pescatori greci e tunisini in particolare, i quali diedero impulso economico all'arcipelago. Con l'avvento delle sostanze plastiche la pesca è cessata.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Lampione oggi non è abitata e l'unico segno dell'uomo è un faro automatico, da cui deriva il nome dell'isola. Il faro è raggiungibile tramite un sentiero che parte da un piccolo attracco artificiale, adatto solo a piccole imbarcazioni.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Tra settembre e ottobre 2007 Lampione è stata ambientazione per la famosa soap opera italiana CentoVetrine; nonostante questo, le puntate sono state girate a Lampedusa, per l'effettiva difficoltà nel trasportare la troupe sull'isola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]