Conservatorio Giovanni Battista Martini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Conservatorio Giovanni Battista Martini
Conservatorio-Bologna.jpg
La facciata del Conservatorio Giovanni Battista Martini
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàBologna
Dati generali
Fondazione3 dicembre 1804 e 1925
TipoConservatorio
Mappa di localizzazione
Sito web

Il Conservatorio Giovanni Battista Martini (fino al 1945 Liceo musicale) è un istituto superiore di studi musicali fondato a Bologna nel 1804.

È intitolato alla memoria di Giovanni Battista Martini ed è un'istituzione di alta formazione musicale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1802 viene approvato dalla municipalità di Bologna il progetto di un liceo musicale cittadino all'interno del convento di San Giacomo, che sarà inaugurato il 3 dicembre 1804 come Liceo filarmonico.[1] Nel 1839 viene nominato "consulente perpetuo onorario" Gioachino Rossini, che all'epoca era tornato a vivere in città. Rossini tenne l'incarico per dieci anni e chiamò come insegnante di pianoforte Stefano Golinelli e alla direzione del liceo Gaetano Donizetti, il quale però non poté accettare. A seguire il liceo filarmonico fu affidato ai direttori Luigi Mancinelli (1881-86), Giuseppe Martucci (1886-1902) e Marco Enrico Bossi (1902-11). Nel Novecento si alternarono altri illustri direttori: Ferruccio Busoni, Gino Marinuzzi, Franco Alfano, Cesare Nordio.

Nel 1945 l'istituto assume la denominazione di Conservatorio statale, intitolato a Giambattista Martini, e ne è stata ampliata la capienza, arrivando a contenere più di trenta aule.[1]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1945 ad oggi il conservatorio ha avuto come direttori: Guido Spagnoli a cui toccò l’onore ed onere di riaprire l’Istituto il 6 giugno 1945, Guido Guerrini, Lino Liviabella, Adone Zecchi, Giordano Noferini, Lidia Proietti, Carmine Carrisi, Donatella Pieri, Vincenzo De Felice, Aurelio Zarrelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122610565 · ISNI (EN0000 0001 2104 4908 · ULAN (EN500305047 · LCCN (ENn86048378 · GND (DE1014013-X · J9U (ENHE987007440510805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n86048378