Conservatorio Niccolò Paganini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conservatorio Niccolò Paganini
Genova Albaro villa Bombrini.jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Città Genova
Dati generali
Fondazione 1829
Tipo Conservatorio
Mappa di localizzazione
Sito web

Il Conservatorio Niccolò Paganini è un istituto superiore di studi musicali fondato a Genova nel 1829.

È inserito nella rete nazionale dell'alta formazione del MIUR. Promotore e capofila del Polo del Mediterraneo per le arti, è anche membro dell'AEC - Associazione Europea dei Conservatori e della rete ECUME - Echanges Culturels en Méditerranée.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Istituito dapprima come "Scuola gratuita di canto" (1829) per la formazione di coristi per il teatro Carlo Felice, da poco inaugurato e successivamente denominato "Civico Istituto Musicale", l'attuale Conservatorio di Genova fu intitolato a Niccolò Paganini nel 1904. Nel 1930 venne parificato ai conservatori statali, mentre dal 1974 è a tutti gli effetti un conservatorio statale. Dal 1972 ha sede nella villa Sauli Bombrini Doria, nel quartiere di Albaro.[1][2]

Nella storia di questa istituzione, numerosi sono stati i trasferimenti; dalla prima sede nel centro storico la "Scuola gratuita di canto" fu trasferita nell'ex monastero delle Grazie; chiusa per difficoltà finanziarie nel 1849 fu acquistata e riaperta dal comune di Genova. Nel 1866 un nuovo trasloco, nel convento dei padri filippini di via Lomellini. L'allora "Liceo Musicale Niccolò Paganini" nel 1936 fu trasferito una prima volta in Albaro, nella villa Raggio[3], poi nell'immediato dopoguerra trovò temporaneamente ospitalità nel palazzo della Meridiana ed infine dal 1972 si trova nell'attuale sede nella villa Sauli Bombrini Doria, in via Albaro 36.[1]

Orchestra del Conservatorio di Genova

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

Costituita inizialmente attraverso lasciti e donazioni, la Biblioteca consta di un cospicuo Fondo moderno, di circa 50 000 unità bibliografiche, e di un importante Fondo antico, di circa 4 000 unità, catalogato da Salvatore Pintacuda e di cui è stata recentemente iniziata la digitalizzazione. Insieme a manoscritti e stampe dei secoli XVI-XIX, si segnala il fondamentale corpus delle lettere paganiniane oltre che il Libro Mastro dei conti di Paganini.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Parallelamente alla rigorosa attività didattica che si avvale della competenza di un qualificato corpo docente o a contratto e della partecipazione di numerosi professionisti ospiti, il Conservatorio di Genova ha sviluppato importanti contatti con istituzioni locali, nazionali ed estere al fine di realizzare progetti didattico-artistico, con e per gli studenti, in ambiti di indiscusso valore: si segnalano la presenza in tutte le principali manifestazioni musicali e culturali della Liguria, la collaborazione con il Teatro Carlo Felice, con Casa Paganini, con l'Accademia Ligustica di Belle Arti, con la Giovine Orchestra Genovese e con l'Università di Genova, la partecipazione dal 2006 al Festival della scienza, l'organizzazione dal 2005 del premio nazionale delle Arti, la partecipazione a progetti (Art & Design Institutes Network Project, MetaMorfologie musicali, ...) finanziati dal Governo italiano o dalla Comunità europea, l'organizzazione di un festival musicale specificamente dedicato agli studenti dei conservatori europei (Antichi cortili giovani talenti, dal 2008), l'organizzazione dell'incontro annuale dei conservatori del Mediterraneo (1999, 2004 e 2010), le numerose trasferte all'estero (Francia, Germania, Croazia, Grecia, Tunisia, Algeria, Siria, Russia, Ucraina), la presenza nell'Orchestra Nazionale dei Conservatori Italiani a cui il Conservatorio di Genova ha partecipato sin dai primordi, organizzando il primo evento il 27 settembre 2008.

Didattica[modifica | modifica wikitesto]

Il conservatorio di Genova rilascia diplomi accademici di primo e di secondo livello. L'accesso, a numero chiuso, avviene in seguito a un esame. L'Istituto è suddiviso nei seguenti dipartimenti:

  • Strumenti ad arco e a corde
  • Strumenti a tastiera e a percussione
  • Strumenti a fiato
  • Nuove tecnologie e linguaggi musicali
  • Composizione
  • Canto e teatro musicale
  • Didattica

Allievi celebri[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvatore Pintacuda, Il Conservatorio di Musica Nicolò Paganini di Genova. Storia e documenti dalle origini ai giorni nostri, Genova, Sabatelli, 1980.
  • Salvatore Pintacuda (a cura di), Istituto Musicale «Nicolò Paganini». Catalogo del Fondo Antico, Milano, Istituto Editoriale Italiano, 1966.
  • Il Cantiere Musicale. Rivista del Conservatorio Niccolò Paganini (dal 2001).
  • Gli strumenti ad arco, a cura di Alberto Giordano e Pio Montanari, Genova, Conservatorio di musica Niccolò Paganini, s.a. [2006] (Il patrimonio organologico del Conservatorio, 1).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE1215836-7