Cibali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cibali (disambigua).
Cibali
Cifuli
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaCatania Catania
CittàCatania
CircoscrizioneIV Circoscrizione
Altri quartieriSan Giovanni Galermo, Trappeto, una parte di San Nullo
Codice postale95123
Nome abitantiCifaloti
PatronoMadonna delle Grazie
Giorno festivoSeconda domenica di Ottobre
Catania-Stemma.png
Catania
Municipalità

Cìbali (Cìbbali o strettamente Cìfuli in dialetto catanese), è un quartiere di Catania che fa parte dal 2013 della IV Circoscrizione, risultata dall'accorpamento delle ex V e VI Municipalità, e comprendente anche i quartieri di San Giovanni Galermo, Trappeto e una parte di San Nullo. Il quartiere è sede dello Stadio Angelo Massimino (denominato Cibali fino al 2002 e ancora oggi conosciuto anche con questo nome), il più importante stadio della provincia di Catania e celebre per la famosa frase «Clamoroso al Cibali!» attribuita al radiocronista romano Sandro Ciotti.

È un quartiere molto trafficato, soprattutto dalle persone provenienti dai paesi etnei, per via della stazione della circumetnea.

Si tratta del quartiere fra i più antichi di Catania: si presume da qui sia nata la prima civiltà catanese nei pressi di via Santa Sofia (si notano archi e insediamenti antichissimi), e si pensa si siano rifugiati qui i siculi dopo che fu fondata Katane; molto famoso il Lavatoio pubblico di piazza Michelangelo Bonadies e le Fontane.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Cibali è chiamato così, secondo una tradizione popolare, in onore della dea Cibele, alla quale vi è intitolata pure una strada; la tradizione infatti risale a un manoscritto storico sulla città di Catania - volutamente riempito di elementi fantasiosi e volto a esaltare l'egemonia culturale del capoluogo etneo - scritto dal sacerdote di Militello in Val di Catania Pietro Carrera (abile falsario e famoso anche perché scacchista) insieme a Ottavio D'Arcangelo, dove si diceva che nel quartiere fosse presente un tempio dedicato alla dea della natura, andato poi in rovina a causa di un terremoto.

In realtà il nome più antico con cui il quartiere viene citato nei documenti (come anche nella novella Rosso Malpelo di Giovanni Verga come zona dove andava ad abitare la madre del protagonista) è Cifali, proveniente dal greco antico Kephale = Testa - di fiume, sottinteso - in riferimento alla sorgente del fiume Longane, che dà a sua volta il nome al quartiere Ognina, dove sfociava.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Cibali è sviluppato attorno alle piazze Michelangelo Bonadies, Vincenzo Spedini e Santa Maria Ausiliatrice; confina ad ovest con il quartiere Sacra Famiglia, a nord-ovest con il quartiere San Nullo, a nord con i quartieri Trappeto e Santa Sofia (dove c'è la cittadella), a est con i quartieri Consolazione e Santa Maria di Gesù, a sud-est con il quartiere La Mecca, a sud con una zona senza nome storico e a sud-ovest con il quartiere Arcora. Cibali è il più importante punto di riferimento della periferia di Catania per le numerose vie che ospita. Infatti il viale Mario Rapisardi (uno dei più importanti viali catanese che i cittadini identificano con il nome di "Viale") passa per un lungo tratto nei pressi del quartiere, segnandone il confine a sud; anche la Circonvallazione passa per Cibali, segnandone il confine nord, chiamandosi in questo tratto viale Fratelli Vivaldi e viale Antoniotto Usodimare. Possiede cinque contrade: Cristaldi, Gelsi Bianchi, Ogliastro, Stazzone e Susanna.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel cuore del quartiere, è presente una stazione della Ferrovia Circumetnea. Intanto, vicino alla fermata della ferrovia, è in costruzione l'omonima stazione sotterranea della Metropolitana di Catania, inaugurata a marzo 2017, ma con i lavori ancora in corso. Da segnalare che con l'attivazione della fermata della metropolitana, la stazione in superficie verrà abbandonata e sostituita da una fermata sotterranea parallela all'altra stazione, in modo da costituire un interscambio modale.

Luoghi di culto[modifica | modifica wikitesto]

Chiese Cattoliche[modifica | modifica wikitesto]

Altre Chiese Cristiane[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia