Lago di Nicito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago di Nicito
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Provincia Catania Catania
Dimensioni
Profondità massima 15 m
Idrografia
Bacino idrografico 0 km²
Immissari principali Amenano
Emissari principali Amenano

Il lago di Nicito era un lago di Catania formatosi a seguito di un'antica eruzione dell'Etna e scomparso, sepolto dalla colata lavica del 1669.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'eruzione del 406 a.C. (o 496 d.C.)[1][2][3]raggiunse la periferia nord della città di Catania e tagliò il corso del fiume Amenano ostruendolo. Il lago che si formò aveva una circonferenza di circa 6 chilometri ed una profondità di oltre 15 metri[4]. Aveva inizio nei pressi dell'attuale piazza Santa Maria di Gesù a Catania. Alimentato dalle varie correnti d'acqua che affluivano da più parti e circondato da alberi e campagne, costituiva un luogo ameno ed intorno ad esso sorsero delle ville[5].

Di fronte al lago, nel 1556, il viceré di Sicilia Juan de Vega fece erigere il Bastione degli Infetti[5].

Il lago esistette fino al 1669, quando una delle più disastrose eruzioni dell'Etna avvenute in epoca storica, dopo aver distrutto diversi paesi dell'hinterland catanese, nel giro di poche ore[1] colmò il lago e la valle in cui insisteva[6].

Il nome del lago, Nìcito, sembra sia una derivazione dal greco anìketos ("invitto"), a sua volta derivante da nike ("vittoria"). Sul lago si svolgevano anche delle regate navali[1].

L'unica testimonianza attualmente esistente del lago è il nome dato alla via omonima che separa il quartiere La Mecca (ad ovest) dal quartiere Piedigurna (ad est) e collega inoltre la piazza Santa Maria di Gesù, nell'omonimo quartiere, con la via Plebiscito alta, cioè con l'Antico Corso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Spoto, p. 89.
  2. ^ Sulla data di nascita del lago vi sono grandi incertezze. Anche la spiegazione della derivazione del nome risente di esse: se nato prima di Cristo è possibile la derivazione dal greco. Secondo lo Spoto è possibile invece la dedica in onore al papa Aniceto.
  3. ^ Lago di Nicito, su dipbot.unict.it. URL consultato il 3 settembre 2016.
  4. ^ Secondo il Ferrara il lago e la valle in cui si trovava avevano un'ampiezza di oltre sei miglia e, citando il Carrera, riferisce di una profondità da 14 a 20 piedi.
  5. ^ a b Ferrara, Storia di Catania sino alla fine del secolo XVIII, cit., p. 187.
  6. ^ Francesco Ferrara, Descrizione dell'Etna con la storia delle eruzioni, p. 105.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvatore Spoto, Il grande libro dei misteri della Sicilia risolti e irrisolti, Roma, Newton Compton Editori, 2011, p. 89, ISBN 978-88-541-2715-9.
  • Francesco Ferrara, Storia di Catania sino alla fine del secolo XVIII, p. 187, Catania, 1829

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia