Chiacchiere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiacchiere
Chiacchiere.jpg
Origini
Altri nomi Bugie, cenci (in Toscana) , frappole, sfrappole, crostoli (in Veneto e Trentino-Alto Adige) frappe (lazio)
Luogo d'origine Italia Italia
Diffusione regionale
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali uova, zucchero, farina, liquore[1]
 
Sfrappole

Le chiacchiere sono dei tipici dolci italiani preparati solitamente durante il periodo di Carnevale, chiamati anche con molti altri nomi regionali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È un dolce che ha origine nella Roma antica ed in seguito si è diffuso in tutto il mondo in diverse varianti,

Le chiacchiere possono essere anche napoletane e il loro nome deriva dalla regina Savoia[quale?] che volle chiacchierare ma ad un certo punto, le venne fame e chiamò il cuoco Raffaele Esposito per farsi fare un dolce che lui chiamò le "chiacchiere".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Hanno la forma di una striscia, talvolta manipolata a formare un nodo (in alcune zone prendono infatti il nome di fiocchetti).

La base è un impasto di farina, successivamente ci sono due possibilità:

  1. l'impasto viene fritto;
  2. l'impasto viene cotto al forno.

Infine si spolvera con zucchero a velo.

Possono anche essere coperte da miele, cioccolato e/o zucchero a velo, innaffiate con alchermes o servite con il cioccolato fondente o con mascarpone montato e zuccherato.

La tradizione delle frappe probabilmente risale a quella delle frictilia, dei dolci fritti nel grasso che nell'antica Roma venivano preparati proprio durante il periodo dell'odierno

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Le chiacchiere sono conosciute con nomi differenti nelle diverse regioni italiane:

Esistono molte versioni europee, ad esempio in Francia sono diffuse in Languedoc, Provenza e Rouergue con il nome di oreillettes (orecchiette), nell'area dell'antico Ducato di Savoia come bugnes e merveilles (meraviglie).

I nomi regionali di altre zone dell'Europa sono :

Paese o regione Nome
Bielorussia хрушчы ou фаворкі
Croazia krostole
Danimarca klejner
Francia oreillettes, bugnes, merveilles
Germania Raderkuchen
Ungheria csöröge
Lituania žagarėliai
Polonia chruściki, chrusty ou faworki
Romania minciunele, cirighele ou scovergi
Russia хворост
Slovacchia fánka
Svezia klenäter
Ukraina вергуни

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta delle chiacchiere su Giallo Zafferano
  2. ^ Sito dell'Ufficio del turismo della regione autonoma Valle d'Aosta

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Brunetti (a cura di), Cucina mantovana di principi e di popolo. Testi antichi e ricette tradizionali, Mantova, 1981.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]