Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Alchermes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Alchèrmes
Shabbybooz Alchermes.jpg
Bottiglie di Alchermes
Origini
Altri nomi Alkermes
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Toscana
Dettagli
Categoria bevanda
Ingredienti principali
  • alcool
  • zucchero
  • cocciniglia
  • acqua di rose
  • vaniglia
  • cannella
  • coriandolo
  • chiodi di garofano
 
Antica bottiglia di alchermes

L'alchèrmes (dall'arabo القرمز, al-qirmiz, che significa cocciniglia e che è utile a indicare il color cremisi, il cui termine deriva anch'esso dalla stessa parola) è un liquore italiano usato per dolci e preparazioni di vario genere. Usato principalmente per le bagne di pasticceria. I suoi ingredienti sono: alcol etilico, zucchero, acqua, cannella, cocciniglia, chiodi di garofano, cardamomo, acqua di rose[1][2].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Anticamente in Sicilia questo liquore chiamato "Archemisi" veniva utilizzato contro i "vermi da spavento", vale a dire quando, ad esempio, un bambino riceveva un grande spavento da un determinato evento. In tal caso, i nonni si premuravano di dare al bambino un cucchiaio o due di questo liquore (dipendeva dal grado di spavento...) per esorcizzare la paura. Queste curiose convinzioni popolari sopravvivono attualmente in alcune zone della Campania; prova ne è che l'espressione partenopea "Aggio fatt'e vierme" significa "Mi sono spaventato molto"[3].
  • A Firenze l'alchermes veniva preparato dai frati di Santa Maria Novella. Era un liquore molto amato dalla famiglia Medici, infatti in Francia era chiamato "liquore dei Medici"[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alchèrmes elisir di lunga vita, su taccuinistorici.it. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  2. ^ Liquori d'erbe. Grappe, amari & altre delizie, Giunti Editore, 2003, p. 104, ISBN 88-440-2676-7.
  3. ^ Giovanni Ballarini, Il boccon del prete Ovvero il culo della gallina? Scienza, storia e tradizioni in tavola, TARKA, 2015, ISBN 88-98823-64-9.
  4. ^ Come fare liquori d'erbe, p. 18, ISBN 88-440-1082-8.
Alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici