Pesche dolci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pesche dolci
Origini
Altri nomipesche all'alchermes, finte pesche all'alchermes, peschine, peschette
Luogo d'origineItalia Italia
DiffusioneEmilia Romagna, Marche, Toscana, Sud Italia
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
  • farina
  • zucchero
  • burro
  • latte
  • uova
  • alchermes
  • cioccolato o crema pasticciera

Le pesche (o anche peschine) dolci, pesche all'alchermes o finte pesche all'alchermes, sono un dolce diffuso in più parti d'Italia e di origini incerte.[1][2][3][4] Il nome deriva dal fatto che il dolce ricorda la forma della pesca, pur non avendo tale frutto tra gli ingredienti.[1][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Benché le origini del dolce siano incerte, molti sostengono che, dopo essere nato nell'Appennino tosco-emiliano, si sarebbe diffuso in entrambe le pianure ai lati della catena montuosa. Prima che assumessero i connotati odierni, le pesche venivano preparate utilizzando liquori diversi dall'alchermes (bevanda usata per insaporire anche altri dolci dell'Emilia Romagna prodotta a Firenze dal 1743) e avevano una consistenza più secca oltre che un aroma più alcolico.[2]

In Toscana le pesche al cioccolato venivano preparate dalle donne durante il periodo quaresimale in attesa della Pasqua, così come la schiaccia livornese, i baci meringhe e le ciambelle.[senza fonte]

Nell'immediato secondo dopoguerra, i contadini preparavano il dolce servendosi di gusci di noci a mo' di stampi e lo infarcivano con la mandorla del nocciolo di pesca per mettere in risalto la somiglianza con il frutto. Questa usanza è viva ancora oggi.[1]

Oltre che nell'Appennino tosco-emiliano e in quello tosco-romagnolo, le pesche all'alchermes sono diffuse nel Sud Italia.[1][2] La specialità è particolarmente legata ad Acquaviva Picena, nelle Marche.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le finte pesche all'alchermes sono dolci costituiti da un morbido corpo di pasta brioche ripieno di cioccolato o più comunemente da crema pasticcera.[2][1] Il colore rosato e l'effetto ”buccia di pesca” sono dati da un bagno nell'alchermes, poi si accoppiano due metà e si impanano delicatamente nello zucchero semolato. Nella tradizione pasticcera si decorano con un punto di crema e una ciliegia rossa candita e una foglia di ostia[6].

In Toscana le pesche con la crema pasticciera hanno forma quasi cilindrica e le dimensioni di un pasticcino.[1]

Le pesche dolci messinesi non contengono l'alchermes e sono decorate con una ciliegia e della pasta reale.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g autori vari, Dizionario delle cucine regionali italiane, Slow Food, 2010, p. 509.
  2. ^ a b c d (EN) PESCHE DOLCI, su sicilianicreativiincucina.it. URL consultato il 22 settembre 2022.
  3. ^ Magner Bein, su modenatoday.it. URL consultato il 22 settembre 2022.
  4. ^ Pesche all’alchermes: ricetta, storia e curiosità di un dolce particolare, su agi.go.it. URL consultato il 22 settembre 2022.
  5. ^ Le “pesche”, un antico dolce siciliano sorprendente nel gusto e nell’aspetto, su saggieassaggi.it. URL consultato il 22 settembre 2022.
  6. ^ Ricetta Finte pesche all'alchermes, su Le Ricette di GialloZafferano.it. URL consultato il December 28, 2016.
  7. ^ Pesche messinesi, su ricettedisicilia.site. URL consultato il 22 settembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]