Che strano chiamarsi Federico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Che strano chiamarsi Federico
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2013
Durata93 minuti
Rapporto1.78:1
Generebiografico, drammatico
RegiaEttore Scola
ProduttorePalomar
Distribuzione (Italia)BIM, Istituto Luce
FotografiaLuciano Tovoli
ScenografiaLuciano Ricceri
CostumiMassimo Cantini Parrini
TruccoFrancesco Freda
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Che strano chiamarsi Federico è un film del 2013, l'ultimo diretto da Ettore Scola, e scritto insieme alle figlie Paola e Silvia. Come lo stesso regista ha dichiarato, il film è "un piccolo ritratto di un grande personaggio": Federico Fellini. Presentato durante la settantesima Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia alla presenza del capo dello Stato Giorgio Napolitano ha ottenuto il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film, basato sui ricordi personali di Scola, si concentra in particolare sui primi anni della carriera di Fellini: il suo arrivo a Roma, gli inizi come vignettista nella redazione del Marc'Aurelio (dove conobbe tra gli altri proprio Scola), fino al suo primo approdo nel cinema come sceneggiatore.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema