Castello di Campo Ligure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello Spinola
Castelli della Valle Stura
Il castello e la torre
Il castello e la torre
Mappa di localizzazione: Italia
Ubicazione
Stato Feudi imperiali
Stato attuale Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Città Campo Ligure
Coordinate 44°32′14.41″N 8°42′01.52″E / 44.537336°N 8.700422°E44.537336; 8.700422Coordinate: 44°32′14.41″N 8°42′01.52″E / 44.537336°N 8.700422°E44.537336; 8.700422
Informazioni generali
Tipo castello-dimora
Utilizzatore Signoria degli Spinola
Comune di Campo Ligure
Primo proprietario Famiglia Del Bosco
Funzione strategica Protezione del borgo e controllo delle vie di comunicazione
Termine funzione strategica XVIII secolo
Inizio costruzione XII secolo o XIII secolo
Termine costruzione XV secolo
Condizione attuale in buono stato di conservazione
Proprietario attuale Comune di Campo Ligure
Visitabile

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Spinola è un edificio difensivo sito in via del Rivale a Campo Ligure, nella valle del torrente Stura in provincia di Genova.

Storia[modifica | modifica sorgente]

È difficile datare la reale edificazione del castello poiché la sua architettura e struttura presenta diverse fasi edilizie. Alcune parti di esso quali il tessuto murario della struttura esagonale esterna sembrerebbe risalire al periodo medievale, databile tra il XII e il XIII secolo, mentre la torre potrebbe essere un rifacimento molto più moderno di una precedente torre eretta nel Medioevo.

Le diverse fasi costruttive sono dovute per lo più a causa delle frequenti lotte e battaglie culminanti per la maggior parte dei casi nella distruzione o assedi del castello, dovendo quindi ogni volta porre rimedio ai danneggiamenti. Notevoli danni subì fra il 1225 e il 1273 a causa delle forti tensioni fra il comune di Genova e i marchesi Del Bosco, arrivando ad un assedio genovese nel borgo e quindi del maniero campese.

La famiglia Spinola, signori del feudo, scelsero il castello come alloggio temporaneo proprio per porre maggiore controllo - difesa del paese e soprattutto della valle circostante (Valle Stura) e delle sue vie di comunicazione. Nel 1310 il maniero venne ulteriormente fortificato con nuove mura di cinta ed erigendo a difesa tre torri cilindriche.

Quest'ultime - aperte verso l'interno - furono modificate nel XV secolo con l'aggiunta di una base a scarpa e dotandole di aperture per il fuoco, inoltre furono scavati diversi passaggi sotterranei e aerei in modi da collegare il castello al borgo di Campo. A seguito degli eventi rivoluzionari del XVIII secolo il castello fu abbandonato dagli Spinola, lasciandolo per anni in completo abbandono.

Ad oggi delle tre principali costruzioni soltanto quella più ad est è maggiormente conservata, quella a sud è stata trasformata in seguito in abitazione privata, mentre della parte a nord non rimane più nulla a seguito al franamento del terreno. Intorno agli anni novanta l'intero complesso, divenuto nel frattempo proprietà del Comune di Campo Ligure, è stato sottoposto a lavori di restauro permettendone così l'agibilità.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alice Baschiera, Archeologia in castello: Campo Ligure e l'archeologia medievale, Genova, 2002, Genova Università.
  • Daniele Biello, Il castello di Campo Ligure. Uno scorcio di storia ligure ed un esemplare di architettura militare, Genova, 1988, A Compagna.
  • Bruno Repetto, Castello e borgo a Campo Ligure:un caso di recupero ambientale, Genova, 1990.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]