Carlos José Castilho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castilho
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 181 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1965
Carriera
Squadre di club1
1945-1946Olaria? (-?)
1947-1965Fluminense697 (-777)
?Paysandu? (-?)
Nazionale
1950-1962 Brasile Brasile 19 (-19; 1)
Carriera da allenatore
1973-1974Vitória
1977Operário-MS
1977Internacional
1984-1986Santos
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Argento Brasile 1950
Oro Svezia 1958
Oro Cile 1962
Transparent.png Campeonato Sudamericano de Football
Oro Brasile 1949
Argento Argentina 1959
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Carlos José Castilho noto anche solo come Castilho (Rio de Janeiro, 27 novembre 1927Rio de Janeiro, 2 febbraio 1987) è stato un calciatore e allenatore di calcio brasiliano, di ruolo portiere.

È primatista di presenza con la maglia del Fluminense[1] ed è stato campione del mondo per due volte (1958 e 1962) con la Nazionale brasiliana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di ottima tecnica, compiva parate che sembravano aiutate dalla fortuna,[2][3] per questo fu soprannominato dagli avversari Leiteria[4] (Fortunato) e i tifosi del Fluminense lo chiamavano São Castilho[2][3] (San Castilho). Nel 1952 parò sei rigori.[4] Daltonico, riteneva di essere avvantaggiato nel vedere rosse le palle gialle, anche se di sera era maggiormente in difficoltà con quelle bianche.[4][5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Castilho iniziò la carriera nell'Olaria nel 1945, per poi passare al Fluminense nel 1947. Alla Fluminense disputò 697 partite, record per il club,[1] subendo 777 gol e restando imbattuto in 255 partite.[2]

Viene anche ricordato come esempio di stoicismo: dopo il quinto infortunio a un dito della mano sinistra, quando il medico gli disse che ci sarebbero voluti due mesi di cure, decise di amputarlo parzialmente[5] e due settimane dopo l'operazione ritornò a difendere la porta del Fluminense.[2][4]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale brasiliana Castilho disputò 19 partite ufficiali subendo 19 gol e segnandone 1, la terza rete brasiliana in Brasile-Paraguay 4-2 al 70º minuto di gioco.

Con il Brasile partecipò a 4 Mondiali: nel 1950, nel 1954, dove fu titolare, nel 1958 e nel 1962, ottenendo un secondo posto nella prima edizione e vincendo le ultime due, nelle quali, tuttavia, non scese mai in campo.[5]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro dall'attività agonistica Castilho allenò diverse squadre in Brasile: il Vitória, l'Operário-MS, l'Internacional e il Santos,[5] con cui vinse il Campionato Paulista nel 1984.[2]

Si è suicidato il 2 febbraio 1987, a 59 anni, gettandosi dalla finestra dell'appartamento della ex moglie nel quartiere Bonsuccesso di Rio de Janeiro.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fluminense: 1951, 1959, 1964
Fluminense: 1957, 1960

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 1949
1952
Svezia 1958, Cile 1962

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Santos: 1984

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PT) Estatísticas, fluminense.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  2. ^ a b c d e (PT) Biografias - Castilho, esporte.uol.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  3. ^ a b (PT) Castilho, fluminense.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  4. ^ a b c d (PT) Ídolos - Castilho, flumania.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2014).
  5. ^ a b c d e (PT) Rodrigo Alves, Amor ao Tricolor: com talento e um dedo de sorte, nasce São Castilho, globoesporte.globo.com, 7 luglio 2012. URL consultato il 4 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]