Carlos José Castilho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castilho
Nome Carlos José Castilho
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 181 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1965
Carriera
Squadre di club1
1945-1946Olaria? (-?)
1947-1965Fluminense697 (-777)
?Paysandu? (-?)
Nazionale
1950-1962 Brasile Brasile 19 (-19; 1)
Carriera da allenatore
1973-1974Vitória
1977Operário-MS
1977Internacional
1984-1986Santos
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Argento Brasile 1950
Oro Svezia 1958
Oro Cile 1962
Transparent.png Campeonato Sudamericano de Football
Oro Brasile 1949
Argento Argentina 1959
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Carlos José Castilho noto anche solo come Castilho (Rio de Janeiro, 27 novembre 1927Rio de Janeiro, 2 febbraio 1987) è stato un calciatore e allenatore di calcio brasiliano, di ruolo portiere.

È primatista di presenza con la maglia del Fluminense[1] ed è stato campione del mondo per due volte (1958 e 1962) con la Nazionale brasiliana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di ottima tecnica, compiva parate che sembravano aiutate dalla fortuna,[2][3] per questo fu soprannominato dagli avversari Leiteria[4] (Fortunato) e i tifosi del Fluminense lo chiamavano São Castilho[2][3] (San Castilho). Nel 1952 parò sei rigori.[4] Daltonico, riteneva di essere avvantaggiato nel vedere rosse le palle gialle, anche se di sera era maggiormente in difficoltà con quelle bianche.[4][5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Castilho iniziò la carriera nell'Olaria nel 1945, per poi passare al Fluminense nel 1947. Alla Fluminense disputò 697 partite, record per il club,[1] subendo 777 gol e restando imbattuto in 255 partite.[2]

Viene anche ricordato come esempio di stoicismo: dopo il quinto infortunio a un dito della mano sinistra, quando il medico gli disse che ci sarebbero voluti due mesi di cure, decise di amputarlo parzialmente[5] e due settimane dopo l'operazione ritornò a difendere la porta del Fluminense.[2][4]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale brasiliana Castilho disputò 19 partite ufficiali subendo 19 gol e segnandone 1, la terza rete brasiliana in Brasile-Paraguay 4-2 al 70º minuto di gioco.

Con il Brasile partecipò a 4 Mondiali: nel 1950, nel 1954, dove fu titolare, nel 1958 e nel 1962, ottenendo un secondo posto nella prima edizione e vincendo le ultime due, nelle quali, tuttavia, non scese mai in campo.[5]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro dall'attività agonistica Castilho allenò diverse squadre in Brasile: il Vitória, l'Operário-MS, l'Internacional e il Santos,[5] con cui vinse il Campionato Paulista nel 1984.[2]

Si è suicidato il 2 febbraio 1987, a 59 anni, gettandosi dalla finestra dell'appartamento della ex moglie nel quartiere Bonsuccesso di Rio de Janeiro.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fluminense: 1951, 1959, 1964
Fluminense: 1957, 1960

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 1949
1952
Svezia 1958, Cile 1962

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Santos: 1984

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PT) Estatísticas, fluminense.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  2. ^ a b c d e (PT) Biografias - Castilho, esporte.uol.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  3. ^ a b (PT) Castilho, fluminense.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  4. ^ a b c d (PT) Ídolos - Castilho, flumania.com.br. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  5. ^ a b c d e (PT) Rodrigo Alves, Amor ao Tricolor: com talento e um dedo de sorte, nasce São Castilho, globoesporte.globo.com, 7 luglio 2012. URL consultato il 4 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]