Bulbasaur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bulbasaur
Bulbasaur.png
UniversoPokémon
Nome orig.フシギダネ (Fushigidane)
Lingua orig.Giapponese
Autori
StudioGame Freak
EditoreNintendo
1ª app.27 febbraio 1996
1ª app. inPokémon Rosso e Blu (prima generazione)
Voci orig.

Bulbasaur (フシギダネ Fushigidane?) è un Pokémon base della prima generazione di tipo Erba/Veleno. Il suo numero identificativo Pokédex è 1. Nel contesto del franchise creato da Satoshi Tajiri, Bulbasaur si evolve in Ivysaur al raggiungimento di uno specifico livello.

Ideato dal team di designer della Game Freak[1], Bulbasaur fa la sua prima apparizione nel 1996 nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu come uno dei Pokémon iniziali che i giocatori possono scegliere per cominciare la loro avventura. Compare inoltre nella maggior parte dei titoli successivi, in videogiochi spin-off, nella serie televisiva anime, nel Pokémon Trading Card Game e nel merchandising derivato dalla serie.

L'allenatore Ash Ketchum possiede un esemplare del Pokémon.[2] Il protagonista di Pokémon Adventures, Red, ha inoltre ricevuto un Bulbasaur come suo Pokémon starter.[3] Anche Vera ha posseduto un esemplare di Bulbasaur, in seguito evolutosi fino a diventare un Venusaur.[4]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla nascita ha un seme piantato nella schiena, che cresce con lui assorbendo la luce solare fino a diventare un bulbo sempre più grande. Traendo nutrimento dalla pianta, il Pokémon cresce rapidamente e può resistere a lungo senza ingerire cibo[5].

Bulbasaur si evolve in Ivysaur al raggiungimento di uno specifico livello.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Erba, Fuoco o Acqua?

Bulbasaur è spesso consigliato ai giocatori principianti per via del suo doppio tipo, Erba/Veleno, che rende il Pokémon e le sue evoluzioni molto versatili. Il manuale delle versioni Rosso e Blu suggerisce ai nuovi giocatori di iniziare con Bulbasaur per l'efficacia contro il tipo Roccia.

Anche le guide ufficiali ritengono Bulbasaur, insieme a Squirtle, uno dei starter in grado di semplificare le prime battaglie tra Pokémon, in contrapposizione a Charmander. In particolare i due Pokémon risultano avvantaggiati nei confronti dei Pokémon del capopalestra Brock.

In Pokémon Rosso e Blu e nei remake Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia è uno dei tre Pokémon iniziali. Se il giocatore sceglie Bulbasaur, il rivale sceglierà Charmander.

Nella versione Gialla, Bulbasaur è ottenibile nella città di Celestopoli da una ragazza che risiede nelle vicinanze del Centro Pokémon. Il personaggio donerà al protagonista il suo Pokémon non appena il Pikachu del ragazzo sarà di buon umore.

Nei videogiochi Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver il protagonista potrà riceverlo dal Professor Oak una volta sconfitto Rosso. In Pokémon X e Y viene consegnato dal Professor Platan a Luminopoli.

Il Pokémon è inoltre uno dei sedici starter presenti nei videogiochi della serie Pokémon Mystery Dungeon.

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Bulbasaur appare per la prima volta nel corso dell'episodio Un'oasi felice (Bulbasaur and the Hidden Village). In questo episodio Ash, Brock e Misty si smarriscono prima di arrivare a Vermilion City. Misty incontra un Oddish e tenta di catturarlo, ma quest'ultimo viene difeso da un Bulbasaur. Ash tenta di catturare invano il Pokémon, ma esso fugge. Alla fine dell'episodio i tre amici incontrano una abitazione dove una ragazza, Melanie, si prende cura dei Pokémon abbandonati. Dopo un tentativo, sventato da Ash, da parte del Team Rocket di catturare tutti i Pokémon di Melanie, Bulbasaur inizia a fidarsi di Ash e Melanie glielo vorrebbe affidare, a patto che il ragazzo riesca a sconfiggerlo in battaglia. Grazie all'aiuto di Pikachu, Ash sconfigge e cattura il Pokémon.[6] Nell'episodio Il giardino dei misteri (Bulbasaur's Mysterious Garden), il Bulbasaur di Ash rinuncia ad evolversi[7], come già aveva fatto Pikachu in Un incontro da elettroshock (Electric Shock Showdown).[8] Nell'episodio L'ambasciatore di pace (Bulbasaur...The Ambassador!) il ragazzo lo invia al Professor Oak.[2][9]

In Terra proibita (Grass Hysteria!), Vera cattura un altro esemplare di Bulbasaur, che, all'inizio della Saga del Parco Lotta, verrà affidato al Professor Oak.[10] Il Pokémon della ragazza si è successivamente evoluto fino a diventare un Venusaur.[4]

Anche l'allenatrice Shana ha ricevuto un esemplare del Pokémon dal professor Platan nell'episodio L'estate delle scoperte! (Summer of Discovery!) come Pokémon iniziale.[11]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Nel manga Pokémon Adventures, Bulbasaur è il primo Pokémon di Rosso, che gli viene consegnato dal Professor Oak, nel secondo capitolo del manga, VS. Machoke.[12] In seguito esso si evolverà in Ivysaur e infine in Venusaur.[3]

Nel manga Il magico viaggio dei Pokémon, Pistachio (ピスタチオ?) possiede un Bulbasaur di nome Danerina.[13]

Carte collezionabili[modifica | modifica wikitesto]

Bulbasaur appare in 12 carte di tipo Erba appartenenti a 9 set.[14][15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Can such cute critters be bad influences? How one misfit's quest turned into a global bonanza, TIME Asia, 22 novembre 1999.
  2. ^ a b (EN) Ash's Bulbasaur da Bulbapedia
  3. ^ a b (EN) Saur da Bulbapedia
  4. ^ a b (EN) May's Venusaur da Bulbapedia
  5. ^ (EN) Bulbasaur, su pokemondb.net. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  6. ^ (EN) Episode 10 - Bulbasaur and the Hidden Village da Serebii.net
  7. ^ (EN) Episode 51 - Bulbasaur's Mysterious Garden da Serebii.net
  8. ^ (EN) Episode 14 - Electric Shock Showdown da Serebii.net
  9. ^ (EN) Episode 227 - Bulbasaur...The Ambassador! da Serebii.net
  10. ^ (EN) Episode 349 - Grass Hysteria! da Serebii.net
  11. ^ (EN) Episode 842 - Pokémon Summer Camp! Enter the Rival Trio!! da Serebii.net
  12. ^ (EN) 002: VS. Machoke! da Serebii.net
  13. ^ (EN) Danerina da Bulbapedia
  14. ^ (EN) Bulbasaur (TCG) da Bulbapedia
  15. ^ (EN) #001 Bulbasaur - Cardex da Serebii.net

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, p. 66, ISBN 978-4-549-66914-0.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, p. 71, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, p. 81, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, p. 127, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, p. 91, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, p. 14, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, p. 394, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 307, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 199, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pokémon Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon