Boomerang - L'arma che uccide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boomerang - L'arma che uccide
Titolo originale Boomerang
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1947
Durata 88 min
Colore B/N
Audio Mono (Western Electric Recording)
Rapporto 1.37 : 1
Genere drammatico, nero, poliziesco
Regia Elia Kazan
Soggetto Anthony Abbott
Sceneggiatura Richard Murphy
Produttore Louis de Rochemont
Produttore esecutivo Darryl F. Zanuck
Casa di produzione Twentieth Century Fox Film Corporation
Fotografia Norbert Brodine
Montaggio Harmon Jones
Musiche David Buttolph
Scenografia Richard Day e Chester Gore
Thomas K. Little (arredamenti)
Costumi Kay Nelson
Charles Le Maire (guardaroba)
Trucco Ben Nye
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Boomerang - L'arma che uccide (Boomerang) (conosciuto anche come Boomerang! - L'arma che vendica) è un film del 1947 diretto da Elia Kazan, ispirato ad una storia vera, l'omicidio dell'anziano sacerdote Hubert Dahme del 1924 a Bridgeport nel Connecticut e adattata per il grande schermo dallo sceneggiatore Richard Murphy. Il film, impregnato di denuncia sociale, fu girato nei medesimi luoghi della vicenda con uno stile crudo e molto realistico, quasi vicino al documentario, ed ottenne una nomination al Premio Oscar proprio per la sceneggiatura.

È stato presentato in concorso al 2º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'omicidio insoluto di un anziano sacerdote, la polizia concentra le sue indagini su un giovane disoccupato, costringendolo a confessare un omicidio non commesso e lo arresta. Convinta della sua innocenza, un giovane Pubblico Ministero riesce a farlo liberare e a indagare per discolparlo fino a scoprire la verità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1947, festival-cannes.fr. URL consultato il 25-1-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema