Bombardamento di San Marino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bombardamento di San Marino
parte della Campagna d'italia sulla Linea Gotica
North America Mitchell MkIII ExCC.jpg
Data26 giugno 1944
LuogoCittà di San Marino, Repubblica di San Marino
Coordinate43°55′56″N 12°26′55″E / 43.932222°N 12.448611°E43.932222; 12.448611Coordinate: 43°55′56″N 12°26′55″E / 43.932222°N 12.448611°E43.932222; 12.448611
Mappa di localizzazione: San Marino
Bombardamento di San Marino
Forze in campo
Eseguito daRegno Unito Regno Unito
Ai danni diSan Marino San Marino
Bilancio
Esitovittoria Alleata
Perdite civili63 morti
Perdite attaccantiNessuna
voci di bombardamenti aerei presenti su Wikipedia

Il bombardamento di San Marino è stato un episodio nell'ambito della seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il bombardamento venne condotto da aerei della Desert Air Force britannica, il 26 giugno del 1944, per effetto di quella che, successivamente, Winston Churchill definì un'operazione condotta a seguito di informazioni sbagliate. Furono sganciate 263 bombe principalmente sulla linea ferroviaria che la collegava a Rimini facendo 63 morti. Motivo di tale obiettivo era la credenza che l'infrastruttura fosse utilizzata dai tedeschi per la movimentazione di personale bellico e, soprattutto, armi.[1] Oltre a questa versione, ricorrentemente adottata, si suppone che gli alleati abbiano bombardato il territorio per uccidere il Feldmaresciallo Albert Kesselring, ritenuto in visita nella Repubblica proprio in quei giorni.[2] Successivamente, gli Alleati invasero il territorio il 20 settembre 1944 per inseguire i tedeschi in fuga verso nord, nonostante la nazione fosse dichiaratamente neutrale.

Visto che le accuse di collaborazionismo non furono mai dimostrate, la Repubblica di San Marino fu risarcita con 80.000 sterline il 7 luglio 1961. Fu inoltre riconosciuto, con una presa di posizione esplicita da parte della Camera dei Comuni, il rigore adottato da San Marino nel conflitto a perseguire il proprio consueto neutralismo.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amedeo Montemaggi, Rimini S. Marino '44: la battaglia della linea gialla, San Marino, Arti grafiche Della Balda, 1983.
  • Amedeo Montemaggi, San Marino nella bufera, 1943–44: gli anni terribili, San Marino, Arti grafiche Della Balda, 1984.
  • Amedeo Montemaggi, Linea Gotica 1944. La battaglia di Rimini e lo sbarco in Grecia decisivi per l'Europa sud-orientale e il Mediterraneo, Rimini, Museo dell'Aviazione, 2002.
  • Augusto Stacchini, San Marino 26 giugno 1944, una scomoda verità, San Marino, Carlo Filippini Editore, 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]