Zrakoplovstvo Nezavisne Države Hrvatske

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zrakoplovstvo Nezavisne Države Hrvatske
Aeronautica militare dello Stato Indipendente di Croazia
Air Force of the Independent State of Croatia
Descrizione generale
Attiva 1941 - 1945
Nazione Croazia Croazia
Alleanza Potenze dell'Asse
Servizio forze armate croate
Tipo forza aerea
Comandanti
Comandanti degni di nota Emil Uzelac
Simboli
coccarda dal 1941 al 1944 Croatian roundel.PNG
coccarda dal 1944 al 1945 Croatian roundel WW2.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Zrakoplovstvo Nezavisne Države Hrvatske era l'aeronautica militare dello Stato Indipendente di Croazia e parte integrante delle forze armate croate dalla caduta del Regno di Jugoslavia alla fine della seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia dell'aeronautica militare croata risale alla seconda guerra mondiale: durante il conflitto la maggior parte delle forze croate fu inviata sul fronte est con il nome croato Hrvatska zrakoplovna legija (in tedesco Kroatische Luftwaffen Legion). Questa forza aerea allora consisteva in uno squadrone di caccia equipaggiato con i Messerschmitt Bf 109 ed uno squadrone di bombardieri equipaggiato con i Dornier Do 17. In particolare lo squadrone di caccia prese parte alle operazioni aeree sul Fronte orientale, e molti dei piloti croati, tra gli altri Mato Dukovac, Cvitan Galić, Franjo Džal, si distinsero in combattimento conquistando la fama di asso dell'aeronautica.

L'aeronautica militare dello Stato indipendente di Croazia (Zrakoplovstvo Nezavisne Države Hrvatske o ZNDH) divenne attiva il 19 aprile 1941. Alla fine della guerra tutti gli aeromobili catturati alla ZNDH furono inglobati dall'aeronautica dell'Armata Popolare Jugoslava.

Aeromobili in uso[modifica | modifica sorgente]

Caccia[modifica | modifica sorgente]

Bombardieri[modifica | modifica sorgente]

Da addestramento[modifica | modifica sorgente]

Da ricognizione[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • E.Angelucci, “Aerei: Italia, Francia, Olanda”
  • E.Angelucci, “Aerei: Germania”
  • E.Angelucci, “Atlante Enciclopedico degli Aerei Militari”
  • N.Arena, “L’Aeronautica Nazionale Repubblicana”
  • N.Arena, “L’Italia in guerra 1940-1945”
  • W.Boyne, “Scontro d’Ali”
  • C.Chant, “Aerei della 2ª Guerra Mondiale”
  • C.Dunning, “Solo Coraggio!”
  • J.Ethell, “Aerei della 2ª Guerra Mondiale”
  • (FR) Danijel Frka, Josip Novak, Sinisa Pogacic, La Force Aérienne Croate 1941-1945. Historie de l'Aviation, Lela Presse (2000). ISBN 2-914017-03-0
  • A.Price, “Bombardieri nella 2ª Guerra Mondiale”
  • Schede Tecniche dell’Enciclopedia Aeronautica De Agostini

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]