Blood: The Last Vampire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Blood: The Last Vampire
Blood The Last Vampire.jpg
Copertina del DVD Panini Video
Titolo originaleブラッド ザ ラスト ヴァンパイア
Buraddo Za Rasuto Vanpaia
Lingua originalegiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2000
Durata48 min
Genereanimazione, orrore
RegiaHiroyuki Kitakubo
SoggettoMamoru Oshii
SceneggiaturaKenji Kamiyama
Casa di produzioneProduction I.G
Distribuzione in italianoPanini Video
Art directorYusuke Takeda
Character designKatsuya Terada
AnimatoriKazuchika Kise (direttore)
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Blood: The Last Vampire (ブラッド ザ ラスト ヴァンパイア Buraddo Za Rasuto Vanpaia?) è un film d'animazione del 2000 diretto da Hiroyuki Kitakubo.

Pellicola giapponese prodotta dalla Production I.G (Ghost in the Shell, Neon Genesis Evangelion, Kill Bill: Volume 1) e basata su un soggetto del regista Mamoru Oshii, premiato in diversi paesi. Si tratta del primo film di animazione a essere stato realizzato interamente in digitale[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si svolge nella base statunitense Yokota Air Base in Giappone, qualche mese prima della guerra in Vietnam. La protagonista, Saya, è una cacciatrice di vampiri (nel film chiamati chirotteri) che utilizza una katana e lavora per un'associazione conosciuta come Red Shield. Saya (come si intuisce dal titolo del film) è un vampiro originale, l'ultimo. Saya non teme la luce, ma sembra essere infastidita dai simboli religiosi. Poco prima della festività di Halloween, Saya riceve l'incarico di trovare e uccidere due chirotteri che si nascondono nella base e, per farlo, si iscrive nella scuola, dove scopre che le sue prede si nascondono proprio tra gli studenti.

Franchise e spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo del film la Sony e la Production I.G hanno prodotto videogiochi[2], romanzi[3] e un manga[3][4] basato sul film. Inizialmente edito solo in Giappone[3] è stato poi pubblicato anche in Nord America[5].

Kudoh ha riproposto il ruolo di Saya in un videogioco per PlayStation 2, prodotto dalla Sony Entertainment Japan, che è stato realizzato solo per il mercato giapponese nel 2000[6][7]. Con l'uscita dello spin-off Blood+, che ha per protagonista una ragazza che sarebbe le reincarnazione di Saya, la Production I.G e la Sony hanno annunciato l'uscita giapponese di un gioco di Blood+ per PS2 e PSP[8].

Il soggetto del film è stato tratto da un romanzo dello stesso Mamoru Oshii intitolato Kemonotachi no yoru (lett. "La notte delle bestie")[3].

Nel 2011 è uscito il secondo spin-off Blood-C nato da una collaborazione fra lo Studio Production I.G ed il gruppo di autrici CLAMP[9][10].

Film live-action[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The Last Vampire - Creature nel buio.

Nel maggio 2006, William Kong produttore dell'acclamato film La tigre e il dragone, annunciò l'adattamento cinematografico di Blood: The Last Vampire[11]. Il remake dal vivo è poi stato effettivamente realizzato nel 2009, per la regia di Chris Nahon[12][13], in Italia uscito direttamente in DVD con il titolo The Last Vampire - Creature nel buio[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fantasia 2000 holds press conference, in Anime News Network, 5 luglio 2000. URL consultato il 22 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Blood: The Last Vampire (Game Edition), su productionig.com, Production I.G. URL consultato il 22 agosto 2021.
  3. ^ a b c d (JA) 商品情報, su production-ig.co.jp, Production I.G. URL consultato il 22 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).
  4. ^ (EN) Christopher Macdonald, Interview: Production I.G., su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 1º agosto 2000. URL consultato il 22 agosto 2021.
  5. ^ (EN) Blood: The Last Vampire, su viz.com, Viz Media. URL consultato il 22 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2009).
  6. ^ (EN) Blood: The Last Vampire, in IGN, 14 ottobre 2000. URL consultato il 22 agosto 2021.
  7. ^ (EN) Anoop Gantayat, Sony Brings Blood to PSP, in IGN, 5 dicembre 2005. URL consultato il 22 agosto 2021.
  8. ^ (JA) TV Series Animation - BLOOD +, su blood.tv, Production I.G. URL consultato il 22 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2013).
  9. ^ (EN) Egan Loo, CLAMP, I.G to Collaborate on Blood-C Original Anime, in Anime News Network, 24 marzo 2011. URL consultato il 22 agosto 2021.
  10. ^ (EN) Egan Loo, CLAMP's Blood-C to Be Made as Both TV Series & Film, in Anime News Network, 8 aprile 2011. URL consultato il 22 agosto 2021.
  11. ^ (EN) 'Blood: The Last Vampire' Live Action, in ICv2, 18 maggio 2006. URL consultato il 22 agosto 2021.
  12. ^ (EN) Christopher Macdonald, Live Action Blood: The Last Vampire, in Anime News Network, 3 novembre 2006. URL consultato il 22 agosto 2021.
  13. ^ (EN) Egan Loo, Live-Action Blood: The Last Vampire Teaser Gets 450,000 Accesses, in Anime News Network, 3 marzo 2009. URL consultato il 22 agosto 2021.
  14. ^ USCITE in DVD/Blu-Ray Disc - Luglio 2010, su Il Tempio del Video. URL consultato il 22 agosto 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]