Attentati di Bruxelles del 22 marzo 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attentati di Bruxelles del 22 marzo 2016
Atentados de Bruselas de marzo de 2016.jpg
La mappa di Bruxelles
StatoBelgio Belgio
LuogoBruxelles
Obiettivo
Data22 marzo 2016
8:00 – 9:11 (UTC+1)
Tipo
Morti35 (inclusi 3 terroristi)
Feriti340[1]

Gli attentati di Bruxelles del 22 marzo 2016 sono stati una serie di attacchi terroristici sferrati nella capitale belga alle ore 8:00 circa; due avvenuti presso l'aeroporto di Bruxelles e uno alla stazione della metropolitana di Maalbeek.

Gli attentati sono stati rivendicati, dopo le 15:00, dall'autoproclamato Stato Islamico, comunemente noto come ISIS, attraverso l'agenzia di stampa Amaq.[2]

Esplosioni[modifica | modifica wikitesto]

Nelle seguenti esplosioni, dopo l'arresto, è stato trovato dagli inquirenti lo stesso esplosivo (TATP) usato a Parigi negli attentati del 13 novembre 2015, inoltre sono stati trovati chiodi nello stesso esplosivo per renderlo il più letale possibile sulle persone[3]. In totale gli attentati causarono 340 feriti e 32 morti (16 all'aeroporto di Bruxelles-National e 16 alla stazione della metropolitana di Maelbeek/Maalbeek).

Aeroporto di Bruxelles[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Bruxelles visto dall'alto

Ci sono state due esplosioni presso la sala delle partenze dell'aeroporto di Bruxelles-National verso le ore 8:00 del mattino[4]: una esplosione vicino ai banchi di accettazione delle compagnie American Airlines e Brussels Airlines e l'altra vicino ad una caffetteria Starbucks.[5] Le vetrate dell'edificio del terminal principale si sono infrante e vi sono danni significativi all'interno.[5][6]

Un terzo ordigno inesploso insieme ad un fucile Kalašnikov viene ritrovato poco dopo le prime due esplosioni.[7]

Il governo belga ha istituito il più alto livello d'allerta nazionale.[4][5][8]

Dopo l'attentato, l'aeroporto è stato chiuso e tutti i voli cancellati,[9] con deviazioni degli arrivi nei vicini aeroporti di Charleroi-Bruxelles sud e Schiphol ad Amsterdam (Paesi Bassi).[10]

Stazione della metropolitana Maelbeek/Maalbeek[modifica | modifica wikitesto]

Marciapiede della stazione di Maalbeek

Una terza esplosione ha avuto luogo sul vagone centrale di un convoglio della metropolitana nel centro di Bruxelles.[11][12] Il treno stava viaggiando tra le stazioni di Maelbeek/Maalbeek e Schuman alle ore 9:11 locali.[13][14] I collegamenti della metropolitana di Bruxelles sono stati susseguentemente interrotti. L'8 aprile viene fermato ed arrestato Mohamed Abrini, un altro presunto organizzatore degli attentati[15][5].

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Vittime per nazionalità
Nazionalità Morti Note
Belgio Belgio * 14 [16]
Stati Uniti Stati Uniti 4 [16]
Paesi Bassi Paesi Bassi 3 [16]
Svezia Svezia 2 [16]
Italia Italia 1 [16]
Francia Francia 1 [16]
Marocco Marocco 1 [16]
Regno Unito Regno Unito 1 [16]
Polonia Polonia 1 [16]
Germania Germania * 1 [16]
Cina Cina 1 [16]
Perù Perù 1 [16]
India India 1 [16]
Totale 32 [16]
* Alcune vittime hanno doppia nazionalità.

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

In un discorso televisivo rivolto al paese, re Filippo ha espresso il suo dolore per gli attacchi compiuti e ha offerto il suo pieno sostegno ai membri dei servizi d'emergenza e di sicurezza[17].

A seguito degli attentati, molti edifici simbolo delle altre nazioni sono stati illuminati con i colori della bandiera belga, tra cui la Porta di Brandeburgo a Berlino, la torre Eiffel a Parigi, la Fontana di Trevi a Roma, la National Gallery a Londra e il Burj Khalifa a Dubai[18].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stragi in Europa, le teorie del complotto. Illuminati, feriti "comparse" e "false flag" - Pagina 9 di 10, su Il Fatto Quotidiano, 29 luglio 2016. URL consultato il 29 luglio 2016.
  2. ^ BRUXELLES| La diretta del Mattino.it, ecco le ultime notizie minuto per minuto |, Il Mattino, 22 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2016.
  3. ^ ATTENTATI A BRUXELLES / News bombe Belgio, diretta live streaming video tv: chiodi negli esplosivi (ultime notizie in tempo reale oggi 22 marzo), www.ilsussidiario.net, 22 marzo 206. URL consultato il 22 marzo 2016.
  4. ^ a b Brussels Zaventem airport and metro explosions 'kill at least 13', in BBC, 22 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2016.
  5. ^ a b c d Matthew Weaver, Brussels Airport explosions – live updates, in The Guardian, 22 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2016.
  6. ^ Explosion at Brussels Airport took place near American Airlines desk – reports, su RT International.
  7. ^ Daniele Mastrogiacomo, Attacco al cuore dell'Europa, la giornata di terrore a Bruxelles - Repubblica.it, La repubblica. URL consultato il 22 marzo 2016.
  8. ^ Several dead in Brussels airport explosions, su www.thenews.com.pk. URL consultato il 22 marzo 2016.
  9. ^ Brussels explosions: Full list of Zaventem airport diverted, cancelled and arrived flights, su International Business Times UK. URL consultato il 22 marzo 2016.
  10. ^ Vluchten naar Brussel wijken uit naar Schiphol, su NU.
  11. ^ jfbxl (22 marzo 2016).
  12. ^ lesoir (22 March 2016).
  13. ^ hrt, Vrees voor doden bij explosie in metrostation Maalbeek, su De Standaard.
  14. ^ Brussels attacks: Latest updates - BBC News, BBC.
  15. ^ STIBMIVB (22 March 2016).
  16. ^ a b c d e f g h i j k l m n http://www.ibtimes.co.uk/brussels-attack-all-victims-isis-bombings-identified-1552315
  17. ^ King Philippe of Belgium's Brussels Attack Address, Gert's Royals, 22 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  18. ^ Julie Vitkovskaya, Eiffel Tower lights up in Belgian flag colors after Brussels attacks, in The Washington Post, 22 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]