Antonov An-124 Ruslan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonov An-124 Ruslan
Antonov An-124 EFHK.jpg
Un An-124 della russa Volga-Dnepr in decollo da Helsinki, 2005.
Descrizione
Tipoaereo da trasporto strategico
Equipaggio4
ProgettistaUnione Sovietica Oleg K. Antonov
Pëtr Vasil'evič Balabuev
CostruttoreUnione Sovietica OKB-153 Antonov
Data primo volo26 dicembre 1982
Data entrata in serviziogennaio 1986
Utilizzatore principaleRussia Russia
Altri utilizzatoriRussia Volga-Dnepr
Ucraina Antonov Airlines
Esemplari55
Altre variantiAntonov An-225 Mriya
Dimensioni e pesi
Antonov An-124 3-view.svg
Tavole prospettiche
Lunghezza69,10 m
Apertura alare73,30 m
Altezza21,10 m
Superficie alare628,50
Peso a vuoto181 000 kg
Peso carico214 000 kg
Peso max al decollo405 740 kg
Capacità combustibile348 000 kg
Propulsione
Motore4 turboventola
Progress/Lotarev D-18T
Spinta229,9 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max850 km/h
Velocità di crociera865 km/h
Corsa di decollo3.000 m
Atterraggio900 m
Autonomia3 700 km a pieno carico
Tangenza12 000 m
Notedati relativi alla versione:
An-124-100M

dati tratti da:
Aerei[1]
Jane's all the World's Aircraft 2006-07[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
La vista frontale del An-124.
La vista laterale del An-124.

L'Antonov An-124 Ruslan (in cirillico: Антонов Ан-124 Руслан, nome in codice NATO "Condor"),[3] è un aereo da trasporto strategico, di fabbricazione sovietica prima e russa poi, sviluppato dall'OKB-153 negli anni ottanta ed entrato in servizio presso le forze aeree sovietiche nel 1986.

Ancora oggi in servizio presso le forze aerospaziali russe, è stato il più grande aereo da carico prodotto in serie dal momento della sua entrata in servizio e fino all'ingresso del Boeing 747-8F. Ne era prevista la ripresa della produzione su larga scala, abbandonata a causa delle tensioni tra Russia e Ucraina attorno alla penisola crimeana. Una versione estesa dell'An-124 è stata realizzata a supporto del programma spaziale sovietico Buran e ribattezzata An-225 Mriya.

Il nome richiama il protagonista della favola Ruslan e Ljudmila di Puškin.

Attività significative[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel maggio 1987, un An-124 stabilì un record del mondo, coprendo la distanza di 20.151 km, senza rifornimento in volo. Il volo durò 25 ore e 30 minuti; il peso al decollo fu di 455.000 kg. Il record precedente era detenuto da un Boeing B-52H Stratofortress (18.245 km).
  • Nel luglio 1985, un An-124 decollò con un carico di 171.219 kg raggiungendo i 2.000 metri di altitudine. Successivamente decollò con 170.000 kg di carico raggiungendo un'altitudine di 10.750 metri.
  • Il 8 ottobre 1996 un An-124 si schiantò in fase di atterraggio presso l'Aeroporto di Torino-Caselle su una cascina a San Francesco al Campo, provocando la morte di 4 persone: due membri dell'equipaggio e due abitanti della cascina.[4]
  • Nell'aprile 2005 un An-124 è stato utilizzato per il trasporto dell'Obelisco di Axum di Roma per restituirlo all'Etiopia. La spedizione fu fatta in tre viaggi per consentire il trasporto dell'obelisco del peso di 150 tonnellate e lungo 24 metri. Furono effettuate delle modifiche alla pista d'atterraggio di Axum, al fine di accogliere aeromobili di tali grandi dimensioni; il primo frammento dell'obelisco ripartì per l'Etiopia il 18 aprile 2005 dall'aeroporto di Pratica di Mare.
  • Il 9 settembre 2010 un An-124 della russa Volga-Dnepr in partenza dall'aeroporto di Torino-Caselle ha abortito il decollo per un'avaria a due motori. L'aeromobile immatricolato RA-82079 è rimasto parcheggiato fino al 25 settembre 2010 quando è ripartito dopo la sostituzione dei due motori danneggiati. Sono in corso indagini a seguito di inchieste aperte dalla Magistratura e dall'ANSV (Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo) per stabilire le cause. A causa di questa avaria, e per portare a termine la missione di trasporto, il 10 settembre 2010 è atterrato un secondo esemplare di An-124 della Volga-Dnepr immatricolato RA-82074 che è ripartito il giorno seguente. Non era mai successo che due aerei di questo tipo fossero presenti sullo scalo torinese contemporaneamente.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Un An-124 al Moffett Federal Airfield mentre effettua un carico di elicotteri dell'USAF destinati ai reparti in Afghanistan.
An-124-100 con la rampa di carico anteriore abbassata; si noti la parte anteriore della fusoliera inclinata verso il basso grazie al carrello d'atterraggio con le ruote anteriori parzialmente retratte.
An-124 Ruslan

Versione militare da trasporto strategico pesante.

An-124-100

Versione da trasporto commerciale.

An-124-100M-150

Nuova versione da trasporto commerciale sensibilmente migliorata. Il carico utile è stato aumentato da 120 tonnellate a 150 tonnellate, e il peso al decollo aumentato da 392 tonnellate a 402 tonnellate. L'autonomia di volo è maggiore, anche per carichi di 120 tonnellate, da 4650 km a 5400 km; la vita operativa è aumentata a 50.000 ore di volo in 45 anni di servizio, implementando il programma di manutenzione PO-500 (con una manutenzione ogni 500 ore di volo). La struttura della fusoliera è stata rafforzata per consentire il trasporto aereo di un singolo pezzo fino a 150 tonnellate di peso; è stata inserita una gru potenziata per operazioni di carico-scarico di un singolo pezzo di carico fino a 40 tonnellate di peso. Sistema di navigazione e radar sono stati aggiornati; sono stati inoltre installati ruote e pneumatici rinforzati, inserendo inoltre il sistema di frenata anti-skid digitale che permette di ridurre la distanza di atterraggio. L'equipaggio è ridotto da 6 a 4 membri, e il livello di comfort della cabina e del resto dell'equipaggio è stato migliorato. Il modello presenta varie migliorie al sistema di pilotaggio, come nuovi dispositivi per il controllo del motore, per il controllo d'inversione e il monitoraggio dello stato delle vibrazioni del motore, nonché un sistema di avviso di prossimità al terreno; il sistema di navigazione inerziale è stato aggiornato.

An-124-102

Versione da trasporto commerciale equipaggiata con EFIS flight deck.

An-124-130

Versione da trasporto commerciale rimasta a livello di proposta.

An-124-135

Variante dell'An-124-130 con sedile nella parte posteriore e il resto della cabina dedicato all'area di carico (circa 1.800 metri quadrati) per il trasporto merci.

An-124-150

Nuovo sviluppo che introduce diverse nuove funzionalità.

An-124-200

Versione proposta, equipaggiata con motori MOTOR SICH D18T SERIE 3M da 229,85 kN ciascuno.

An-124-210

Versione proposta sviluppata con l'Air Foyle per concorrere alle specifiche del programma britannico Short Term Strategic Airlifter (STSA), equipaggiata con motori Rolls-Royce RB211-524H-T da 264 kN (60 600 lbf) ciascuno ed avionica Honeywell STSA, concorso abbandonato nell'agosto del 1999, quindi reintegrato e vinto dal Boeing C-17A.

An-124-300

Versione aggiornata dell'An-124-100 destinata all'uso militare motorizzata con i nuovi turboventola Kuznetsov NK-65[5]; l'inizio della produzione è previsto nel 2016-2018[6]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Un An-124 della ucraina Antonov Airlines
Antonov An-124 della compagnia aerea russa 224º Distaccamento Aereo

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Russia Russia
All'ottobre 2017, opera con 12 esemplari ereditati dell'aeronautica sovietica suddivisi tra la 12ª e la 18ª divisione aerea di trasporto militare e il 224º distaccamento aereo di trasporto militare.[7]

Passati[modifica | modifica wikitesto]

Unione Sovietica Unione Sovietica
L'aeronautica sovietica ricevette 28 An-124, parte dei quali, allo scioglimento dell'Unione Sovietica, furono presi in carico dell'Aeronautica russa.[7]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Un Antonov An-124 della compagnia aerea russa Air Company Polet accanto ad un Airbus A320 ed un ATR-72 al Wrocław-Strachowice airport, agosto 2008.
Un Antonov An-124-100 della russa Volga-Dnepr.

Al settembre 2009 sono 28 gli esemplari in servizio operativo civile, totale completato da altri 10 esemplari in ordine.

Bulgaria Bulgaria
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
1 aereo all'ottobre 2017.[7]
Libia Libia
Russia Russia
12 An-124-100 in servizio al gennaio 2019.[7][8]
Ucraina Ucraina
7 aerei al gennaio 2019.[7][9][10]

Passati[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Regno Unito
Russia Russia
Unione Sovietica Unione Sovietica

Ordinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Russia
  • Volga-Dnepr - 20 An-124-300 ordinati più 20 in opzione (l'entrata in servizio prevista dal 2016-2018)

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riccardo Niccoli, Aerei. Conoscere e riconoscere tutti gli aerei ed elicotteri più importanti, civili e militari, storici ed attuali, 2ª ed, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2005 [1998], pp. p.29, ISBN 978-88-418-2359-0.
  2. ^ Jackson, Paul, MRAeS, ed. (2005). Jane's all the World's Aircraft 2006-07 (97th ed.). London: Jane's Publishing Group. pp. 569–571. ISBN 978-0-7106-2745-2.
  3. ^ (EN) Andreas Parsch e Aleksey V. Martynov, Designations of Soviet and Russian Military Aircraft and Missiles, su Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 2 luglio 2008. URL consultato il 26 settembre 2010.
  4. ^ Nelle scuole di San Francesco al Campo il ricordo dei 20 anni dell’aereo precipitato su una cascina, in La Stampa, 9 ottobre 2016. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  5. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 04-09-2012 - ОАО "Кузнецов" рассмотрит перспективы создания двигателей для самолета Ан-124 "Руслан". URL consultato il 04-09-2012.
  6. ^ (RU) ATO.Ru - 14-02-2011 - Производство обновленного Ан-124 начнется не ранее 2016 года. URL consultato il 16-02-2011.
  7. ^ a b c d e "An-124 e An-125, i giganti dell'Est" - "Rivista italiana difesa" N. 10 - 10/2017 pp. 36-45
  8. ^ "ANALISI MONDO. VOLGA-DNEPR APRE NEGLI USA MA LASCIA LA NATO", su analisidifesa.it, 15 gennaio 2019, URL consultato il 16 gennaio 2019
  9. ^ "NATO EXTENDS ANTONOV'S SALIS CONTRACT", su janes.com, 7 gennaio 2019, URL consultato il 8 gennaio 2019.
  10. ^ "ANTONOV CONFIRMS SALIS OFFER TO NATO" Archiviato il 3 maggio 2018 in Internet Archive., su janes.com, 3 maggio 2018, URL consultato il 3 maggio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Niccoli, Aerei. Conoscere e riconoscere tutti gli aerei ed elicotteri più importanti, civili e militari, storici ed attuali, in Guide compact, De Agostini, 1998, ISBN 9788841556054.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video ed immagini[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2006001220 · GND (DE7523602-3 · J9U (ENHE987007544602105171