Rossija Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Rossija Airlines
Logo
Logo
StatoBandiera della Russia Russia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1992 a San Pietroburgo
Sede principaleSan Pietroburgo
GruppoAeroflot
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.rossiya-airlines.com
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAFV
Codice ICAOSDM
Indicativo di chiamataROSSIYA
Primo volo7 maggio 1934
Hub
Flotta134 (nel 2022)
Destinazioni53 (nel 2022)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Rossija - Russian Airlines (in russo Россия - Российские авиалинии?), nome completo Società di trasporto pubblico «Rossija» (in russo Государственная транспортная компания «Россия»?), come commerciale GTK Rossija (in russo ГТК «Россия»?) è la seconda compagnia aerea di bandiera russa dopo Aeroflot, con sede all'Aeroporto di San Pietroburgo-Pulkovo. La compagnia era un'azienda pubblica gestita dall'amministrazione del Cremlino, dal febbraio 2010 è diventata una società per azioni, in vista di una futura privatizzazione.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fusione con Pulkovo Aviation Enterprise[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia aerea Rossiya venne fondata nel 1992 ed era interamente di proprietà del governo russo. All'inizio degli anni 2000, il governo decise di fondere la Rossiya Airlines con Pulkovo Airlines. Il processo di fusione iniziò nel dicembre 2004. Nel novembre 2006 venne annunciato che la fusione era stata completata e Rossiya Airlines era stata registrata a San Pietroburgo il 9 ottobre 2006; all'epoca la compagnia aveva una filiale a Mosca e 54 uffici in Russia e all'estero.[2]

Aeroflot Group[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A320 con la vecchia livrea.
Un Boeing 777-300 dopo il rebranding.

Nel febbraio 2010, il governo russo ha annunciato che tutte le compagnie aeree regionali di proprietà statale gestite dalla holding Rostec sarebbero state consolidate nella compagnia di bandiera Aeroflot per aumentare la redditività finanziaria.

Il 16 novembre 2011, il 75% meno 1 delle azioni di Rossiya Airlines JSC sono state trasferite ad Aeroflot. A dicembre, il 25% più 1 delle azioni è stato donato al governo di San Pietroburgo. In conformità con il decreto del governo della città del 23 dicembre 2011, lo scopo principale del trasferimento era di garantire l'attuazione dei poteri degli organi esecutivi di San Pietroburgo per organizzare lo sviluppo del complesso dei trasporti della città.

Nel dicembre 2011 è stato firmato un decreto dal governo di San Pietroburgo che accettava il dono del 25% delle azioni della compagnia aerea da Rostec. Sono state trasferite alla città 229.726 azioni ordinarie nominative non documentarie. Il valore nominale di un titolo è di 1 migliaio di rubli. In totale, San Pietroburgo era diventata proprietaria del 25% più una delle quote di voto.[3]

Nel 2014, la gestione commerciale di Rossiya Airlines JSC è stata trasferita alla capogruppo di Aeroflot. Nell'orario primavera-estate, i voli di Rossiya Airlines erano operati con un unico codice in comune con le compagnie di Aeroflot. Rossiya Airlines è diventata un partecipante al programma frequent flyer di Aeroflot.

Fusione con Donavia e Orenair[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2015, Aeroflot Group ha annunciato l'unificazione delle sue affiliate regionali Rossiya, Donavia e Orenair sotto il nome Rossiya (la più grande delle tre). Nel consolidamento è rimasta esclusa Aurora, una piccola compagnia aerea con sede a Yuzhno-Sakhalinsk.[4] Rossiya, Donavia e Orenair servivano 48 destinazioni nazionali e 42 internazionali; la nuova Rossiya ha aggiunto alcune destinazioni servite da Transaero Airlines prima del suo crollo in ottobre. Alla fine di febbraio 2016 è stata completata la fusione delle tre compagnie aeree e il 27 marzo dello stesso anno sono iniziati i voli congiunti.[5]

Rebranding[modifica | modifica wikitesto]

Contemporaneamente alla presentazione della compagnia, il vettore ha avviato un processo di rebranding. È stata sviluppata e implementata una nuova livrea e allo stesso tempo è stata mantenuta la tradizione di nominare gli aerei con nomi di città russe: i primi furono San Pietroburgo, Rostov sul Don e Volgograd. Il nome e lo stemma della città sono posti nella parte anteriore della fusoliera sotto la cabina. Il progetto di rebranding è stato realizzato dall'Agenzia Otvetdesign. Il compito principale era quello di creare un'immagine luminosa, riconoscibile e memorabile della compagnia aerea. Nel lancio del rebranding, grande importanza è stata data alla continuità del logo precedente e allo stesso tempo a dargli nuove caratteristiche moderne.[6]

Nell'aprile 2016, la compagnia aerea ha introdotto il primo Boeing 747-400 in una nuova livrea, dal nome San Pietroburgo.[7]

Sanzioni[modifica | modifica wikitesto]

L'8 aprile 2022 il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha limitato i voli sugli aeromobili prodotti negli Stati Uniti per Aeroflot, Aviastar, Azur Air, Belavia, Rossiya e Utair. Il 16 giugno gli Stati Uniti hanno ampliato le proprie restrizioni alle sei compagnie aeree dopo che sono state rilevate violazioni del regime sanzionatorio. L'obiettivo delle restrizioni è di mettere a terra la parte di flotta fabbricata negli Stati Uniti.

A luglio 2022, Rossiya Airlines ha rilevato tutte le operazioni del Sukhoi Superjet 100 dalla società madre Aeroflot.[8]

Strategia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Mosca-Vnukovo è la base tecnica della flotta della compagnia russa.

La Rossija Airlines ha una rete di voli domestici, ma effettua anche voli stagionali, voli charter, voli cargo. La Rossija Airlines inoltre collabora con le Poste della Russia.

L'attività principale della compagnia aerea russa è il trasporto di VIP per il Governo della Federazione Russa. Nel 2005 ha trasportato 2,8 milioni di passeggeri (1,4 milioni di passeggeri all'estero).

La Rossija Airlines sviluppa la tecnologia E-ticket che è disponibile sulla rete nazionale ed internazionale della compagnia utilizzando BSP (Billing and Settlement Plans). Dal 1º giugno 2008 tutti i biglietti emessi della compagnia russa sono E-ticket.

Nel 2009 la compagnia aerea ha trasportato 2,95 milioni di passeggeri, il 15,3% in meno rispetto al 2008.[9]

Nel 2009, Skytrax, società di ricerca britannica nel campo dell'aviazione civile, ha consegnato il certificato di qualità a Rossija Airlines con un rating di due stelle.[10]

Nel periodo gennaio - giugno 2010 la Rossija Airlines ha trasportato 1,3 milioni di passeggeri, il 11,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2009. Nei primi sei mesi dell'anno gli aerei della compagnia aerea russa hanno effettuato 14.389 voli in linea con l'anno precedente.[11]

Nel 2010 la compagnia aerea ha trasportato 3.072.829 passeggeri, il +4,3% in più rispetto al 2009[12].

Il 2 febbraio 2010, il Primo Ministro Vladimir Putin ha approvato la proposta del Ministero dei Trasporti circa la trasformazione della GTK "Rossiya" in una joint-stock company, la compagnia sarà aziendalizzata insieme alle altre imprese di trasporto aereo regionale dello Stato federale sotto la supervisione della società "Ростехнологии" (Russian Technologies), prima della successiva fusione con la compagnia Aeroflot.[13]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 737-500 della Pulkovo.
Un Ilyushin Il-96 del Presidente della Russia.
Un Tupolev Tu-214 della Rossija.
Un Antonov An-148 della Rossija.
Un Yakovlev Yak-40 del Presidente della Russia.
Un Mil Mi-8 del Presidente della Russia.
Un Dassault Falcon 7X della Rossija.

Flotta attuale[modifica | modifica wikitesto]

A giugno 2023 la flotta di Rossija Airlines è così composta[14]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
F J Y Totale
Airbus A319-100 18 8 120 128
Airbus A320-200 8 12 156 168
Boeing 737-800 12 189 189
Boeing 737-900ER 2 215 215
Boeing 747-400 9 12 26 409 447
12 510 522
Boeing 777-300 4 1 18 355 373
Boeing 777-300ER 4 21 436 457
Irkut MC-21-300 85 16 159 175 [15]
Sukhoi Superjet 100 77 1 12 75 87 [16]
Totale 134 87

Velivoli governativi[modifica | modifica wikitesto]

Benché la prima compagnia di bandiera della Russia sia Aeroflot, i voli governativi vengono operati da aerei di proprietà di Rossija, seconda compagnia di bandiera del Paese e sussidiaria di Aeroflot.[17]

Aereo In flotta Ordini Note
Airbus A319-100 2
Antonov An-148 2
Ilyushin Il-96 10
Sukhoi Superjet 100 2
Tupolev Tu-154 1
Tupolev Tu-204 3
Tupolev Tu-214 10
Totale 30

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Rossija Airlines operava in precedenza con i seguenti aeromobili[14]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Antonov An-124 Ruslan 2 1994 1999
Antonov An-148 6 2009 2017
Boeing 737-500 5 2006 2012
Boeing 767-300ER 3 2008 2015
Boeing 777-200ER 2 2016 2017
Ilyushin Il-62 1 1994 2009
Ilyushin Il-96 4 1991 2009
Tupolev Tu-154 1 2001 2009
Tupolev Tu-204 2 1994 2017 1 in storage.
Tupolev Tu-214 3 2002 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 02-02-2011 - Авиакомпания "Россия" завершила процесс акционирования. URL consultato il 03-02-2011.
  2. ^ (EN) UzReport: Russian state-owned Rossiya and Pulkovo airlines merge, su web.archive.org, 25 novembre 2006. URL consultato il 2 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2006).
  3. ^ (RU) Региональное законодательство, su regionz.ru. URL consultato il 2 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2015).
  4. ^ (RU) Aurora - Contacts, su flyaurora.ru. URL consultato il 2 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2018).
  5. ^ (RU) Новости авиалиний. Все московские рейсы Orenair и Донавиа переводятся во Внуково, su airlines-inform.ru. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  6. ^ (EN) About, su rossiya-airlines.com. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  7. ^ (RU) О компании, su rossiya-airlines.com. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Aeroflot ends in-house SSJ100/95 operations, su ch-aviation. URL consultato il 6 ottobre 2022.
  9. ^ Pda.Avia.Ru - 18-01-2010 - а 12 месяцев 2009 года ГТК "Россия" перевезла почти 3 млн. пассажиров. URL consultato il 14-01-2011.
  10. ^ Rossiya Airlines official 2-Star Ranking of Rossiya Airlines product and service quality standards.
  11. ^ AviaPort.Ru - 08-07-2010 - ГТК "РОССИЯ" УВЕЛИЧИЛА ПАССАЖИРООБОРОТ.
  12. ^ Pda.Avia.Ru - 14-01-2011 - ГТК "Россия" перевезла в 2010 году более 3 млн. пассажиров. URL consultato il 14-01-2011.
  13. ^ (EN) Russia to corporatize Rossiya air carrier, merge with Aeroflot, su en.rian.ru, 2 febbraio 2010. URL consultato il 1º agosto 2011.
  14. ^ a b (EN) Rossiya - Russian Airlines Fleet Details and History, su planespotters.net. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  15. ^ "Аэрофлот" получит первые МС-21 в конце 2018 года, su ТАСС. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  16. ^ (EN) ES, Aeroflot Sukhoi Superjet 100 fleet grows to 50 russian regional aircraft, su Russian Aviation Insider, 24 settembre 2018. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  17. ^ (EN) Rossiya - Special Flight Detachment Fleet Details and History, su planespotters.net. URL consultato il 2 febbraio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]