Andrew Ellis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrew Ellis
AndyEllis2011.jpg
Ellis durante la Coppa del Mondo di rugby 2011
Dati biografici
Nome Andrew Michael Ellis
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 182 cm
Peso 89 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Mediano di mischia
Squadra Canterbury
Franchigia Crusaders SANZAAR
Carriera
Attività provinciale
2005- Canterbury 61 (69)
Attività di club¹
2006- Crusaders 89 (89)
Attività da giocatore internazionale
2006- Nuova Zelanda Nuova Zelanda 26 (20)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2011

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 30 novembre 2012

Andrew Michael Ellis (Christchurch, 21 febbraio 1984) è un rugbista a 15 neozelandese, mediano di mischia dei Crusaders in Super Rugby e del Canterbury in ITM Cup, campione del mondo nel 2011 con gli All Blacks.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Già messosi in luce nelle nazionali giovanili (fu Under-21 nel 2005), appartenente alla provincia rugbistica dei Canterbury, esordì in Super 14 nel 2006 nelle file dei Crusaders, giocando tutta la stagione ma perdendo la finale a causa di un infortunio[1].

L'infortunio gli fece perdere anche la chance di esordire negli All Blacks, ciononostante il C.T. Graham Henry lo convocò per il tour di fine anno, ed Ellis esordì contro l'Inghilterra a Twickenham.

L'anno successivo fu convocato per la Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia e in seguito fece parte dei tour che realizzarono il Grande Slam nelle Isole britanniche nel 2008 e 2010. Fu anche incluso nella rosa che si aggiudicò la Coppa del Mondo di rugby 2011.

È sposato dal gennaio 2008 con Emma, con la quale era legato sentimentalmente da sette anni[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Crusaders lose Ellis, in IAfrica, 23 maggio 2006. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  2. ^ (EN) All Black Andrew Ellis' Seventh-Year Hitch, in Yahoo! Lifestyle, 21 gennaio 2008. URL consultato il 10 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]