Owen Franks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Owen Franks
Owen Franks 2011 (cropped).jpg
Dati biografici
Nome Owen Thomas Franks
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 185 cm
Peso 112 kg
Familiari Ben Franks (fratello)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Squadra Canterbury
Franchigia Crusaders SANZAR
Carriera
Attività provinciale
2007- Canterbury 8 (5)
Attività di club¹
2009- Crusaders 105 (15)
Attività da giocatore internazionale
2009- Nuova Zelanda Nuova Zelanda 78 (0)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2011
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 2 novembre 2015

Owen Thomas Franks (Motueka, 23 dicembre 1987) è un rugbista a 15 neozelandese, pilone di Canterbury in ITM Cup e dei Crusaders in Super Rugby, nonché campione del mondo 2011 e nel 2015 con gli All Blacks.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Fratello di Ben Franks, anch'egli internazionale per gli All Blacks, Owen Franks milita nel Canterbury dal 2007, anno in cui debuttò in ITM Cup per tale squadra provinciale; dal 2009 fa anche parte della relativa franchise di Canterbury in Super Rugby, i Crusaders.

Esordiente negli All Blacks nel 2009, nel corso di un test match a Christchurch contro l'Italia, Owen Franks è divenuto titolare fisso; nella vittoriosa Coppa del Mondo di rugby 2011, in cui disputò tutti gli incontri in cui la Nuova Zelanda fu impegnata, fu definito Quiet assassin (Assassino silenzioso[1]) in occasione della semifinale contro l'Australia, in cui, con 40 placcaggi, spezzò tutte le trame di gioco degli Wallabies.

Come suo fratello Ben, nel 2015 si è laureato campione del mondo con gli All Blacks per la seconda volta consecutiva.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mark Reason, Owen Franks is New Zealand's quiet assassin of whom France must take notice, in Daily Telegraph, 19 ottobre 2011. URL consultato il 24 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]