Alberto Matano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto Matano

Alberto Matano (Catanzaro, 9 settembre 1972[1]) è un giornalista, conduttore televisivo e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni dell'università comincia a scrivere sul quotidiano Avvenire, poi, dopo la laurea in Giurisprudenza (conseguita presso la Sapienza nel 1995) collabora con l'agenzia televisiva Rete News a Montecitorio. Nel 1996 supera la selezione per la Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia.

La carriera televisiva comincia nel 1998 all'Agenzia ANSA nella redazione di Bloomberg Tv. Diventa giornalista professionista nel gennaio 1999. Il primo contratto in Rai è al Giornale Radio, qui segue i principali avvenimenti della politica italiana e i vertici istituzionali e diventa giornalista parlamentare ASP[2].

Nel 2007 Gianni Riotta lo chiama al TG1. Qui continua a seguire la cronaca politico-parlamentare e ottiene la nomina a caposervizio della Redazione Interni. Dal 2010 al 2020 conduce l'edizione delle 20:00.

Nel 2012 fa parte del cast di Unomattina Estate con la collega Valentina Bisti. L'anno successivo approda prima al tg delle 13:30, poi all'edizione delle 20:00 e diventa il conduttore di Speciale Tg1 in diretta.

Ha condotto molte edizioni straordinarie e dirette del Tg1 (tra le altre: la nascita del Governo Monti, le conferenze stampa di fine anno del Presidente del Consiglio dei ministri Renzi nel 2014 e nel 2015, la telecronaca del Giuramento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, quelle sull'attacco alla redazione di Charlie Hebdo a Parigi e sulla strage di Sousse in Tunisia, le cerimonie di apertura e chiusura di Expo 2015, lo speciale in prima serata sulla strage di Nizza con l'annuncio in diretta del colpo di Stato in Turchia).

Ha condotto l'edizione 2015 del Premio giornalistico Marco Luchetta e I nostri angeli da Trieste. Sempre su Rai 1 ha presentato dal 2015 al 2017 il programma Nostra madre Terra da Assisi e dal 2016 presenta il Premio di giornalismo Biagio Agnes da Sorrento, prima con Francesca Fialdini e poi con Mara Venier.

Sulla stessa rete ha inoltre condotto Tg1 Referendum, sei puntate in access prime time con un confronto tra diversi esponenti politici sul Referendum costituzionale del 2016.

Successivamente è diventato autore e conduttore di Sono innocente, docufiction che racconta le storie di persone arrestate ingiustamente[3] in onda su Rai 3, in prima serata, dal 7 gennaio 2017. Il programma verrà rinnovato anche per una seconda edizione, in onda nel 2018.

Dal settembre 2017 ogni sabato su Rai Radio 2 interviene nel programma Miracolo italiano con Laura Piazzi e Fabio Canino.

Nel marzo 2018 è stato pubblicato per Rai Eri il suo primo libro Innocenti - Vite segnate dall'ingiustizia[4], nel quale vengono approfondite le vicende giudiziarie di alcuni dei protagonisti della trasmissione Sono innocente.

Durante i mesi di febbraio e marzo 2019, è stato richiamato a Rai 3 per condurre un late show di intrattenimento: Photoshow. Archiviato il programma, ha partecipato a diverse puntate della quattordicesima edizione di Ballando con le stelle su Rai 1, in qualità di opinionista, alternandosi con altri colleghi.

Dal 9 settembre 2019 è alla conduzione del rotocalco pomeridiano di Rai 1 La vita in diretta, in coppia con Lorella Cuccarini.


Televisione

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Marco Luchetta (2015)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giornalisti professionisti (PDF), su odg.it. URL consultato il 12 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  2. ^ Giornalisti iscritti all'Associazione della stampa parlamentare, Parlamento della Repubblica Italiana, 6 dicembre 2004. URL consultato il 5 maggio 2018 (archiviato il 24 ottobre 2007).
  3. ^ Sono Innocente - RaiPlay, su www.raiplay.it. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  4. ^ rai-eri » INNOCENTI. URL consultato il 17 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]