Zaide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zaide
Titolo originale Zaide (Das Serail)
Lingua originale tedesco
Genere Singspiel
Musica Wolfgang Amadeus Mozart Partitura online
Libretto Johann Andreas Schachtner Libretto online (DE)
Atti due
Epoca di composizione 1779-1780
Prima rappr. 27 gennaio 1866
Teatro Opernhaus di Francoforte
Personaggi
  • Zaide (soprano)
  • Gomatz (tenore)
  • Allazim (basso)
  • Sultano Soliman (tenore)
  • Osmin (basso)
  • 4 schiavi (tenori)
  • Zaram (voce recitante)
Autografo Staatsbibliothek Stiftung Preußischer Kulturbesitz Berlino

Zaide (K 344) è un singspiel incompiuto in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart.

Genesi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo pochi mesi dal tentativo di musicare Semiramide e dalla ripresa del dramma eroico Thamos, König in Ägypten, Mozart decide di affrontare un'opera dedicata alla compagnia teatrale Böhm, il cui libretto gli era stato proposto dall'amico di famiglia J. Andreas Schachtner. Mozart però si dedico con molta lentezza a questo libretto: in quegli stessi mesi doveva cominciare la nuova opera, incaricatagli dal principe elettore di Monaco, Idomeneo che mise in secondo piano tutti gli altri lavori. Mozart si occupò nuovamente di quest'opera a Monaco e poi a Vienna, ma nel 1783 decise di abbandonare il progetto anche se a malincuore poiché lo considerava ottimo. Solo nel 1799 la moglie Costanze decide di consegnare lo spartito all'editore Andrè che diede il titolo all'opera.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si concentra sull'amore di due giovani: Zaide, fanciulla rinchiusa nel serraglio del sultano Soliman, e Gomatz, cristiano caduto in mano dei turchi. I due però, grazie all'aiuto di Allazim, servo fedele del sultano, riescono a fuggire; vengono però traditi, catturati e portati al cospetto del sultano Soliman che però non intende concedere loro la grazia. Qui la vicenda si interrompe.

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura di Mozart prevede l'utilizzo di:

Struttura musicale[modifica | modifica wikitesto]

  • N. 1 Coro Brüder, laßt uns lustig sein (4 schiavi)
  • N. 2 Melologo (Gomatz)
  • N. 3 Aria Ruhe sanft, mein holdes Leben (Zaide)
  • N. 4 Aria Rase, Schiksal, wüte immer (Gomatz)
  • N. 5 Duetto Meine Seele hüpft vor Freuden (Zaide, Gomatz)
  • N. 6 Aria Herr und Freund, wie dank' ich dir (Gomatz)
  • N. 7 Aria Nur mutig, mein Herze, versuche dein Gluck (Allazim)
  • N. 8 Terzetto O selige Wonne (Zaide, Gomatz, Allazim)
  • N. 9 Melologo ed Aria Der stolze Löw' läßt sich zwar zähmen (Soliman)
  • N. 10 Aria Wer hungrig bei der Tafel sitzt (Osmin)
  • N. 11 Aria Ich bin so bös' als gut (Soliman)
  • N. 12 Aria Trostlos schluchzet Philomele (Zaida)
  • N. 13 Aria Tiger! wetze nur die Klauen (Zaide)
  • N. 14 Marcia Ihr Mächtigen seht ungerührt (Allazim)
  • N. 15 Quartetto Freundin, stille deine Tränen (Zaide, Gomatz, Soliman, Allazim)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hermann Abert, Mozart - La giovinezza 1756-1782 (ed. originale: W. A. Mozart – Erster Teil 1756.1782, Breitkopf und Härtel, Lipsia 1955), trad. it. di Boris Porena e Ida Cappelli, Il Saggiatore, Milano 1984, pp. 752-760. ISBN 9788842807254
  • Mozart, Tutti i libretti d'opera, a cura di Piero Mioli, Newton Compton, Roma 1996, vol. 1 pp. 232-244. ISBN 9788854105904
  • Articolo "Zaide" di Christoph-Hellmut Mahling, in Pipers Enzyklopädie des Musiktheaters, a cura di Carl Dahlhaus, vol.4, Piper, Monaco di Baviera e Zurigo, 1991, p. 291-293 ISBN 3-492-02414-9

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1952 - René Leibowitz (direttore), coro e orchestra della Filarmonica di Parigi - Mattiwila Dobbs (Zaide), N.N (Gomatz), Bernard Démigny (Allazim), Joseph Peyron (Soliman)
  • 1956 - Alfons Rischner, orchestra della SWR di Stoccarda - Maria Stader, Fritz Wunderlich, Petre Muntenau, N.N.
  • 1973 - Bernhard Klee, Staatskapelle di Berlino - Edith Mathis, Peter Schreier, Ingvar Wixell, Werner Hollweg - Philips
  • 1982 - Leopold Hager, Orchestra del Mozarteum di Salisburgo - Werner Hollweg, Juduth Blegenm Wolfgang Schöne, Thomas Moser. Orfeo
  • 1998 - Paul Goodwin, The Academy of Ancient Music - Lynne Dawson (Zaide), H. Peter Blochwitz (Gomatz), Olaf Bar (Allazim), Herbert Lippert (Solliman), Christopher Purves (Osmin).
  • 2001 - Ton Koopman (direttore), Radio Kamerorkest, Sandrine Piau (Zaide), Max Ciolek (Gomatz), Klaus Mertens (Allazim), Paul Agnew (Soliman), Klaus Mertens (Osmin), Gregor Frenkel Frank (Narrator)
  • 2006 - Nikolaus Harnoncourt (direttore), Concentus Musicus Wien, Diana Damrau (Zaide), Michael Schade (Gomatz), Rudolf Schasching (Soliman),Florian Boesch (Allazim), Anton Scharinger (Osmin), Tobias Moretti (narrator)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica