Mitridate, re di Ponto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mitridate, re di Ponto (KV 87)
Mithridates VI of Pontus.jpg
moneta di Mitridate VI, protagonista dell'opera
Lingua originale italiano
Genere Opera seria
Musica Wolfgang Amadeus Mozart (partitura online)
Libretto Vittorio Amedeo Cigna-Santi
(libretto online)
Fonti letterarie Mithridate (1673) di Jean-Baptiste Racine
Atti tre
Epoca di composizione 29 settembre-dicembre 1770
Prima rappr. 26 dicembre 1770
Teatro Teatro Regio Ducale di Milano
Personaggi
  • Mitridate, Re di Ponto e d'altri regni, amante d'Aspasia (tenore)
  • Aspasia, promessa sposa di Mitridate, e già dichiarata Regina (soprano)
  • Sifare, figliuolo di Mitridate e di Stratonica, amante d'Aspasia (soprano)
  • Farnace, primo figliuolo di Mitridate, amante della medesima (contralto)
  • Ismene, figlia del Re de' Parti, amante di Farnace (soprano)
  • Marzio, tribuno romano, amico di Farnace (tenore)
  • Arbate, governatore di Ninfea (soprano)
Autografo sconosciuto

Mitridate, re di Ponto, K 87 (74a), è un'opera seria in tre atti di Wolfgang Amadeus Mozart su libretto di Vittorio Amedeo Cigna-Santi, basato sulla tragedia di Jean-Baptiste Racine nella traduzione di Giuseppe Parini. Il testo era già stato musicato in precedenza da Quirino Gasparini.

L'opera venne eseguita per la prima volta al Teatro Regio Ducale di Milano il 26 dicembre 1770, suscitando entusiasmo nel pubblico, nel Parini e negli stessi cantanti (il sopranista Pietro Benedetti affermò che, se al pubblico non fosse piaciuto il duetto finale del secondo atto, si sarebbe fatto castrare una seconda volta[senza fonte]).

Solo sei anni più tardi il teatro sarebbe bruciato per essere poi riedificato in quello che è l'attuale Teatro alla Scala.

Il Mitridate fu il primo impegno probante di Mozart con l'opera seria. In esso viene rielaborata l'omonima tragedia di Racine secondo i canoni del melodramma metastasiano. La trama è incentrata sul conflitto tra Mitridate, re del Ponto, ed i suoi figli, che gli contendono l'amore della bella Aspasia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mitridate, tiranno ormai stanco e anziano, che ha sacrificato gli obblighi familiari a quelli di stato, è in guerra con Roma. Per ragioni politiche ha combinato il matrimonio tra il figlio Farnace e la figlia del re dei Parti, Ismene; tuttavia Farnace è ambizioso e cerca di mettersi in competizione con il padre, anche nell'amore della bella Aspasia. Quest'ultima preferisce il figlio minore, Sifare, ed è da questo ricambiata.

Nel secondo atto Farnace confessa tutto al padre (Son reo, l'error confesso) e viene imprigionato (Già di pietà mi spoglio). Aspasia e Sifare dichiarano il loro amore (Se viver non degg'io).

Nel terzo atto Mitridate è in preda all'ira e Ismene intercede per evitare che Aspasia e Sifare vengano uccisi. Nel contempo i romani, guidati da Marzio, sbarcano a Ninfea e liberano Farnace, promettendogli il trono del padre se li aiuterà (Se di regnar sei vago).

Farnace diventa cosciente dei suoi doveri nei confronti del padre; Mitridate è ferito mortalmente e perdona i suoi figli.

Nel quintetto finale Sifare, Aspasia, Farnace, Ismene e Arbate, Non si ceda al Campidoglio, dichiarano la loro intenzione di vendicarsi dei romani e combattere quelli che pretendono di togliere la libertà al mondo intero.

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura di Mozart prevede l'utilizzo di:

Per i recitativi: clavicembalo e violoncello

Struttura musicale[modifica | modifica wikitesto]

Atto primo[modifica | modifica wikitesto]

  • N. 1 Aria Al destin che la minaccia (Aspasia)
  • Recitativo accompagnato Qual tumulto nell'alma e
  • N. 2 Aria Soffre il mio cor con pace (Sifare)
  • N. 3 Aria L'odio nel cor frenate (Arbate)
  • N. 4 Aria Nel sen mi palpita (Aspasia)
  • N. 5 Aria Parto: nel gran cimento (Sifare)
  • N. 6 Aria Venga pur, minacci e frema" (Farnace)
  • N. 7 Marcia
  • N. 8 Cavata Se di lauri il crine adorno (Mitridate)
  • N. 9 Aria In faccia all'oggetto (Ismene)
  • Recitativo accompagnato Respira alfin e
  • N. 10 Aria Quel ribelle e quell'ingrato (Mitridate)

Atto secondo[modifica | modifica wikitesto]

  • N. 11 Aria Va, l'error mio palesa (Farnace)
  • N. 12 Aria Tu che fedel mi sei (Mitridate)
  • Recitativo accompagnato Grazie ai numi parti e
  • N. 13 Aria Lungi da te, mio bene (Sifare)
  • Recitativo accompagnato Grazie ai numi partì e
  • N. 14 Aria Nel grave tormento (Aspasia)
  • N. 15 Aria So quanto a te dispiace (Ismene)
  • N. 16 Aria Son reo; l'error confesso (Farnace)
  • N. 17 Aria Già di pietà mi spoglio (Mitridate)
  • Recitativo accompagnato Io sposa di quel mostro e
  • N. 18 Duetto (musica) Se viver non degg'io (Aspasia, Sifare)

Atto terzo[modifica | modifica wikitesto]

  • N. 19 Aria Tu sai per chi m'accese (Ismene)
  • N. 20 Aria Vado incontro al fato estremo (Mitridate)
  • N. 21 Recitativo accompagnato e Cavatina Ah ben ne fui presaga! - Pallid'ombre, che scorgete (Aspasia)
  • N. 22 Aria Se il rigor d'ingrata sorte (Sifare)
  • N. 23 Aria Se di regnar sei vago (Marzio)
  • N. 24 Aria Già dagli occhi il velo è tolto (Farnace)
  • N. 25 Coro [Quintetto] Non si ceda al Campidoglio (Aspasia, Sifare, Ismene, Arbate, Farnace)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edward J. Dent, Il teatro di Mozart (ed. originale: Mozart's operas, Oxford University Press, London 1913), a cura di Paolo Isotta, trad. di Luigi Ferrari, Rusconi, Milano 1979, p. 49. ISBN 9788818700862
  • Hermann Abert, Mozart - La giovinezza 1756-1782 (ed. originale: W. A. Mozart – Erster Teil 1756.1782, Breitkopf und Härtel, Lipsia 1955), trad. it. di Boris Porena e Ida Cappelli, Il Saggiatore, Milano 1984, pp. 206-208, 265-270. ISBN 9788842807254
  • Mozart, Tutti i libretti d'opera, a cura di Piero Mioli, Newton Compton, Roma 1996, vol. 1 pp. 97-123. ISBN 9788854105904
  • Pipers Enzyklopädie des Musiktheaters, a cura di Carl Dahlhaus, vol.4, Piper, Monaco di Baviera e Zurigo, 1991, p.281-283 ISBN 3-492-02414-9

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Mitridate, Sifare, Aspasia, Farnace, Ismene) Direttore
1971 Peter Schreier, Arleen Auger, Edda Moser, Helen Watts, Pilar Lorengar Leopold Hager
1977 Werner Hollweg, Arleen Auger, Edita Gruberova, Agnes Baltsa, Ileana Cotrubas Leopold Hager
1983 Rockwell Blake, Ashley Putnam,Yvonne Kenny, Brenda Boozer, Patricia Rozario Theodor Guschlbauer
1984 Curtis Rayam, Jenny Drivala, Lella Cuberli, Bernadette Manca di Nissa, Adelina Scarabelli Roderick Brydon
1997 Bruce Ford, Cyndia Seiden, Christiane Oelze, Vesselina Kasarova, Heidi Grant Murphy Roger Norrington
1998 Giuseppe Sabbatini, Cecilia Bartoli, Natalie Dessay, Brian Asawa, Sandrine Piau Christophe Rousset
2000 Giuseppe Sabbatini, Barbara Frittoli, Patrizia Ciofi, Brian Asawa, Sandrine Piau Christophe Rousset

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica