Yuichi Nishimura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yuichi Nishimura
Yuichi Nishimura.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Nome Yuichi Nishimura
Federazione Giappone Giappone
Altezza 181 cm
Attività internazionale
2004 - AFC e FIFA Arbitro
Esordio Thailandia - Emirati Arabi Uniti 3 - 0
13 ottobre 2004
Premi
Anno Premio
2012 Arbitro dell'anno dell'AFC

Yuichi Nishimura (西村 雄一 Nishimura Yūichi?) (Tokyo, 14 aprile 1972) è un arbitro di calcio giapponese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Internazionale dal 2004,[1] è succeduto nella leadership arbitrale nipponica a Toru Kamikawa, dopo che quest'ultimo si era ritirato dall'attività nel 2006.

A seguito dell'inserimento della sua candidatura in vista dei Mondiali di calcio 2010, la FIFA lo impiega in numerosi banchi di prova: dopo la partecipazione alla Coppa d'Asia nel 2007, nello stesso anno, sempre accompagnato dai fidi assistenti Toru Sagara e Jeong Hae-Sang (sudcoreano), viene selezionato per i Mondiali Under-17 in Corea del Sud, dove gli tocca la finale Spagna-Nigeria. Nel 2008 viene invitato a dirigere anche alla Coppa d'Africa in Ghana, unico arbitro non africano ammesso. Nell'unica partita arbitrata, i quarti di finale tra Egitto e Angola, la sua performance viene criticata per non aver espulso alcuni calciatori angolani rei di averlo spintonato, mancando così di applicare il regolamento.[2]

Nel settembre 2009 giunge la convocazione per arbitrare al Mondiale Under 20 in Egitto, dove viene designato in quattro partite.

Nel febbraio 2010 arriva la convocazione ufficiale per i mondiali in Sudafrica: qui dirige quattro partite, ovvero Francia-Uruguay, Spagna-Honduras, Paraguay-Nuova Zelanda ed il quarto di finale Brasile-Olanda. Ricopre anche l'incarico di quarto uomo nella finalissima dell'11 luglio 2010, tra Olanda e Spagna.

Successivamente ai Mondiali in Sudafrica è stato prima designato nell'autunno 2010 per la finale di AFC Champions League, e poi nel mese di dicembre, è selezionato per la coppa del mondo per club FIFA. In questo torneo dirige due partite: dapprima un quarto di finale e successivamente la finalissima, disputatasi tra i congolesi del Tout Puissant Mazembe e gli italiani dell'Inter. La decisioni prese in questa gara sono causa di indignazione tra i tifosi congolesi, i quali per vendetta vandalizzano un ristorante cinese del loro Paese, scambiato per errore per uno giapponese.[1]

Nel gennaio 2011 è tra gli arbitri selezionati dall'AFC per la Coppa delle nazioni asiatiche in Qatar.[3] Nell'occasione l'arbitro giapponese dirige tre partite della fase a gironi.

Nel dicembre 2011 è selezionato dalla FIFA come riserva per la Coppa del mondo per club FIFA 2011, in programma in Giappone.[4]

Nell'aprile del 2012 la FIFA lo inserisce in una prima lista di preselezionati per i Mondiali del 2014, convocandolo per il Torneo maschile di calcio delle Olimpiadi di Londra 2012, dove dirige due partite della fase a gironi: Brasile-Bielorussia 3-1 a Manchester e Gran Bretagna-Uruguay 1-0 a Cardiff.[5]

Nel novembre 2012 viene premiato dall'AFC come miglior arbitro dell'anno 2012.[6] In precedenza era stato premiato per due anni consecutivi (2009 e 2010) come miglior arbitro della J-League.[1]

Nel giugno del 2013 è selezionato dalla FIFA per prendere parte alla Confederations Cup in Brasile, unico arbitro di un Paese partecipante alla competizione.[7] Nell'occasione viene designato per una partita della fase a gironi. Il 15 gennaio 2014 viene selezionato ufficialmente per i Mondiali 2014 in Brasile.[8] Si è trattato della seconda partecipazione consecutiva per il fischietto giapponese. In questa sua seconda partecipazione gli viene assegnata la partita inaugurale tra Brasile e Croazia. Nishimura diventa il primo arbitro a usufruire durante le fasi finale di un mondiale dello spray speciale utilizzato per far rispettare la distanza della barriera durante i calci da fermo, e il primo a usufruire della goal-line technology.[9] La partita finisce 3-1 in favore dei brasiliani e proprio in quest'ultima sono numerose le polemiche causate dalla sua direzione arbitrale.[10] Dopo quella gara, non viene più designato, apparendo solo in veste di quarto ufficiale dapprima in una gara della fase a gironi, e poi nella finale per il terzo posto tra Brasile ed Olanda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Japanese fans shamed by ref's World Cup performance in Japan Today, 13 giugno 2014. URL consultato il 14 giugno 2014.
  2. ^ (EN) 2014 World Cup: Japanese soccer fans express regret over referee Yuichi Nishimura’s penalty call for Brazil in Daily News, The Associated Press, 13 giugno 2014. URL consultato il 14 giugno 2014.
  3. ^ Japanese referee Yuichi Nishimura gestur, gettyimages.com. URL consultato il 15 giugno 2014.
  4. ^ FIFA Club World Cup 2011 - Referees, footballrefereeing.blogspot.ch, 26 ottobre 2011. URL consultato il 15 giugno 2014.
  5. ^ Olympic Football Tournaments (OFTs) LONDON 2012 - Appointments of Match Officials, fifa.com, 19 aprile 2012.
  6. ^ AFC Referee of the Year (Men): Yuichi Nishimura, the-afc.com, 29 novembre 2012.
  7. ^ FIFA Confederations Cup Brazil 2013 - Appointments of Match Officials, fifa.com, 13 maggio 2013.
  8. ^ Referees & Assistant referees for the 2014 FIFA World Cup TM, fifa.com, 15 gennaio 2014.
  9. ^ (EN) Ben Smith, Neymar stole the show as Brazil came from behind to open the World Cup with a victory over Croatia in Sao Paulo, but the match turned on a controversial penalty in BBC, 12 giugno 2014. URL consultato il 14 giugno 2014.
  10. ^ Jacopo Jerna, Brasile-Croazia 3-1: autorete di Marcelo, doppietta di Neymar e gol di Oscar in La Gazzetta dello Sport, 13 giugno 2014. URL consultato il 14 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]