Villaggio dei dannati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1960, vedi Il villaggio dei dannati.
Villaggio dei dannati
Villaggio dei dannati.JPG
Una scena del film
Titolo originale John Carpenter's Village of the Damned
Paese di produzione USA
Anno 1995
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza, orrore
Regia John Carpenter
Soggetto I figli dell'invasione di John Wyndham
Sceneggiatura David Himmelstein
Produttore Larry J. Franco, Shep Gordon
Fotografia Gary B. Kibbe
Montaggio Edward A. Warschilka
Effetti speciali Bruce Nicholson
Musiche John Carpenter, Dave Davies
Scenografia Rodger Maus
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Villaggio dei dannati (John Carpenter's Village of the Damned) è un film del 1995 diretto da John Carpenter.

Si tratta di un rifacimento de Il villaggio dei dannati (1960), ispirato al romanzo fantascientifico I figli dell'invasione (1957) di John Wyndham, ma l'ambientazione originale si sposta dal Regno Unito agli Stati Uniti e il prodotto generale si contraddistingue per l'introduzione di una vivace grafica violenta formata da scene visivamente forti.

Tra i protagonisti, Christopher Reeve (nel suo ultimo ruolo interpretato prima della paralisi permanente causata da un incidente a cavallo), Kirstie Alley, Linda Kozlowski, Michael Paré e Mark Hamill.

Il film è uscito nelle sale cinematografiche statunitensi il 28 aprile 1995. Dopo essere uscito in Italia nel settembre 1995, ha partecipato all'edizione 1999 del Torino film festival [1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

A Midwich, una cittadina costiera della California, dopo un misterioso collasso collettivo che ha colpito la popolazione in autunno, dieci donne, vergini e non, si ritrovano incinte di dieci bambini. Partoriscono poi, nove mesi dopo, contemporaneamente, nove bambini con strani occhi e con capelli bianchi platinati, che si rivelano dotati di fortissimi e malvagi poteri telepatici, solo uno di essi non sopravvive al parto.

I bambini, crescendo, formano delle coppie fisse, tutti tranne David, che ha perso la sua compagna alla nascita. Contrariamente agli altri che non paiono avere o mostrare sentimenti umani, David dimostra di sentire emozioni e di essere compassionevole nei confronti delle persone, cosa che spinge gli altri bambini del gruppo ad emarginarlo. Ben presto, tra tutti i bambini, attira sempre più considerazione la figura di Mara ("figlia" del medico locale, il dottor Alan Chaffee, e di Barbara, morta suicida) la più spietata del gruppo e quella che rigetta per prima David in quanto capace di esprimere emozioni umane.

Il motivo che pare spingere David a sentirsi più vicino agli umani che ai suoi coetanei è proprio la perdita della sua compagna alla nascita, che gli ha creato un senso di vuoto e dolore. La madre del ragazzino è Jill McGowan, preside della scuola del paese, che immediatamente capisce la natura diversa del "figlio" parlando con lui di vari argomenti, tra i quali anche la morte della neonata con cui avrebbe dovuto legare. Quando i bambini sentono dolore, o in qualche modo percepiscono comportamenti negativi nei loro confronti da parte delle persone, usano le loro abilità mentali per fare del male a chi ha procurato loro fastidio, nella maggior parte dei casi uccidendo.

Quello che sembra essere un caso più unico che raro, in realtà si è manifestato in altre città della nazione, ma le colonie di infanti malvagi sono state eliminate non appena si sono manifestate difficoltà nella loro gestione. Intuendo che a Midwich la situazione è ben diversa e fuori controllo, il team scientifico capitanato dalla dottoressa Susan Verner opta per la fuga, ma la donna viene uccisa dai bambini dopo esser stata costretta a mostrare a David il cadavere della neonata. Susan aveva tenuto il corpo per studiarlo in gran segreto, per capire meglio la natura di questi esseri dalla forma infantile ma estremamente dotati e cattivi.

Gli abitanti sono esasperati, e una folla si raduna in piazza per discutere animatamente coi bambini, nel tentativo di placare l'ondata di uccisioni e violenza che sta affliggendo la cittadina. Quando il capo della folla muore sotto l'influenza psichica dei bambini, la gente inizia a fuggire impaurita riversandosi per le strade, in nascondigli di fortuna. Nel frattempo, il governo invia diversi poliziotti sul posto aiutati anche da un'unità della Guardia Nazionale incaricata di uccidere tutti i bambini. Ma le cose non vanno come previsto, e i bambini manipolano le menti delle forze dell'ordine creando uno spettacolare quanto sanguinoso scontro a fuoco che termina con la morte di tutti i tutori della legge.

Alan inizia a escogitare un piano estremo e rischioso, che sembra essere l'ultima cosa possibile da fare per sopravvivere ai bambini. Si è reso infatti conto di poter schermare i propri pensieri pensando in maniera intensa a qualcosa. Schermando i propri pensieri piazza all'interno della classe dei bambini una valigetta carica d'esplosivo con cui far saltare l'intero edificio. Alan, capendo la natura diversa di David, gli chiede di lasciare un attimo l'aula per andare a prendere i libri dalla sua auto. Mara intuisce tutto, impedisce a David di uscire e cerca di leggere i pensieri di Alan. Nel frattempo arriva Jill, madre di David che lo porta in salvo. I bambini si concentrano tutti insieme per leggere la mente di Alan e, mentre sono sul punto di riuscirci, il timer attiva l'esplosivo, facendo saltare il palazzo e uccidendo tutti.

Jill e David sopravviono all'esplosione, e la donna assicura al giovane che si rifugeranno in un posto dove nessuno potrà riconoscerli; mettendosi in viaggio in auto, David pone il suo sguardo sull'orizzonte.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

In una scena prima che il collasso collettivo colpisca la cittadina si intravede un cameo di John Carpenter quando Alan e Frank sono dal benzinaio: Carpenter è al telefono di spalle.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Per la terza volta per realizzare gli effetti speciali del film John Carpenter si è rivolto alla Industrial Light & Magic.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Villaggio dei dannati (1995) - Date di uscita

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]