John Wyndham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

John Wyndham (Knowle, 10 luglio 1903Londra, 11 marzo 1969) è stato uno scrittore inglese di romanzi di fantascienza.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

John Wyndham Parkes Lucas Beynon Harris nacque nel villaggio di Knowle, non lontano da Birmingham e non mancò di sfruttare il suo chilometrico nome per trarne diversi pseudonimi letterari quali John Beynon o J. B. Harris. Mancato avvocato, dopo aver tentato diverse strade con scarso successo, iniziò la sua carriera di scrittore nel 1931, quando viene pubblicato il suo primo racconto, Worlds to Barter su una rivista statunitense.

In questi primi racconti non mancano le incursioni nel campo del poliziesco, ma è la fantascienza il genere nel quale Wyndham pian piano si specializza. È in patria che pubblica il suo primo romanzo nel 1935: The Secret People, tradotto in italiano come Il popolo segreto, di stampo avventuroso e fantastico. Sullo stesso genere il dittico narrativo costituito da Avventura su Marte (Planet Plane, 1936) e I sopravvissuti di Marte (The Sleepers of Mars, 1938). La carriera di Wyndham subisce un arresto dovuto alla seconda guerra mondiale, durante la quale è caporale dei Royal Signal Corps.

Tornato alla vita civile e spronato dall'esempio del fratello, che aveva pubblicato con qualche successo alcuni romanzi, pubblica tra il 1951 ed il 1957 quelli che sono considerati i suoi capolavori e nei quali perfeziona il suo stile, un perfetto equilibrio di ironia, suspense e considerazioni filosofiche: Il giorno dei trifidi (The Day of The Triffids), Il risveglio dell'abisso (The Kraken Wakes), I trasfigurati (Re-Birth) e I figli dell'invasione (The Midwich Cuckoos).

Alla pubblicazione nel 1959 di un romanzo pienamente ascrivibile alla più classica tradizione fantascientifica come Sbarco su Marte (The Outward Urge) segue, nell'anno successivo, Il lichene cinese (Trouble with Lichen, 1960) e, dopo una lunga attesa, il romanzo breve Chocky (Chocky, 1968). Sposatosi nel 1963 con Grace Wilson (frequentata fin dalla giovinezza), Wyndham passa gli ultimi anni della sua vita nella quiete della casa di campagna di Petersfield (nello Hampshire), dove muore senza figli l'11 marzo del 1969. Un'ultima fatica letteraria sarà pubblicata postuma ben dieci anni dopo la scomparsa dell'autore: Ragnatela (Web, 1979), che Wyndham era riuscito a concludere (ma non a revisionare) prima della morte.

I temi[modifica | modifica sorgente]

Wyndham raccoglie certamente la tradizione apocalittica britannica e così descrive catastrofi suscettibili di distruggere l'umanità, ad esempio ne Il giorno dei Trifidi dove una pioggia di meteoriti rende ciechi quasi tutti gli abitanti della Terra mettendoli alla mercé di piante carnivore semoventi (i Trifidi, appunto) o pericoli scampati per il rotto della cuffia come ne I figli dell'invasione, nel quale appare un altro tema maggiore dello scrittore: l'invasione aliena.

Gli alieni e i mutanti di Wyndham sono solitamente minacciosi, determinati a conquistare e soggiogare la razza umana, il che, negli altri scrittori che sfruttano questo filone, genera atmosfere cupe ed angosciose. Wyndham, invece, sa mitigare l'ineluttabilità del fato e la crudezza delle sue catastrofi ricorrendo ad uno stile pacato, una scrittura serena e spesso ironica che genera un evidente contrasto con i temi trattati. In questo conflitto latente tra la voce narrante e gli avvenimenti narrati risiede il fascino discreto di John Wyndham, una seduzione letteraria che giustifica le continue riedizioni dei romanzi e dei racconti dello scrittore britannico in tutte le lingue.

Gli adattamenti cinematografici e televisivi[modifica | modifica sorgente]

I libri di John Wyndham hanno ispirato diversi registi, che ne hanno tratto film di successo.

Il giorno dei trifidi, ad esempio, approda sul grande schermo nel 1962 ad opera di Steve Sekely e con Howard Keel nei panni del protagonista. In Italia è conosciuto come L'invasione dei mostri verdi. La BBC ne ha realizzato un serial televisivo in 6 episodi, con una sceneggiatura molto più fedele. Il serial è inedito in Italia. Sempre la BBC ha annunciato una nuova versione del romanzo in due parti da 90 minuti, per il canale BBC HD, che uscì nel 2009.

I figli dell'invasione ispira due adattamenti cinematografici: il primo, Villaggio dei dannati (Village of the Damned) nel 1960 di Wolf Rilla, e il secondo, dallo stesso titolo, nel 1995 di John Carpenter.

Ancora più numerosi gli adattamenti televisivi, tra i quali ricordiamo Chocky del 1984 ed un paio di episodi delle serie presentate da Alfred Hitchcock: Considers Her Ways (1964) e Maria (1961).

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

  • The Secret People (come John Beynon, 1935) - Le onde del Sahara (in Urania n° 56, Mondadori); Il popolo segreto (in Cosmo Oro n° 24, Nord).
  • Planet Plane (come John Beynon, 1936) - Avventura su Marte (in Urania n° 49, Mondadori); Clandestina di Marte (in Classici n° 26, Libra).
  • The Sleepers of Mars (1938) - I sopravvissuti di Marte (in Classici n° 26, Libra).
  • The Day of The Triffids (1951) - L'orrenda invasione (in Urania n° 3, Mondadori); Il giorno dei trifidi (in Universo a sette incognite, Mondadori).
  • The Kraken Wakes (1953, Il risveglio dell'abisso (in Urania n° 35 e 307bis, Mondadori).
  • Re-birth o The Chrysalidis (1955) - I trasfigurati (in Urania n° 149 e 448, nell'antologia Mutanti e mutazioni della Biblioteca di Urania n° 7, Mondadori e nei Classici n° 22, Libra).
  • The Midwich Cuckoos (1957) - I figli dell'invasione (in Urania n° 200 e 497, Mondadori).
  • Consider her ways (1957) - romanzo breve - (ultima edizione Considera la sue abitudini (Nottetempo, 2005, precedentmente pubblicato come "Considera le sue vie")
  • The Outward Urge (come John Wyndham e Lucas Parkes 1959) - Sbarco su Marte (nei Romanzi del Corriere n° 65, CDS); Uomini e stelle (in Saturno n° 3, Libra); Oltre Venere (in Oscar SF n° 27, Mondadori).
  • Trouble with Lichen (1960) - Il lichene cinese (in Urania n° 286 e 618, nell'antologia Mutanti e mutazioni della Biblioteca di Urania n° 7, Mondadori).
  • Chocky (1968) - Chocky (in Urania n° 536, nell'antologia Mutanti e mutazioni della Biblioteca di Urania n° 7 e nei Massimi della Fantascienza, Mondadori).
  • Web (postumo, 1979) - Ragnatela (in Urania n° 826, Mondadori).

Antologie[modifica | modifica sorgente]

  • Jizzle (1954) - I vortici dell'assurdo, La Tribuna.
  • The Seeds of Time (1956) - Su e giù per il tempospazio (in Urania n° 871 e Classici Urania n° 203, Mondadori).
  • The Infinite Moment (1961).
  • The Best of John Wyndham (1973).
  • The Man from Beyond And Other Stories (1975).

Non di fantascienza[modifica | modifica sorgente]

  • Foul Play Suspected (come John Benyon, 1935).
  • Love in Time (come Johnson Harris, 1946).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia italiana di John Wyndham in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Controllo di autorità VIAF: 2593923 LCCN: n50024699