Villa Cimbrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Cimbrone a Ravello
Aspetto primaverile del viale che conduce al Belvedere
Il Belvedere con la Terrazza dell'Infinito

Villa Cimbrone a Ravello, comune in provincia di Salerno, è un edificio storico costruito su un promontorio roccioso a picco sulla Costiera amalfitana ed in gran parte occupato da un esteso parco, ornato di statue, antichità varie, fontane, grotte e culminante in un belvedere che mostra, specie dalla celebre Terrazza dell'Infinito, scenari di incomparabile bellezza sul Golfo di Salerno e sulle località costiere limitrofe.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo "Cimbrone" ricorda l'antica denominazione del promontorio roccioso Cimbronium su cui sorgevano le rovine di una villa romana, trasformata poi in ampio casale ed un tempo residenza prima della nobile famiglia Acconciagioco e successivamente dei Fusco e degli Amici. Solo nel 1904 l'intera proprietà fu acquistata da un nobile banchiere britannico, Ernest William Beckett, che trasformò radicalmente sia la villa, da lungo tempo in stato di abbandono, sia il vasto appezzamento terriero ed i giardini nello straordinario parco con elementi architettonici neoclassici e gotici e mediando tra il selvaggio stile botanico all'inglese e il preciso all'italiana.

All'interno della villa sorge attualmente un albergo a 5 stelle, mentre il vasto giardino è aperto al pubblico durante tutto l'anno ed è visitabile a pagamento. L'Hotel e il suo parco secolare si trovano in una zona pedonale accessibile attraverso una stradina panoramica, alternata da scale, in via Santa Chiara 26 a soli 10 minuti dal centro storico di Ravello.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

La Costiera amalfitana dal Belvedere di Villa Cimbrone
La Terrazza dell'Infinito
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura