Tour dei British and Irish Lions 2005

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tour dei British Lions 2005
Date 23 maggio — 9 luglio 2005
Destinazione Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Allenatore Inghilterra Clive Woodward
Capitano Galles Gareth Thomas
Esito Persa 0-0-3
Incontri
G V N P
Totali 11 7 0 4
Test match 3 0 0 3
Avversari nei test match
Nazionale G V N P
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 3 0 0 3
Record nei test match
Punti Inghilterra Jonny Wilkinson (31)
Record generali
Presenze Inghilterra Martin Corry (9)
Punti Inghilterra Charlie Hodgson (53)
Mete Galles Shane Williams (6)
Pagina web
lionsrugby.com/2005tour
Cronologia dei tour
Left arrow.svg 2001 2009 Right arrow.svg

Il tour dei British and Irish Lions 2005 fu il 30º tour ufficiale della formazione interbritannica di rugby a 15 dei British and Irish Lions; si tenne per l'11ª volta in Nuova Zelanda, dal 23 maggio al 9 luglio 2005, e consisté in una serie di 11 incontri, di cui tre test match contro gli All Blacks.

Team manager della squadra l'ex rugbista inglese Bill Beaumont, allenatore e commissario tecnico Clive Woodward, campione del mondo due anni prima con l'Inghilterra.


La squadra[modifica | modifica sorgente]

La squadra di 44 giocatori fu annunciata l'11 aprile 2005, con 20 giocatori inglesi, 11 irlandesi, 10 gallesi e 3 soli scozzesi. Venne assai criticata la scelta di portare così tanti giocatori inglesi a fronte delle pessime prestazioni del 2004 e del 2005 e del Grande Slam gallese nel 2005. Fu criticata anche la scelta di convocare giocatori inglesi che avevano lasciato l'attività internazionale o avevano poca esperienza.

I giocatori inglesi infortunati Jonny Wilkinson, Phil Vickery e Mike Tindall furono chiamati per verificare le loro condizioni e il solo Wilkinson fu alla fine portato in tour.

Iain Balshaw fu sostituito da Mark Cueto il 17 maggio. Altri giocatori furono chiamati durante il tour per sostituire infortunati e squalificati.

Nella lista che segue i giocatori in corsivo furono rimpazzati dal nome che segue immediatamente.

Avanti[modifica | modifica sorgente]

Piloni[modifica | modifica sorgente]

Tallonatori[modifica | modifica sorgente]

Seconde linee[modifica | modifica sorgente]

Flanker / Numeri 8[modifica | modifica sorgente]

Mediani[modifica | modifica sorgente]

Mediani di mischia[modifica | modifica sorgente]

Mediani di apertura[modifica | modifica sorgente]

Tre quarti[modifica | modifica sorgente]

Tre quarti centro[modifica | modifica sorgente]

Tre quarti ala ed estremi[modifica | modifica sorgente]

Match preparatorio[modifica | modifica sorgente]

Per la prima volta nella storia, i Lions disputano un incontro prima della partenza. È l'Argentina ad affrontare la selezione britannica. Il risultato di pareggio non preoccupa più di tanto l'opinione pubblica, che attende una cavalcata vittoriosa per i loro beniamini.[1]. Ad esaltare il ritorno di Jonny Wilkinson, dopo un periodo molto tribolato da infortuni in serie, torna ad un match internazionale dopo 18 mesi dalla finale mondiale. E lo fa da par suo realizzando 20 dei 25 punti dei Lions (una sola meta), che salvano l'onore contro dei Pumas molto caricati[2].

Cardiff
23 maggio 2005
Isole Britanniche Free Use British and Irish Lions flag (bordered).png 25 – 25 Flag of Argentina.svg Argentina

Il tour[modifica | modifica sorgente]

Bilancio[modifica | modifica sorgente]

  • Giocate: 11 (3)
  • Vinte: 7 (0)
  • Perse: 4 (3)
  • Punti fatti: 328 (40)
  • Punti subiti: 220 (107)

I primi match[modifica | modifica sorgente]

Sin dal primo match si capisce che questo tour sarà un incubo: tenuto a riposo Johnny Wilkinson e schierato Ronan O'Gara, nel primo match contro Bay of Planty, Lawrence Dallaglio si infortuna e per lui il tour è finito dopo soli 22 minuti.[3].

Arriva comunque un successo con cinque mete di Lewsey (2), Cueto, Shanklin, Peel, D'arcy.

Nel secondo match, contro Taranaki, la squadra dei rincalzi travolge i neozelandesi, grazie ad un grande Charlie Hogdson[4] e ad una convincente prestazione di squadra[5].

Si arriva dunque all'atteso match contro i New Zealand Maori. La squadra è imbottita di ex nazionali quali Carlos Spencer, prossimo a lasciare la Nuova Zelanda per chiudere la carriera in Europa, e di nazionali potenziali come Luke McAlister e Marty Hola. I maori dominano e vincono con un ottimo secondo tempo. La prima sconfitta del tour arriva proprio in questo match, in cui i Lions hanno schierato all'apertura il gallese Stephen Jones[6].

Il match con Wellington vede l'esordio di giocatori finora esclusi come Neil Back e soprattutto Jonny Wilkinson alle prese con l'ennesimo fastidioso infortunio. Il risultato di 23-6 riporta il sereno in casa britannica grazie anche alle mete di Gethin Jenkins e Gareth Thomas[7].

Ma in realtà le divisioni interne, i mugugni degli esclusi stanno minando il clima e il management non trova di meglio di lamentarsi del fatto la federazione neozelandese non ha impiegato i giocatori della nazionale nelle selezioni provinciali per preservarli in vista dei test. Una pretesa di comandare in casa d'altri che irrita la stampa neozelandese e britannica[8]. Atteggiamento di spocchia aggravato dall'annullamento di alcune visite di rappresentanza e beneficenza[9].

Contro Otago viene schierata la squadra di rincalzi (mid-week team) pur trattandosi di un match nel fine settimana e arriva un successo meno tranquillo di quanto dica il punteggio[10].

L'ultimo match prima del test match è contro Southland e vede la grande prestazione di Gavin Henson[11]. L'avversario è assai modesto e non crea problemi a quella che di fatto è la terza squadra, quanto a livello, secondo i piani di Clive Woodward, che sembra volere confondere le carte volutamente[12].

I Test e la fine delle illusioni[modifica | modifica sorgente]

Arriva il primo test contro la Nuova Zelanda, finalmente si fa sul serio. Woodward schiera a Christchurch una squadra basata sulla coppia di mediani gallesi Stephen Jones e Dwayne Peel con Jonny Wilkinson schierato a centro per ridurre i rischi di infortunio. La Nuova Zelanda schiera la miglior squadra possibile con la coppia di mediani Daniel Carter e Justin Marshall.

I Lions vengono travolti sin dall'inizio commettendo molti falli e Paul O'Connell finsice sulla panca dei puniti per 10 minuti. Si va sul 6-0 per gli All Blacks, poi al 24' Ali Williams realizza la prima meta. Il primo tempo si chiude 11-0. Nel secondo gli All Blacks salgono sino 21-0 (meta di Sitiveni Sivivatu). Inutile il calcio di Jonny Wilkinson[13].

Le critiche piovono sul gioco dei Lions[14] e soprattutto su Clive Woodward[15]. A complicare le cose, l'incidente che mette fuori gioco per tutto il tour Brian O'Driscoll[16], vittima di un placcaggio "killer" dopo due minuti di gioco ad opera di Keven Mealamu e Tana Umaga[17].

Segue un facilissimo match contro Manawatu, modesta squadra di terzo livello che subisce 17 mete[18].

Il secondo test segue l'andamento del primo con gli All blacks che realizzano 4 mete[19] e con un Dan Carter inarrestabile[20].

Ormai la resa è vicina , solo una grande prestazione dei rincalzi evita la sconfitta contro Auckland[21].

Il tour si chiude con il terzo test match che ricalca i due precedenti se non per il primo tempo cui i Lions sembrano reggere l'onda d'urto della "marea nera"[22] per cedere nel secondo tempo[23].

Era dal 1983 che i Lions non perdevano tutti i test in un tour. Il fallimento è evidente e pone fine alla carriera di Clive Woodward che finisce sul banco degli imputati per la sua gestione farraginosa e supponente[24].

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I test match[modifica | modifica sorgente]

Christchurch
25 giugno 2005
Nuova Zelanda Flag of New Zealand.svg 21 – 3 British Lions British Lions

Wellington
2 luglio 2005
Nuova Zelanda Flag of New Zealand.svg 48 – 18 British Lions British Lions

Auckland
9 luglio 2005
Nuova Zelanda Flag of New Zealand.svg 38 – 19 British Lions British Lions

Gli altri incontri[modifica | modifica sorgente]

Rotorua
4 giugno 2005
Bay of Plenty 600px Blu con strisce Oro e Bianche.svg 20 – 34 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

New Plymouth
8 giugno 2005
Taranaki 600px Giallo e Nero orizzontale con striscia bianca.png 14 – 36 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Hamilton
11 giugno 2005
New Zealand Māori Flag of New Zealand.svg 19 – 13 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Wellington
15 giugno 2005
Wellington 600px Giallo e Nero orizzontale con striscia bianca.png 6 – 23 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Dunedin
18 giugno 2005
Otago 600px Giallo e Blu orizzontale con striscia bianca.png 19 – 30 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Invercargill
21 giugno 2005
Southland 600px Giallo oro e Rosso porpora con striscia bianca al centro.png 16 – 26 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Palmerston North
28 giugno 2005
Manawatu 600px Verde con due strisce Bianche.svg 6 – 109 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Auckland
5 giugno 2005
Auckland 600px Bianco con striscia Blu centrale.svg 13 – 17 British and Irish Lions flag.svg British Lions XV

Inno[modifica | modifica sorgente]

Sir Clive Woodward commissionò un inno, "The Power of Four", specifico per questo tour. La musica fu composta da Neil Myers e il brano venne cantato per la prima volta in pubblico dalla cantante d'opera gallese Katherine Jenkins prima del match con l'Argentina. Fu eseguito come "inno nazionale" prima di ogni match.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Hell to pay if injury reality bites Lions in The Guardian, 23 maggio 2005.
  2. ^ (EN) Wilkinson rescues pride of Lions in The Guardian, 24 maggio 2005.
  3. ^ (EN) Tries and woes aplenty as Dallaglio limps out of tour in The Guardian, 05 giugno 2005.
  4. ^ (EN) Third man steps out of the shadows in The Guardian, 08 giugno 2005.
  5. ^ (EN) Lions surge back for flattering victory in The Guardian, 08 giugno 2005.
  6. ^ (EN) Maori loosen the Lions' screws and Spencer plays king for one last time in The Guardian, 012 giugno 2005.
  7. ^ (EN) Wellington 6 - 23 Lions in The Guardian, 15 giugno 2005.
  8. ^ (EN) Lions complain over weak opposition in The Guardian, 16 giugno 2005.
  9. ^ (EN) Woodward upsets the south in The Guardian, 18 giugno 2005.
  10. ^ (EN) Jones's rare bit of Welsh beef gives Lions something extra to chew on in The Guardian, 19 giugno 2005.
  11. ^ (EN) Southland 16 - 26 Lions in The Guardian, 21 giugno 2005.
  12. ^ (EN) Lions confident of victory, thanks to false impressions in The Guardian, 19 giugno 2005.
  13. ^ (EN) All Blacks 21 - 3 Lions in The Guardian, 25 giugno 2005.
  14. ^ (EN) Miserable Lions mauled in The Guardian, 25 giugno 2005.
  15. ^ (EN) Businesslike Woodward puts Lions ethos at risk in The Guardian, 25 giugno 2005.
  16. ^ (EN) O'Driscoll out of tour in The Guardian, 25 giugno 2005.
  17. ^ (EN) Umaga regrets but says tackle was accidental in The Guardian, 30 giugno 2005.
  18. ^ (EN) Williams shines as Lions maul Manawatu in The Guardian, 28 giugno 2005.
  19. ^ (EN) Carter is just unstoppable in The Guardian, 03 luglio 2005.
  20. ^ (EN) 'It was just one of those nights for me' in The Guardian, 03 luglio 2005.
  21. ^ (EN) Midweekers provide measure of pride in The Guardian, 03 luglio 2005.
  22. ^ (EN) Minute-by-minute report in The Guardian, 09 luglio 2005.
  23. ^ (EN) New Zealand 38-19 Lions in The Guardian, 09 luglio 2005.
  24. ^ (EN) High-flown Woodward jets out on a cloud of derision and failure in The Guardian, 03 novembre 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby