Tour dei British and Irish Lions 1891

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tour dei British Lions 1891
Destinazione Sudafrica Sudafrica
Allenatore Inghilterra E. Ash
Capitano Scozia Bill MacLagen
Incontri
G V N P
Totali 20 20 0 0
Test match 3 3 0 0
Avversari nei test match
Nazionale G V N P
Sudafrica Sudafrica 3 0 0 0

Nel 1981 i British and Irish Lions, guidati dal capitano Bill MacLagen e dal coach E. Ash, si recarono in Sudafrica (che non esisteva ancora come entità statale vera e propria).

Questa selezione vinse tutti e venti i match, compresi i tre test contro il Sudafrica, i primi di una selezione sudafricana.

A differenza del tour in Australia del 1888, non riconosciuto come ufficiale dalla Rugby Football Union, questo è considerato il primo test ufficiale di una selezione interbritannica.[1]. Il tour si svolse anche grazie al fatto che Cecil Rhodes garantì di coprire ogni perdita finanziaria dovesse verificarsi.[1]

Il team giocò contro varie selezioni regionali del Sudafrica. In tale occasione fu creata la Currie Cup, trofeo che fu messo originariamente in palio dal governatore delle province britanniche, Donald Currie, per la squadra sudafricana che avesse ottenuto il miglior risultato contro i “Turisti”. Il successo arrise alla squadra del Griqualand West. Tale trofeo è ancora oggi messo in palio per il campionato nazionale sudafricano.

La squadra giocò con i colori dello Union Jack, con una maglia a strisce bianche e rosse e pantaloncini blu. Di fatto si trattava di una squadra inglese con alcuni determinanti rinforzi scozzesi. Nessun giocatore gallese o irlandese fece parte del team.

Il team[modifica | modifica wikitesto]

La squadra delle Isole Britanniche - 1891

Estremi[modifica | modifica wikitesto]

Tre quarti[modifica | modifica wikitesto]

Mediani[modifica | modifica wikitesto]

Avanti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Sistema di punteggio: 1 punto per la meta, 2 punti per la trasformazione, 4 punti drop e calcio da Mark








































Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Griffiths, The Phoenix Book of International Rugby Records, London, Phoenix House, 1987, ISBN 0-460-07003-7.
  • Vivian Jenkins, Rothmans Rugby Yearbook 1981-82, Aylesbury, Rothmans Publications Ltd, 1981, ISBN 0-907574-05-X.
  • A.C. Parker, The Springboks, 1891-1970, London, Cassell & Company Ltd., 1970, ISBN 0-304-93591-3.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Griffiths (1987), pg 6:3.