Lewis Moody

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'ingegnere statunitense, vedi Lewis Ferry Moody.
Lewis Moody
Lewis Moody Rugby player.JPG
Lewis Moody nel luglio 2012
Dati biografici
Nome Lewis Walton Moody
Paese Regno Unito Regno Unito
Altezza 195 cm
Peso 105 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Inghilterra Inghilterra
Ruolo Terza linea
Squadra Bath Bath
Ritirato 2012
Carriera
Anni Squadre G M Tr CP D
Giocatore di club
1996-2010 Leicester Leicester 139 20 0 0 0
2010-2012 Bath Bath 13 0 0 0 0
Giocatore internazionale
2001- Inghilterra Inghilterra 71 9 0 0 0
2005 British Lions British Lions 3 1 0 0 0
Le statistiche di club sono relative ai soli campionati di Lega
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2003
Finalista RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2007
Statistiche aggiornate al 24 marzo 2013

Lewis Walton Moody (Ascot, 12 giugno 1978) è un ex rugbista britannico, vincitore con la Nazionale inglese della Coppa del Mondo 2003 e finalista di quella del 2007. Come flanker ha militato dal 2010 fino al suo ritiro nei Bath, in English Premiership, dopo 14 anni al Leicester..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Moody iniziò a giocare a mini-rugby all'età di 5 anni, poi, durante il periodo scolastico, passò al gioco a XV con il ruolo di centro. Entrò poi alle giovanili del Leicester, evolvendo di ruolo e passando a flanker. L'esordio nell'Inghilterra maggiore avvenne il 2 giugno 2001 in un test match contro il Canada, grazie alla contemporanea assenza di Neil Back e Richard Hill, impegnati nel tour australiano dei British Lions. La sua prima meta fu segnata a San Francisco contro la Nazionale degli Stati Uniti. Il primo impegno di rilievo contro una Nazionale di pari rango si presentò a ottobre del 2001, quando, in occasione della sua quarta presenza ufficiale, Moody fu schierato a Dublino contro l'Irlanda.

Nell'autunno del 2002 Moody fu preferito a Lawrence Dallaglio nel XV di partenza contro gli All Blacks, e il giocatore ripagò la fiducia segnando una meta e dando un grosso contributo alla vittoria finale, ma un infortunio nella partita successiva contro il Sudafrica lo costrinse a saltare il resto dei test match; inoltre, una ricaduta gli fece saltare anche il Sei Nazioni 2003 e parte dei test estivi in preparazione della Coppa del Mondo. Ciononostante il C.T. Clive Woodward lo inserì nella rosa per la Coppa, e Moody disputò tutti i sette match della competizione, inclusa la finale nella quale subentrò come sostituto di Hill.

Gli stessi problemi fisici si ripresentarono 4 anni più tardi, nell'anno della Coppa del Mondo in Francia: Moody saltò per infortunio il Sei Nazioni e parte della campagna estiva, ma il nuovo C.T. Brian Ashton lo convocò per il torneo mondiale, nel quale esordì nell'ultima partita della prima fase a gironi contro Tonga: a detta degli osservatori, il contributo di Moody fu positivo per il nerbo e la combattività che riuscì a dare al reparto difensivo[1]

Nel successivo quarto di finale contro l'Australia gli fu riconosciuto il merito di avere oscurato il suo avversario diretto, il Wallabie George Smith[2]. Successivamente, fu presente anche alla semifinale - vinta - contro la Francia e alla finale persa 6-15 contro il Sudafrica.

Il 5 marzo 2010 fu resa pubblica la notizia che Lewis Moody ha firmato un contratto triennale con il Bath a partire dalla stagione 2010-11[3].

Il 6 marzo 2012, dal proprio sito ufficiale, ha annunciato il ritiro dal mondo del rugby. [4].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Paul Rees, England vs. Tonga - Player ratings in The Guardian, 29 settembre 2007. URL consultato il 3-3-2008.
  2. ^ (EN) Tom & Ben, England v Australia player ratings in BBC Sport, 6 ottobre 2007. URL consultato il 3/3/2008.
  3. ^ (EN) Gavin Mairs, Lewis Moody to join Bath in summer on three-year deal in Daily Telegraph, 5 marzo 2010. URL consultato il 5-3-2010.
  4. ^ (EN) Lewis Moody, Former England Captain and Bath Rugby Flanker Lewis Moody MBE has retired from rugby union with immediate effect. in Official Website, 6 marzo 2012. URL consultato il 6-3-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]