The Rock (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Rock
The Rock (film 1996).jpg
Sean Connery e Nicolas Cage in una scena del film
Titolo originale The Rock
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1996
Durata 136 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere azione
Regia Michael Bay
Soggetto David Weisberg e Douglas Cook
Sceneggiatura David Weisberg, Douglas S. Cook, Mark Rosner uncredited: Quentin Tarantino, Aaron Sorkin, Jonathan Hensleigh, Robert Towne, Nicolas Cage
Produttore Jerry Bruckheimer
Fotografia John Schwartzman
Montaggio Richard Francis-Bruce
Effetti speciali Robert S. Henderson
Musiche Nick Glennie-Smith, Harry Gregson-Williams e Hans Zimmer
Scenografia Michael White
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Un paio di secoli fa, dei signori di nome Washington, Jefferson e Adams vennero bollati di tradimento dagli inglesi. Oggi sono considerati dei patrioti; col tempo lo saremo anche noi. »
(Generale Francis X. Hummel. - Ed Harris)

The Rock è un film del 1996 diretto da Michael Bay.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il Generale statunitense Francis X. Hummel, non potendo più sopportare quella che lui ritiene una grave ingiustizia nei confronti dei militari e delle loro famiglie, decide di disertare e forma un piccolo esercito di rivoluzionari.

La grave ingiustizia, che lo porta all'occupazione dell'isola di Alcatraz e al furto di missili contenente VX che minaccia di lanciare su San Francisco, è la politica del governo nei confronti dei caduti in azione di guerriglia sotto copertura. Lui ritiene che ogni famiglia di soldati uccisi, anche quelli che agiscono in missioni segrete, andrebbe risarcita, cosa che non avviene, e non potendolo più sopportare, decide di diventare un rivoluzionario.

Il generale si impadronisce con la forza dell'isola di Alcatraz e prende con sé ottantuno ostaggi, dopodiché informa le autorità dei suoi piani e pretende 100 milioni di dollari come risarcimento alle famiglie degli ottantasette soldati morti sotto il suo comando: un milione a ciascuna famiglia e i restanti tredici per sé stesso e il suo esercito di disertori, e informa le autorità che se non verranno esaudite le sue richieste lancerà missili contenenti VX sulla città, dando due giorni di tempo.

A questo punto viene inviata una squadra di assaltatori della marina per espugnare l'isola; alla squadra vengono aggregati il dottor Stanley Goodspeed dell'FBI, esperto di chimica e ordigni che sta per diventare padre dato che la sua fidanzata è incinta, e l'ex agente segreto britannico John Patrick Mason, già detenuto ad Alcatraz, unico prigioniero riuscito ad evadere da essa, che per trent'anni era rimasto prigioniero senza aver mai subito un processo con l'accusa di detenere filmini segreti contenenti informazioni strettamente riservate, come l'identità dell'assassino di Kennedy o la verità sugli alieni di Roswell. L'intera squadra, fatta eccezione per Goodspeed e Mason, cadrà in battaglia per difendere i propri ideali dopo aver rifiutato di gettare le armi, e toccherà ai due sopravvissuti cercare di salvare l'intera città di San Francisco da una catastrofe preannunciata. All'inizio Mason cercherà di andarsene, ma poi si deciderà a collaborare.

I due arrivano poche ore prima della scadenza dell'ultimatum al luogo dove vengono custodite dodici delle quindici testate e, dopo aver ucciso i due Marine di guardia, iniziano a disarmarle. Mason e Goodspeed fanno appena in tempo a togliere il chip di guida dall'ultima delle dodici testate quando vengono scoperti e attaccati: i due si buttano in un condotto dell'aria atterrando su un vagoncino minerario che parte a tutta velocità e cade in un burrone. Goodspeed riuscirà a saltare su un altro vagone sospeso, mentre Mason rimarrà appeso alla corda del vagoncino a testa in giù. Sono quindi raggiunti da tre marine: Mason ne uccide due e, prima che il terzo possa colpirlo, Goodspeed gli spara uccidendolo (prima volta in vita sua).

Allora il generale Hummel userà un ostaggio per far uscire i due allo scoperto, ma Mason, dopo aver distrutto i chip di guida dei missili disarmati, uscirà da solo per guadagnare del tempo in modo da permettere a Goodspeed di trovare gli altri tre missili. Goodspeed riuscirà a distruggere il chip di un altro missile prima di essere catturato.

Meno di un'ora prima della scadenza, Mason e Goodspeed vengono rinchiusi dai marine in due celle separate, ma grazie all'esperienza di Mason riusciranno ad aprirle. Mason adesso sembra determinato ad andarsene e Goodspeed, rimasto solo, verrà nuovamente catturato. Poco prima che Goodspeed venga ucciso, Mason ritorna e lo salva, quindi i due si rimettono a cercare i missili.

Scaduto l'ultimatum, il generale Hummel dà l'ordine di lanciare un missile, ma poi, non volendo uccidere tanta gente (il suo era sempre stato un bluff), devierà all'ultimo momento la rotta del missile e lo farà schiantare in mare. Gli altri marine non approvano l'operato di Hummel e decidono di ribellarsi al loro comandante. Ne nasce una sparatoria nella quale Hummel stesso viene ucciso. Questi, prima di morire, riuscirà a dire a Goodspeed che l'ultimo missile si trova nel faro. Mentre Mason cerca di trattenere i tre Marine rimanenti, Goodspeed toglie la testata dell'ultimo missile. In quel momento sopraggiunge uno dei Marine, ma Goodspeed riesce a lanciargli contro il missile che, ormai disarmato, cade in acqua. Quando Goodspeed cerca di uscire dal tetto del faro, viene preso di mira da un cecchino, ma Mason riesce a ucciderlo. Goodspeed, tentando di nascondere la testata di VX sotto una grata, ne provoca accidentalmente il distacco di un elemento, ma riesce ad afferrarlo prima che cada a terra, poi decide di conservarlo in tasca. Inseguito e raggiunto dall'ultimo Marine, Goodspeed è costretto a un corpo a corpo. Quando sembra che il soldato abbia la meglio, Goodspeed gli fa ingoiare il pezzo di testata, uccidendolo. Goodspeed, per non essere ucciso a sua volta dal gas, si inietta l'atropina nel cuore, salvandosi.

Il presidente degli Stati Uniti, nel frattempo, aveva autorizzato un attacco aereo con plasma termitico contro Alcatraz, proprio mentre Goodspeed si trascina fuori e accende i razzi verdi per segnalare la riuscita dell'operazione. Un soldato lo avvista pochi secondi prima del bombardamento, ma i piloti non vengono avvertiti in tempo e un missile viene sganciato. L'ordigno colpisce il faro, scaraventando Goodspeed in mare, ma è ancora Mason a trarlo in salvo. A questo punto, terminata con successo la missione, Mason dovrebbe essere nuovamente incarcerato, ma con la complicità di Goodspeed, riesce a dileguarsi prima dell'arrivo dei soldati statunitensi. Mason, per ringraziarlo, gli dà un bigliettino con scritto «Chiesa San Michael, Fort Walton, Kansas. Prima panca, zampa destra, cavità...».

Diverso tempo dopo, Goodspeed e sua moglie Carla si trovano in luna di miele a Fort Walton, e Goodspeed trova la cavità nella panca della chiesa indicata da Mason, scoprendo che contiene il microfilm sui segreti statunitensi degli ultimi cinquant'anni, rubato da Mason prima di essere incarcerato. Il film si conclude con Goodspeed che guarda nel microfilm e chiede a Carla: «Amore, vuoi sapere chi è l'assassino di Kennedy?».

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è stata curata da Hans Zimmer.

  1. Hummell Gets The Rockets - 6:26
  2. Rock House Jail - 10:13
  3. Jade - 1:59
  4. In The Tunnels - 8:40
  5. Mason's Walk/First Launch - 9:34
  6. Rocket Away - 14:12
  7. Fort Walton, Kansas - 1:38
  8. The Chase - 7:37

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema