Sol LeWitt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Solomon "Sol" LeWitt (Hartford, 9 settembre 1928New York, 8 aprile 2007) è stato un artista statunitense.

Nato nella capitale del Connecticut, è stato un artista legato a vari movimenti tra cui l'arte concettuale e il minimalismo.[1]

È famoso per i suoi Wall drawings[2] e le sue strutture, basate su semplici forme geometriche, che non di rado dialogano con l'architettura.

Black Form, 1987
Scultura di Sol LeWitt, Yorkshire Sculpture Park

Mostre (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • 1965: Daniela gallery, New York
  • 1968: Galerie Bischofberger, Zurigo
  • 1968: Galerie Heiner Friedrich, Monaco
  • 1968: documenta 4, Kassel
  • 1972: documenta 5, Kassel
  • 1977: documenta 6, Kassel
  • 1982: documenta 7, Kassel
  • 2012: Sol LeWitt. L'artista e i suoi artisti. Napoli, Museo Madre, 15 dicembre 2012 - 1 gennaio 2013.

Sol LeWitt nei musei italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael McNay, "Sol LeWitt Obituary," The Guardian, 11 aprile, 2007
  2. ^ Sol Le Witt, Early Works. Wall Drawing. URL consultato il 23-02-2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Arcs, from corners & sides, circles, & grids and all their combinations. Sol LeWitt, Bern: Kunsthalle; P. Bianchini, 1972
  • (EN) Sol LeWitt, Autobiography, New York: Multiples; Boston: Lois and Michael K. Torf, 1980 ISBN 0960557806
  • Sol LeWitt, From Monteluco to Spoleto: December 1976, Van Abbemuseum, Eindhoven 1984, ISBN 9065150250
  • Bruno Corà (a cura di), Forme di righe in bianco e nero: un walldrawing di Sol LeWitt al Museo di Capodimonte, fotografie di Mimmo Jodice, Electa Napoli 1988 ISBN 8843527940
  • Sol LeWitt opere recenti: pyrimids, complex forms e folding screens, catalogo della mostra tenuta a Spoleto, Narni e Genova nel 1990-1992, Electa editori umbri associati, Perugia 1992 ISBN 8843531743
  • (FR) Bruno Corà, Zia Mirabdolbaghi, L' image de la pensee - Sol Lewitt, catalogo della mostra tenuta al Chateau de Villeneuve-Fondation Emile Hughes a Vence, dal 5 luglio al 13 ottobre 2002. Danilo Montanari, Ravenna 2002
  • Sol Lewitt, Mimmo Paladino, catalogo della Mostra tenuta a Bari nel 2003. Hopefulmonster edizioni, Torino 2003 ISBN 8877571772
  • Sol LeWitt: wall drawings allo Studio G7, catalogo della mostra tenuta presso la Galleria studio g7 di Bologna, 2006 ISBN 8889431598
  • Adachiara Zevi, L’Italia nei WALL DRAWINGS di Sol LeWitt, Mondadori Electa, Milano 2012, ISBN 9788837090142

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84632546 LCCN: n79092583