Randland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'universo immaginario fantasy de La Ruota del Tempo, dello scrittore statunitense Robert Jordan, il termine Randland[1][2] (o Terre Occidentali o Terre Bagnate, in opposizione al vicino ed arido Deserto Aiel) indica il continente sul quale si svolgono le principali vicende narrate nel ciclo. La Randland è un continente a clima temperato, che ricorda in parte l'Europa ed in parte il Nord America; è suddiviso in numerosi stati indipendenti, ed inoltre vi sono molte zone un tempo popolate, ma che risultano ormai abbandonate. Nella creazione della società di questo continente, l'autore ha affermato di essersi ispirato all'Europa del XVII secolo.

Descrizione geografica generale[modifica | modifica wikitesto]

Gli appunti e le mappe di Robert Jordan ci hanno lasciato una conoscenza della geografia della cosiddetta Randland abbastanza buona, ma nei libri del ciclo (che riportano sempre una mappa) non è stata segnata la scala. Comunque una scala compare nella mappa globale presente nella cosiddetta Guida, scritta da Teresa Patterson assieme a Robert Jordan (la Guida non è ancora stata tradotta in italiano ed il suo titolo originale è The World of Robert Jordan's The Wheel of Time); grazie ad essa, è stato ricavato che la Randland misura approssimativamente 5600 km da ovest a est e 4400 km da nord a sud, per un totale di circa ventiquattro milioni e seicentomila chilometri quadrati (all'incirca quanto la superficie del Nord America, come già anticipato anche dall'autore in varie interviste).

La Randland ha all'incirca una forma rettangolare (il lato ovest è decisamente bombato). A nord è separato dalle Terre Inaridite e dal monte di Shayol Ghul dalle Montagne di Dhoom, che corrono da ovest a est per 4200 km circa; si interrompono al Passo di Tarwin, all'angolo nord-est del continente, e riprendono per altri 50 km fino ai Passi di Nimph, dove si incrociano con la Dorsale del Mondo. Questa catena delimita Randland al suo lato est e lo separa dal Deserto Aiel; corre da nord a sud per circa 3500 km, interrotta solo dal Passo di Jangai, ed arriva all'angolo sud-est alle Terre Sommerse, alle città di Godan e Mayene. A sud Randland si affaccia sul Mare delle Tempeste (che ospita diverse isole: Cindalking, Qaim e le Isole del Popolo del Mare); a sud-ovest la costa, qui chiamata Costa dell'Ombra, compie una larga curva e, quando essa giunge all'altezza della grande isola di Tremalking, il Mare delle Tempeste cambia nome e diventa l'Oceano Aryth, che bagna tutta la costa ovest di Randland. L'Oceano contiene tre arcipelaghi, l'Aile Jafar, l'Aile Somera e l'Aile Dashar; la costa termina a nord-ovest nella landa denominata Fine del Mondo: a nord di essa, le Montagne di Dhoom si allungano in mare separando l'Oceano Aryth dal Mar Morto.

All'interno del continente, la catena montuosa più rilevante è quella delle Montagne di Nebbia: essa corre vicino alla costa occidentale di Randland, dalla città di Amador all'estremità meridionale fino al confine sud della Saldea a quella settentrionale. Ad ovest della catena, stretti tra essa e l'Oceano Aryth, si trovano diversi territori. Nella zona meridionale, di fronte all'Aile Jafar, si trova Tarabon, solcato dal fiume Andahar e dai suoi affluenti: le città più importanti di questo Stato sono Tanchico (la capitale, sulla foce dell'Andahar) ed Elmora. Nella fascia centrale si estende la Piana di Almoth, un tempo sede del regno omonimo, oggi contesa tra Tarabon e l'Arad Doman; la costa in questo punto forma una grande penisola, Capo Toman, che ospita la città portuale di Falme; alla stessa altezza, presso le Montagne di Nebbia, si trovano la città di Katar e il bosco di Paerish Swar. Nella zona settentrionale, solcata dai fiumi Akuum e Dhagon, si trova lo Stato dell'Arad Doman, la cui capitale, Bandar Eban, si trova su un piccolo promontorio alla foce dell'Akuum.

A sud-ovest, la Costa dell'Ombra è una terra disabitata.

Ad est di Tarabon si trova il regno di Amadicia, delimitato a nord-ovest dalle Montagne di Nebbia, a nord-est dal fiume Eldar e a sud dal suo affluente, lo Sharia; la capitale è la città di Amador, sede anche dei Figli della Luce. A nord dell'Amadicia si trova il Ghealdan, piccolo Stato solcato da un altro affluente dell'Eldar, il Boern; la capitale, Jehannah, si trova presso la sua sorgente. Ad est di Costa dell'Ombra, Amadicia e Ghealdan si trova l'Altara: a nord questo vasto Stato è dominato dal Muro di Garen e dal fiume Manetherendrelle, mentre al sud si trova una delle più vaste foreste di Randland (seconda solo forse all'Haddon Mirk), contenente il villaggio di Salidar; sulla costa si trova la capitale, Ebou Dar, alla foce dell'Eldar, su una penisola che con i Monti Venir forma la costa occidentale della Baia di Kabal. La costa orientale è invece formata dalla lunga penisola del regno di Illian; a nord questo Stato si estende un po' oltre la confluenza dei fiumi Cary e Shal nel Manetherendrelle, mentre a sud termina nel Mare delle Tempeste con la sua foce, che ospita la capitale Illian. A nord di Illian si trova il Murandy, solcato da vari affluenti del Manetherendrelle; sul maggiore di questi, lo Shorn, al centro del paese, si trova la capitale Lugard. Ad est di Illian si trovano le Piane di Maredo, una volta uno Stato ma oggi disabitate (tranne per la città-Stato di Far Madding) e contese tra Illian e Tear; a nord delle Piane e ad est del Murandy si trovano le Colline di Kintara, anch'esse una volta un regno ora scomparso. Sulla costa ad est delle Piane di Maredo si trova il regno di Tear, che si estende dal delta dell'Erinin (chiamato Dita del Drago) ad ovest fino alle Terre Sommerse ad est; le città più importanti sono Tear (la capitale, nelle Dita del Drago) e Godan (affacciata su un golfo a sud della Dorsale del Mondo). Dall'altra parte del golfo si trova Mayene, una città-Stato continuamente minacciata da Tear; a nord di Tear invece si trova il bosco di Haddon Mirk, delimitato ad est e ad ovest dalla Dorsale del Mondo e dall'Erinin e solcato da un affluente di quest'ultimo, il Tralel.

A nord di Ghealdan, Altara, Murandy e Colline di Kintara si trova il vasto regno di Andor, delimitato a ovest dalle Montagne di Nebbia, a est dall'Erinin e a nord dal corso dell'Arinelle, dalle Praterie di Caralain e dal Braem Wood. Nella parte occidentale si trovano la zona dei Fiumi Gemelli, la sorgente del Manetherendrelle e la cittadina di Baerlon; spostandosi ad est si incontrano i boschi tra il Manetherendrelle e l'Arinelle, sulle cui rive è nascosta la città disabitata di Shadar Logoth. Al centro di Andor l'Arinelle piega a sud, tagliando in due il regno, ed in questo punto sorge la città di Whitebridge; muovendosi ancora verso oriente si incontrano campagne e villaggi (come Quattro Re e Market Sheran) finché, nella parte orientale del regno, si trovano il Cary e la capitale, Caemlyn; appena oltre il confine est, sulla sponda occidentale dell'Erinin, si trova il villaggio di Aringill.

A nord-est di Caemlyn, un po' più a nord dell'Haddon Mirk, si trova il regno di Cairhien; esso è delimitato ad ovest dall'Erinin, a est dalla Dorsale del Mondo e a nord e a sud da due suoi prolungamenti (quello settentrionale chiamato Pugnale del Kinslayer). La parte occidentale è coperta di boschi, appendici del Braem Wood; a nord-est, in corrispondenza del Passo di Jangai, nasce il Gaelin, che si getta nell'Alguenya in corrispondenza della capitale, Cairhien; l'Alguenya a sua volta si tuffa nell'Erinin poco oltre il confine meridionale, presso Aringill.

A nord di Andor e Cairhien si trovano lande pressoché disabitate. Ad est delle Montagne di Nebbia si trovano terre senza nome: esse sono solcate dall'Arinelle ad ovest e da suoi affluenti (Ivo, Haevin) al centro, mentre a nord-est si trovano le Montagne Nere e a sud-est le Praterie di Caralain (sede un tempo di un regno ora estinto) e le propaggini settentrionali del Braem Wood. A est delle Montagne Nere si trovano territori boscosi, solcati dall'Erinin e dai suoi affluenti occidentali che scendono dalle Montagne (il principale è il Luan); la parte orientale di queste terre prende il nome di Hardan: un tempo era un regno, e la sua capitale era Harad Dakar, ma oggi vi si trovano solo fattorie sparse. Su un'isola dell'Erinin, presso un monte isolato (Montedrago) sorge l'unica città abitata della zona, Tar Valon, importantissima in quanto sede della Torre Bianca e delle Aes Sedai.

Ancora più a nord si trovano quattro regni che combattono l'avanzata della Grande Macchia proveniente da nord dal Tenebroso, le Marche di Confine. La Saldea è il più occidentale e il più vasto dei quattro: è delimitato a sud dall'Ivo e dalle terre oltre l'Arad Doman, ad est dalla Piana delle Lance e ad ovest si affaccia sull'Oceano Aryth nella zona chiamata Fine del Mondo; la sua capitale è Maradon. Gli altri tre regni, tra la Piana delle Lance, le Montagne di Dhoom e i boschi a nord di Tar Valon, sono da ovest a est Kandor, Arafel e Shienar; queste terre sono solcate da piccoli affluenti dell'Erinin (il principale, al confine tra Arafel e Shienar, è il Mara, che nasce presso il Passo di Tarwin). Le loro capitali sono Chachin, Shol Arbela e Fal Moran; non sono presenti altri centri che non siano villaggi, eccezion fatta per Fal Dara nello Shienar.

Stati e territori principali[modifica | modifica wikitesto]

Andor[modifica | modifica wikitesto]

Il regno di Andor è uno dei maggiori stati del continente, si trova praticamente al centro delle Terre Bagnate, sviluppandosi in lunghezza dalle Montagne Nebbiose alla valle del fiume Erinin. La capitale è la grande città di Caemlyn (con circa trecentomila abitanti è tra le maggiori del continente ed è stata costruita ed abbellita dagli artigiani Ogier), altre città notevoli sono White Bridge (Pontebianco, con l’omonimo ponte costruito con l’Unico Potere, durante l’Epoca Leggendaria, che scavalca il fiume Arinelle), Baerlon (città mineraria sulle Montagne Nebbiose) ed Aringill (grande porto fluviale sull’Erinin, che formalmente è una città stato indipendente, ma in realtà è un protettorato di Andor, che vi mantiene una guarnigione). Andor è un regno ereditario solo in linea femminile, formatosi dal disfacimento del Grande Impero di Artur Hawkwing. L’ultima regina di Andor è stata Morgase Trakand. Stendardo del regno di Andor: un leone bianco rampante in campo rosso, detto il Leone Bianco di Andor.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Andor.
I Fiumi Gemelli[modifica | modifica wikitesto]

Costituiscono una piccola regione formalmente appartenente all’Andor, ma dove l’autorità delle regine raramente si fa sentire. È soprattutto una regione agricola che produce tabacco e lana. È importante perché da essa proviene la maggior parte dei protagonisti della Saga: Rand al'Thor, Matrim Cauthon, Perrin Aybara, Egwene al'Vere e Nynaeve al'Meara.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fiumi Gemelli.

Praterie di Caralain[modifica | modifica wikitesto]

Queste grandi praterie si trovano quasi al centro del continente, a nord dell’Andor, erano la sede dello scomparso regno di Caralain, ma ormai sono diventate completamente deserte, salvo qualche insediamento sparso ed i Tuatha'an che le percorrono con i loro carri colorati

Shadar Logoth[modifica | modifica wikitesto]

In un punto non bene precisato tra le Praterie di Caralain ed il regno di Andor, lungo le rive dall'Arinelle, si trovano le rovine della città perduta di Shadar Logoh, l'antica Aridhol. Aridhol era la capitale del regno omonimo, che per sfuggire all'avanzata dell'Ombra al tempo delle Guerre Trolloc, divenne preda di un diverso tipo di male. Shadar Logoth, il nome odierno, significa "là dove l'ombra attende" infatti nella città in rovina, durante la notte, si muove Mashadar, un essere predatorio, senza intelletto, nebuloso come nebbia, il cui tocco mortale assorbe l'anima delle sue vittime.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Shadar Logoth.

Tar Valon[modifica | modifica wikitesto]

La grande, ricca e potente città-stato di Tar Valon è la sede delle Aes Sedai; è stata costruita da artigiani Ogier su di un'isola del fiume Erinin alle pendici di Montedrago, nella zona centro settentrionale del continente. La città è il fulcro dell'organizzazione delle Aes Sedai infatti al centro dell'isola si trova la cosiddetta Torre Bianca, che oltre ad essere propriamente una torre altissima, di colore candido, indica anche un insieme di palazzi e di edifici, dove risiedono le Aes Sedai e soprattutto dove hanno sede l'Amyrlin Seat (la massima autorità tra le Aes Sedai) ed il Consiglio della Torre Bianca. Stendardo della Torre Bianca: al centro la bianca fiamma di Tar Valon, circondata dai colori delle sette Ajah, posti in strisce concentriche a spirale.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tar Valon.

Hardan[modifica | modifica wikitesto]

Questa regione pianeggiante si trova tra la Dorsale del Mondo, Cairhien, Tar Valon e le Marche di Confine. Risulta ormai praticamente disabitata, salvo sparse fattorie, era l’antica sede del regno omonimo, la cui capitale, ormai in rovina, è stata spogliata di tutti i materiali da costruzione.

Cairhien[modifica | modifica wikitesto]

Il regno di Cairhien si colloca nella zona orientale del continente, proprio alle pendici centrali della Dorsale del Mondo. La capitale è l’omonima grande città (il cui nome originario era Al'cair'rahienallen, che significa “collina dell’alba dorata”), essa sorge sulle rive del fiume Alguenya, navigabile fino ai moli cittadini ed è inoltre famosa per le sue altissime torri. I Cairhienesi, pallidi e di bassa statura, sono celebri per il loro amore nei confronti della geometria, che si riflette nella disposizione simmetrica ed ortogonale della città e nei loro abiti squadrati. I nobili Cairhienesi portano sugli abiti strisce colorate orizzontali, nei colori della propria casata, maggiore è il loro numero, più è alto il grado di nobiltà; le nobildonne hanno l'abitudine di portare i propri capelli raccolti in alto, sopra il capo, con complicate capigliature coniche o piramidali, al contrario i nobiluomini impegnati nella carriera militare si radono la fronte e se la incipriano. Le nobildonne inoltre portano sulla fronte una gemma appesa ad una catenella: questo gioiello tipico è detto Kesiera.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cairhien.

Foresta di Haddon Mirk[modifica | modifica wikitesto]

È una zona boscosa che si trova a nord di Tear, un tempo era la sede del regno ormai scomparso di Mar Haddon. Nella foresta si sono rifugiati, con i loro eserciti, alcuni nobili tarenesi, che non hanno accettato il governo del Drago Rinato a Tear, tra di questi il più importante è l'Alto Signore Darlin Sisnera (destinato a diventare il primo re di Tear da molti anni a questa parte)

Tear[modifica | modifica wikitesto]

La grande e potente città-stato di Tear, che con circa trecentomila abitanti è tra le maggiori del continente, è posta nel sud-est e domina una vasto territorio presso il delta del fiume Erinin (le cosiddette Dita del Drago); è un ex regno, infatti ormai da molto tempo gli Alti Signori di Tear, cioè i maggiori nobili del paese, hanno preso in mano le redini del governo senza più nominare alcun sovrano. Tear è ricca ma la sua nobiltà sfrutta in maniera indecente la popolazione, tenuta in condizioni miserevoli; le maggiori ricchezze derivano dalla esportazione dei celebri arazzi e tappeti tarenesi e dalla produzione dell’olio d’oliva. La città è dominata dalla celebre Pietra di Tear, una enorme ed imponente fortezza, sede degli Alti Signori, che venne costruita con l’Unico Potere alla fine dell’Epoca Leggendaria per custodire il sa'angreal Callandor, in seguito al suo interno vennero raccolti e custoditi altri artefatti (Angreal, Ter'angreal) dando forma ad una notevole collezione, detta la Grande Proprietà di Tear. I Difensori della Pietra sono il corpo militare d'élite dello Stato di Tear. Da Tear provengono l’Aes Sedai Siuan Sanche, figlia di umili pescatori e una delle protagoniste della saga, ed il cacciatore di ladri Juilin Sandar. L'autore in una intervista aveva affermato che i Tarenesi parlano un inglese con un accento ispanico. Stendardo di Tear: tre crescenti di luna d'argento, disposti in diagonale su un campo trinciato, mezzo rosso e mezzo oro.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tear.

Mayene[modifica | modifica wikitesto]

Viene considerata la più piccole delle nazioni. Si trova affacciata su di una penisola posta a sud est del continente. La sua ricchezza principale viene dal commercio dell’olio di pesce. Mayene si trova sotto la costante minaccia di venire conquistata dalla vicina e ben più potente Tear. Viene governata dalla dinastia dei Primi di Mayene, imparentati con il Grande Imperatore Artur Hawkwing. L’attuale governante è la Prima Berelain sur Paendrag Tanreal di Casa Paeron, una giovane donna, bellissima e seducente, molto abile politicamente e come governante, la quale non si fa problemi nell'usare la sua bellezza e le sue doti femminili quale migliore difesa per la sua piccola nazione.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mayene.

Far Madding e le colline di Kintara[modifica | modifica wikitesto]

Far Madding è una città-stato posta sulle colline, che un tempo furono la sede del Regno di Kintara, ormai scomparso. La città ha alcune caratteristiche di rilievo: anzitutto sorge su di un'isola al centro di un lago, inoltre è governata dalle donne (mentre i maschi vengono tenuti in una posizione di sottomissione), infine soprattutto ha una particolarità unica: è completamente schermata dall’Unico Potere (più o meno come uno degli Stedding Ogier), grazie ad un imponente ter'angreal, che viene chiamato il Guardiano.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Far Madding.

Piane di Maredo[modifica | modifica wikitesto]

Queste zone pianeggianti e perlopiù disabitate, si trovano tra Illian e Tear, che spesso si sono disputate il controllo di questo territorio. Erano l’antica sede del regno di Maredo, ormai scomparso.

Illian[modifica | modifica wikitesto]

La grande e potente città stato di Illian si trova nel sud, alla foce del lungo fiume Manetherendrelle, che nei pressi della città si apre in una grande baia portuale. Illian non ha mura ma è difesa dalla sua potente flotta e da una grande serie di canali, che si intersecano anche all’interno della città stessa. Il governo viene spartito equamente tra un Re (che indossa la cosiddetta Corona di Alloro), un Consiglio dei Nove cittadini più influenti e dall’Assemblea. Celebre è il gruppo militare dei Compagni di Illian, che costituiscono la guardia scelta del re e l'élite militare del regno. Da Illian proviene il capitano e contrabbandiere Bayle Domon. L'autore in una intervista aveva affermato che gli abitanti di Illian parlano un inglese con un accento olandese. Stendardo di Illian: nove api dorate disposte a losanga secondo lo schema 1-2-3-2-1, in campo verde scuro.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Illian.
Il Corno di Valere[modifica | modifica wikitesto]

Il Corno di Valere è un mitico artefatto che ha il potere di richiamare a combattere in forma fantasmatica gli eroi legati alla Ruota del Tempo, vale a dire quei personaggi che ciclicamente vengono reincarnati di epoca, in epoca, per compiere grandi imprese a favore della Luce e che quando non sono in forma umana, riposano trascorrendo il tempo in Tel’aran’rhiod. Il corno sembra un banale corno da caccia o da guerra, sul quale sono incise le parole tia mi aven moridin isainde vadim ("la tomba non è ostacolo al mio richiamo"). Periodicamente ad Illian, nella grande piazza di Tammuz, viene proclamata la Grande Caccia al Corno, in cui numerose persone (i Cercatori del Corno) giurano di andare alla ricerca del mitico oggetto.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Corno di Valere.

Altara[modifica | modifica wikitesto]

È il maggiore regno tra quelli posti nel sud del continente, ma pur essendo molto esteso, risultava anche molto fragile, infatti l’autorità della regina, Tylin della casa Mitsobar, si estendeva solo a poche miglia attorno alla capitale, la grande città di Ebou Dar. Il resto del regno era invece dominato da signori locali praticamente indipendenti. La debolezza del regno negli ultimi secoli, aveva attirato le mire espansionistiche dei Manti Bianchi, che dalla vicina Amadicia avevano più volte tentato di conquistare porzioni di Altara. Stendardo di Altara: due leopardi d'oro passanti, su un campo scaccato rosso e blu.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Altara.
Salidar[modifica | modifica wikitesto]

In Altara, nel piccolo villaggio abbandonato di Salidar (venne abbandonato nel corso della Guerra dei Manti Bianchi), sulla riva destra dell'Eldar, avevano trovato rifugio le Aes Sedai ribelli, che si sono opposte all'elezione di Elaida ad Amyrlin Seat. Laggiù hanno dato vita ad una Torre Bianca in esilio, ad un Consiglio della Torre Bianca sostitutivo ed hanno eletto come propria Amyrlin la giovane Egwene al'Vere.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Salidar.

Murandy[modifica | modifica wikitesto]

Questo piccolo regno di trova al sud dell’Andor e confina anche con l’Altara ed Illian. La sua capitale è Lugard, una città quasi in rovina, ma che rimane comunque abbastanza prospera perché posta al centro di importanti vie commerciali. Il re del Murandy, Roedran, ha pochissima autorità sul paese, dominato da una fiera nobiltà. Dal Murandy proviene l’Aes Sedai Elaida che è discendente di una casata nobile minore.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Murandy.

Amadicia[modifica | modifica wikitesto]

L’Amadicia è un regno posto nel sud, il cui re governa solo nominalmente, infatti questo paese è dominato totalmente dai Figli della Luce (conosciuti anche come Manti Bianchi), la cui sede si trova nella Fortezza della Luce, posta proprio nella capitale del regno, Amador. I Manti Bianchi sono un ordine militare-religiosa, piuttosto fanatico nel proclamarsi al servizio della Luce; essi hanno imposto alla popolazione del paese regole puritane, di conseguenza la popolazione si veste e si comporta in maniera particolarmente morigerata. Nel corso della saga l'Amadicia è stata conquistata ed annessa all'Impero Seanchan.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Amadicia.

Ghealdan[modifica | modifica wikitesto]

Questo piccolo regno posto nel sud, tra l'Amadicia, le Montagne Nebbiose ed il Muro di Garen era un tempo abbastanza solido, ma prima l’ascesa del Falso Drago Logain Ablar e poi le scorrerie dei Fautori del Drago, fanatici guidati dal profeta Masema, lo hanno completamente devastato ed indebolito. La capitale è Jehannah e l’attuale regina è Alliandre, che per proteggere il suo paese si è dichiarata vassalla di Perrin Aybara e tramite lui del Drago Rinato.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ghealdan.

Tarabon[modifica | modifica wikitesto]

Era un regno piuttosto prospero e potente, situato nell’ovest del continente ed affacciato sull’oceano Arith, in seguito è caduto in preda ai disordini causati dai Fautori del Drago e poi dalla guerra civile. La sua capitale è la grande città di Tanchico. Solitamente viene governato da un Re e da un Panarca che si dividono i poteri esecutivi. Per costume sia maschi che femmine portano un velo davanti al viso ed inoltre le donne acconciano i capelli con numerosissime treccine, ornate di perline. L'ultima Panarca di Tarabon è stata Amathera. Venne presa prigioniera dall'Ajah Nera ed in seguito liberata da Elayne e Nynaeve. Quando i Seanchan hanno conquistato il suo paese, lei non si è sottomessa e di conseguenza è stata ridotta a da'covale (schiava) al seguito della Somma Signora Suroth. Juilin Sandar l'ha liberata ad Ebou Dar e l'ha fatta diventare la sua compagna. Le Aes Sedai Liandrin e Sarene, rispettivamente dell'Ajah Nera e Bianca, provengono da Tarabon. Stendardo di Tarabon: un albero d'oro eradicato su un campo barrato in verticale con quattro barre rosse e tre bianche.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tarabon.

Piana di Almoth[modifica | modifica wikitesto]

È una vasta pianura posta tra Tarabon e l’Arad Doman, che da secoli si disputano il suo controllo. È l’antica sede del regno di Almoth, ormai scomparso. Già devastata dalla guerra tra i paesi vicini, la Piana ora è in preda all’anarchia ed ai disordini causati dai Fautori del Drago

Falme e Capo Toman[modifica | modifica wikitesto]

Capo Toman è un promontorio montuoso che si protende nell’Oceano Arith, ad ovest della piana di Almoth. Su di esso si trovano numerose piccole città-stato marinare, la più importante delle quali è Falme. A capo Toman è avvenuto il primo sbarco del Ritorno Seanchan e sul cielo di Falme si è rivelato per la prima volta il Drago Rinato mentre Matrim Cauthon ha suonato il Corno di Valere. In seguito sempre nella cittadina di Falme, si è tenuto un infruttuoso incontro tra la Figlia delle Nove Lune ed il Drago Rinato.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Falme.

Arad Doman[modifica | modifica wikitesto]

Questo regno si trova a nord ovest, affacciato sull’Oceano Arith. La capitale è la grande città portuale di Bandar Eban. Un’altra notevole città è quella di Katar, un centro metallifero posto alle pendici delle Montagne Nebbiose (formalmente Katar è una città stato indipendente, ma in realtà è un protettorato domanese, con una guarnigione a presidiarla). L'Arad Doman è famoso per le sue donne, abilissime mercanti e soprattutto abilissime seduttrici che portano vesti molto rivelatrici. A causa della presenza della Reietta Graendal in Arad Doman, il paese è caduto preda del caos e della guerra civile.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arad Doman.

Le Terre di Confine (o Marche di Confine)[modifica | modifica wikitesto]

Sono paesi dal clima rigido, posti a settentrione, lungo i confini della Grande Macchia e le montagne di Dhoom. Erano cinque regni, ma ormai uno di essi è stato inglobato nella Grande Macchia. Sono tutte nazioni molto marziali data la minaccia continua rappresentata dalla Grande Macchia.

Saldea[modifica | modifica wikitesto]

È la più estesa e la più occidentale delle Marche di Confine, si affaccia all’Oceano Arith, ma con alte e poco portuose scogliere, chiamate la Fine del Mondo. La capitale del regno è la città di Maradon. Un prodotto tipico è il cosiddetto pepe o peperone dei ghiacci, molto piccante. I Saldeani non sono molto alti, hanno occhi a mandorla scuri, capelli neri, gli zigomi pronunciati ed il naso adunco, rassomigliando in queste caratteristiche ai popoli andini. Sono anche famosi come agilissimi cavallerizzi, tanto abili quanto agguerriti. Attuale governante è la regina Tenobia e suo zio è il celebre grande generale Davram Bashere. La figlia di quest'ultimo, Zarine Bashere, detta Faile, è diventata la moglie di uno dei protagonisti della saga: Perrin Aybara.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Saldea.

Kandor[modifica | modifica wikitesto]

Questo regno si trova tra la Saldea e l’Arafel, la capitale Chachin è una imponente fortezza, con più cerchie di mura e si trova verso i confini settentrionali. Gli uomini Kandori portano orecchini gemmati e barbe con la doppia punta, inoltre i Kandori sono famosi mercanti (gli appartenenti alla Gilda dei Mercanti di Kandor si distinguono per una serie di catene d'argento che portano sul petto). Stendardo di Kandor: un cavallo rosso rampante in campo verde.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kandor (La Ruota del Tempo).

Arafel[modifica | modifica wikitesto]

Questo regno si trova tra il Kandor e lo Shienar, la capitale è Shol Arbela. Sia i maschi che le femmine dell’Arafel hanno il costume di portare i capelli raccolti in due lunghe trecce, solitamente ornate con sonori campanellini più o meno d'argento, i quali spesso vengono aggiunti anche sui capi di abbigliamento e sulle bardature dei cavalli. Gli armati inoltre portano due lunghe spade incrociate sulle spalle. L'attuale governate è Re Paitar Nachiman e sua sorella Kiruna è una Aes Sedai dell'Ajah Verde.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arafel.

Shienar[modifica | modifica wikitesto]

Lo Shienar è il più orientale dei regni delle Marche di Confine, attraverso il passo Tarwin è in comunicazione con il territorio del Malkier, mentre attraverso i passi Niamh, sulla Dorsale del Mondo il regno è in comunicazione con la Desolazione Aiel. I soldati Shienaresi si rasano completamente la testa, tranne un piccolo e lungo codino che dalla cima del capo, scende fluente sulla schiena. La capitale è la città di Fal Moran, mentre una fortezza notevole è quella di Fal Dara, comandata da Lord Agelmar Jagad, uno dei Cinque Grandi Capitani delle Terre Occidentali.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Shienar.

Malkier[modifica | modifica wikitesto]

Lo scomparso regno di Malkier era particolarmente montuoso e si trovava a nord dello Shienar; cominciò a venire inghiottito dalla Grande Macchia verso l’anno 953 della Nuova Era, lo stesso anno in cui nacque al’Lan Mandragoran figlio di re al'Akir Mandragoran e della regina el'Leanna. Le Sette Torri erano la fortezza chiave del regno e probabilmente la sede dei re, ma caddero in seguito ad un tradimento. Gli uomini del Malkier portavano per costume capelli lunghi, tenuti raccolti indossando attorno al capo una fascetta di cuoio intrecciato, chiamato hadori. Le donne portavano capelli molto lunghi e fluenti sulle spalle, inoltre come segno distintivo, si dipingevano una piccola macchia in mezzo alla fronte, detta ki'sain, di colore blu le fanciulle, rosso le donne sposate e bianco le vedove.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Malkier.

La Grande Macchia e Shayol Ghul[modifica | modifica wikitesto]

È una zona completamente malsana che occupa tutta la parte settentrionale del continente, dove la vegetazione cresce in maniera malata, in un clima innaturalmente sempre tiepido ed umido. Nella Grande Macchia, posta sotto il dominio dei Myrddraal e dei Trolloc, prospera ogni tipo di Progenie dell'Ombra. Inoltre nella Grande Macchia si trova la grande montagna di Shayol Ghul, il luogo in cui sono stati sigillati il Tenebroso ed i Tredici Reietti. Dentro la montagna si trova il Pozzo del Destino, che è il foro sigillato tra le dimensioni, da cui il Tenebroso dovrà liberarsi e da cui però fa già percepire il suo tocco malefico sul mondo. Nei pressi di Shayol Ghul si trova inoltre la valle di Thakan’dar dove vengono forgiate le spade dei Fade e le armi dei Trolloc. Non lontano da Thakan’dar e da Shayol Ghul si trova "La città", un centro urbano completamente costruito da schiavi, abitato da Amici delle Tenebre e nella quale tiranneggiano gli Samma N'Sei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questo nome non è stato dato dall'autore, che ha lasciato innominato questo luogo, ma dai fan del ciclo de La Ruota del Tempo.
  2. ^ Il nome in inglese significa "Terra di Rand", in onore del protagonista, Rand al'Thor.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]