Pietra di luna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Adularia.

Pietra di luna
Pietra di luna.jpg
Classificazione Strunz  
Formula chimica K(AlSi3O8[1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino monoclino[1]
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale  
Gruppo spaziale  
Proprietà fisiche
Densità 2,5-2,7[1] g/cm³
Durezza (Mohs) 6-6.5[1]
Sfaldatura Perfetta[1]
Frattura Da irregolare a concoide[1]
Colore Incolore[1], tuttavia può assumere tutti i colori dell'adularia di cui è sottospecie
Lucentezza Vitrea[1]
Opacità Da trasparente a translucido[1]
Striscio Bianco[1]
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La pietra di luna è una varietà di adularia[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Anticamente, si reputava che la pietra di luna concedesse la previsione del futuro, donasse intuizione, aumentasse le capacità di memoria ed influenzasse alcune attività umane legate ai cicli lunari, tra cui l'agricoltura.[1]

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

Pseudoromboedrico.[1]

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

Idrotermale.[1]

Forme in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

I cristalli di pietra di luna possono avere delle geminazioni complesse.[1]

Caratteristiche chimico-fisiche[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica principale della pietra di luna è quella che caratterizza anche l'adularia stessa: l'adularescenza. Tale fenomeno è dovuto dalla disposizione in file parallele delle inclusioni costituite da feldspati, il fatto che i feldspati non siano mescolati tra loro dipende dalla temperatura di formazione della pietra di luna, se è bassa, ognuno dei feldspati cristallizzera per suo conto, l'uno dentro l'altro.[1]

Cristalloterapia[modifica | modifica sorgente]

Alla pietra di luna sono associati il secondo ed il settimo chakra.[2]

La pietra di luna è associata alla Grande Madre.[2]

La pietra di luna avrebbe degli ipotetici effetti curativi sulla psiche e sul corpo umano, tra i quali: alleviare i dolori mestruali, potenziare l'intuizione e debellare l'insonnia.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Autori Vari, Scheda Pietra di luna in "Il magico mondo di minerali & gemme Guida pratica per scoprirli e collezionarli, De Agostini (1993-1996), Novara
  2. ^ a b c Scheda del minerale su cure-naturali.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia