Rahvin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella saga fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, Rahvin è uno dei Reietti (che si definiscono tra di loro come i Prescelti), è cioè uno dei campioni dell’Ombra, nemici del Drago Rinato e degli altri campioni della Luce. Il suo nome è stato ispirato dal demone Ravana presente nella mitologia Indù. È un uomo alto, scuro di carnagione e di bell’aspetto, con i capelli leggermente brizzolati sopra le orecchie.

Nell'Epoca Leggendaria[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Epoca Leggendaria Ared Mosinel, questo il vero nome di Rahvin, era considerato tra gli Aes Sedai più forti nell'Unico Potere, inoltre era un uomo estremamente orgoglioso, amante del potere ed invidioso di chiunque mantenesse una posizione superiore alla sua; fu proprio questo che alla fine lo fece passare all’Ombra. Una sua risaputa debolezza era inoltre la passione per le belle donne, che quando divenne Reietto soddisfece senza scrupoli.

Secondo quanto riportato dalle cronache, Rahvin preferiva la diplomazia agli attacchi diretti e molto spesso utilizzò sottilmente la Coercizione e la manipolazione degli altri, per raggiungere i propri obbiettivi. Attraverso questi maneggi fu abile nell’assicurarsi il controllo di molte regioni, senza bisogno di invaderle direttamente. Fu inoltre un abile Governatore delle province sottomesse, pur mancando di una certa cura nei dettagli.

Nei libri de La Ruota del Tempo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi svegliato dal suo sonno millenario, Rahvin scelse il regno di Andor quale suo campo d’azione. Presentandosi con il nome di Lord Gaebril, fu abile nel manipolare la situazione nel regno, sedando una ribellione probabilmente aizzata da lui stesso. Questo gli permise di diventare consigliere della regina Morgase Trakand, che in seguito manipolò con la Coercizione, riducendola così al rango di una sua amante e di un suo burattino. In breve tempo Rahvin divenne il vero sovrano, riempiendo la corte ed il regno di suoi fedeli servitori, a discapito di quelli fedeli alla regina. Quando finalmente la regina Morgase riuscì a liberarsi dal suo controllo, non le restò che fuggire in segretezza, poiché ormai le redini del potere le erano sfuggite. Di conseguenza si diffuse la notizia che la regina fosse morta.

Nel frattempo, dalla sua posizione di potere in Andor, Rahvin, aveva stretto una sorta di patto con altri Reietti (Sammael, Lanfear e Graendal), per indurre Rand al'Thor ad attaccare Sammael ad Illian, così che poi loro potessero catturarlo. Quando però la notizia della morte di Morgase raggiunse Rand, egli, per amore di Elayne, la figlia di Morgase, cambiò improvvisamente i suoi piani, andando ad attaccare di sorpresa proprio Rahvin. Il Reietto non fu però colto del tutto impreparato, tanto che riuscì a trascinare il Drago Rinato nel Tel'aran'rhiod ed a metterlo in serie difficoltà. Fortunatamente per Rand, l’arrivo in suo aiuto di Nynaeve al'Meara, gli permise di eliminare definitivamente anche Rahvin con un colpo di Fuoco malefico.

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]