Amici delle Tenebre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella serie di dodici romanzi fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, gli Amici delle Tenebre sono persone apparentemente normali, che però segretamente sostengono il Tenebroso, che essi chiamano il Gran Signore dell’Oscurità.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Nella lingua antica il nome degli Amici delle Tenebre era Atha'an Shadar, che tradotto letteralmente significa gente dell'oscurità. Essi si trovano in ogni nazione ed in tutti gli strati sociali, dai mendicanti ai nobili di rango più alto. Essi sono convinti che un giorno l’Ombra trionferà e quel giorno otterranno grandi benefici. Vengono attentamente selezionati tra coloro che non si fanno alcun scrupolo morale nel far del male agli altri, pur di ottenere i propri obbiettivi.

La loro lealtà nei confronti dell'Oscuro Signore è molto labile, infatti essi si sono votati a lui unicamente per trarne vantaggi personali, alcuni desiderano solo ricchezza e potere, o l'immortalità che è stata loro promessa, ma alcuni dei Reietti hanno sognato perfino di sostituire il Tenebroso stesso.

I loro ranghi non seguono gli stessi stabiliti nella società in cui vivono, tanto che i nobili a volte sono costretti ad obbedire a popolani di infimo grado. Sono tutti tenuti in riga sotto la minaccia di atroci punizioni, tanto che tra di loro, la tortura, le mutilazioni e l'assassinio, sono considerate pratiche più che abituali.

Gli Amici delle Tenebre seguono solo indirettamente le direttive del Tenebroso, poiché la quasi totalità tra di loro non comunica direttamente con lui e ben pochi hanno pronunciato il loro giuramento presso il Pozzo del Destino, a Shayol Ghul.

Essi non si riferiscono mai al Tenebroso con il suo vero nome, Shai'tan, perché lo considererebbero blasfemo.

I Prescelti[modifica | modifica sorgente]

Gli Amici delle Tenebre che si trovano più in alto nella gerarchia sono ovviamente i Prescelti, vale a dire i Reietti, incanalatori dell'Epoca Leggendaria e di enorme potere, che dopo circa tremila anni si sono risvegliati dal loro sonno e sono usciti dalla prigione di Shayol Ghul dove erano stati relegati.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Reietti.

Incanalatori[modifica | modifica sorgente]

I Signori del Terrore[modifica | modifica sorgente]

Durante le Guerre Trolloc gli incanalatori, maschi e femmine, che si votarono all'Ombra, assunsero il nome di Signori del Terrore. Essi agirono in qualità di comandanti nel corso della guerra, guidando le truppe Trolloc, al di sopra persino dei Myrddraal nella catena di comando. Però, persino quando la loro vittoria sembrò prossima, i maggiori tra di loro non osarono assumere il titolo di Prescelti, nel timore che al loro risveglio, i veri Prescelti avrebbero punito chi aveva osato usurpare il loro titolo.

A partire dal Libro XIII diversi incanalatori vengono adoperati in operazioni militari dell'Ombra, diventando quindi i nuovi Signori del Terrore. Nel corso del Libro XIV molti Signori del Terrore (soprattutto Sorelle dell'Ajah Nera e Asha'man della fazione di Taim) partecipano direttamente alle varie fasi dell'Ultima Battaglia; inoltre moltissimi incanalatori vengono convertiti a forza all'Ombra, attraverso cerchi misti con i Fade, aumentando di conseguenza il numero dei Signori del Terrore.

L'Ajah Nera[modifica | modifica sorgente]

All'interno della Torre Bianca le Aes Sedai che si sono votate all'Ombra hanno formato segretamente una loro organizzazione: l'Ajah Nera.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ajah Nera.

Samma N'Sei[modifica | modifica sorgente]

Gli Samma N'Sei (che significa "accecatori dell'occhio") sono alcuni di quegli incanalatori maschi Aiel, che dopo aver scoperto di poter usare il saidin contaminato, si sono recati nella Macchia per suicidarsi eroicamente. In realtà molti di loro sono stati catturati e poi convertiti forzatamente all'Ombra, tramite cerchi misti di 13 incanalatori e 13 Fade. Questi incanalatori sembrano aver distorto molte delle tipiche usanze che avevano quando erano Aiel. Ad esempio sono sempre velati di rosso e quando uccidono mostrano il loro volto, con occhi crudeli ed un sorriso spietato con i denti limati. Fanno la loro prima comparsa nell'epilogo del Libro XIII, mentre nel prologo del Libro XIV Isam spiega la loro origine. Nel corso dell'Ultima Battaglia vengono usati soprattutto nei combattimenti attorno a Shayol Ghul, contro gli incanalatori guidati da Aviendha.

Gli Uomini Grigi[modifica | modifica sorgente]

Anche conosciuti come i Senz'anima, gli Uomini Grigi sono un piccolissimo gruppo di Amici delle Tenebre (di entrambi i sessi), che hanno donato non solo la loro vita, ma persino l'anima al Tenebroso. Dopo questo processo acquisiscono la caratteristica di diventare praticamente "non-notabili", nel senso che assumono la forma di persone così comuni e banali, che lo sguardo di chi li vede, non si sofferma mai ad osservarli bene, persino se reggono in mano un'arma. Questo tipo di "invisibilità" li rende perfetti per essere impiegati come assassini particolarmente efficaci, tanto che spesso compiono le loro missioni in mezzo alla gente, senza che quasi nessuno se ne accorga (a parte la vittima, ovviamente, ma quando è ormai troppo tardi). Un Fratello dei Lupi come Perrin riesce però a fiutare il loro odore particolare.

Alcuni Amici delle Tenebre[modifica | modifica sorgente]

  • Aravine Carnel è una nobildonna dell'Amadicia che Faile conosce durante la sua prigionia come gai'shain degli Shaido e che si rivela essere molto pratica ed efficiente nell'aiutarla e che le giura fedeltà; Faile perciò, dopo la loro liberazione, la assume e la nomina come supervisore del suo campo; in seguito però Aravine tradisce Faile cercando di sottrarle il Corno di Valere che dovrebbe essere consegnato a Mat
  • Barthanes Damodred è un nobile d'altissimo rango (parente di Moiraine), aspirante al trono di Cairhien; possedeva un palazzo vastissimo, dove ospita Padan Fain e dove si trova una Porta della Vie; viene visitato da Rand e dai suoi amici alla ricerca di Fain ed in seguito viene assassinato, o per le macchinazioni di Thom Merrilin o per aver fallito come Amico della Tenebre
  • Charl Gedwyn è un Asha'man che partecipa al fallito attentato contro il Drago Rinato e viene ucciso a Far Madding da Padan Fain
  • Daved Hanlon inizialmente è un soldato alla dipendenze di Rahvin/Lord Gaebril che combatte contro Mat; in seguito riesce a farsi assumere come Capitano delle Guardie della Regina con il nome di Doilin Mellar
  • Fearil è il Custode di Elza Sedai dell'Ajah Nera
  • Hadnan Kadere è un mercante che si reca con il suo corteo di carri, nella Desolazione Aiel su ordine di Lanfear ed Asmodean che si travestono sotto tessiture di illusione e si aggregano a lui; Isendre un'altra Amica delle Tenebre, è stata la sua amante, una ragazza bellissima che lui ha usato per cercare di sedurre Rand al'Thor ma che poi elimina spietatamente; in seguito sui moli di Cairhien, Lanfear squarta Kadere atrocemente con l'Unico Potere, presa dalla rabbia e dalla gelosia, alla notizia che Rand ha fatto all'amore con Aviendha
  • Ingtar Shinowa è un lord e capitano dello Shienar, protagonista nel secondo libro della saga; accompagna i protagonisti fino a Falme, nella caccia al Corno di Valere; alla fine si pente delle sue male azioni e muore eroicamente
  • Jaichim Carridin è un ufficiale dei Figli della Luce, dopo avere fallito più volte nelle missioni assegnategli dai suoi superiori ed aver già visto tutta la sua famiglia sterminata come punizione, viene infine atrocemente ucciso da Mili Skane su ordine di Moridin
  • Mazrim Taim è il comandante degli Asha'man
  • Melindhra è una Fanciulla della Lancia Aiel, amante di Matrim Cauthon, che poi tenta di uccidere, ma viene uccisa a sua volta
  • Mili Skane è un'abile assassina arrivista, la si incontra la prima volta nel corso de L'occhio del mondo, quando cerca di assassinare Mat e Rand sulla strada per Caemlyn; Mat la intravede di nuovo ad Ebou Dar, e la vede entrare nel palazzo di Jaichim Carridin; in seguito la donna assume l'identità di Lady Shiaine Avarhin a Caemlyn, dove per ordine di Moridin, si mette al comando degli Amici delle Tenebre locali e delle due Sorelle nere Falion (ridotta per punizione a farle anche da serva) e Marrilin; nel libro XI viene catturata da Elayne
  • Padan Fain è un ex venditore ambulante
  • Ryne Venamar è un abilissimo spadaccino di origine Malkieri, che tenta di uccidere Lan Mandragoran in "Nuova Primavera", ma viene eliminato a sua volta
  • Alta Signora Suroth Sabelle Meldarath è una nobile di altissimo rango tra i Seanchan
  • Il Vecchio Cully è un mendicante di Ebou Dar, dove comanda i locali Amici delle Tenebre
  • Peral Torval è un Asha'man che partecipa al fallito attentato contro il Drago Rinato e viene ucciso a Far Madding da Padan Fain
  • Powl è uno dei quattro Custodi di Asne Zeramene dell'Ajah Nera, ma l'unico di essi Amico delle Tenebre come lei

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Jordan, R. L'occhio del mondo. ISBN 0-312-85009-3
Jordan, R. La grande caccia. ISBN 0-312-85140-5
Jordan, R. Il Drago Rinato. ISBN 0-312-85248-7
Jordan, R. L'ascesa dell'Ombra. ISBN 0-312-85431-5
Jordan, R. I fuochi del cielo. ISBN 0-312-85427-7
Jordan, R. Il signore del caos. ISBN 0-312-85428-5
Jordan, R. La corona di spade. ISBN 0-312-85767-5
Jordan, R. Il sentiero dei pugnali. ISBN 0-312-85769-1
Jordan, R. Il cuore dell'inverno. ISBN 0-312-86425-6
Jordan, R. Crocevia del crepuscolo. ISBN 0-312-86459-0
Jordan, R. Nuova Primavera. ISBN 0-7653-0629-8
Jordan, R. La lama dei sogni. ISBN 0-312-87307-7
Jordan, R. Sanderson, B. Presagi di tempesta. ISBN 978-1-84149-165-3
Jordan, R. Sanderson, B. Le Torri di Mezzanotte. ISBN 978-88-347-1834-6