Wheel of Time

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – questa voce riguarda il videogioco, se stai cercando il romanzo, vedi La ruota del tempo
Wheel of Time
Sviluppo Legend Entertainment
Pubblicazione GT Interactive
Data di pubblicazione 1999
Genere Sparatutto in prima persona
Modalità di gioco Giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Windows
Motore grafico Unreal engine
Supporto 2 CD-ROM
Requisiti di sistema Pentium 300 Mhz, 64 MB RAM,
scheda grafica 8MB
Periferiche di input Tastiera, mouse

Wheel of Time (abbreviato anche in "WoT") è un videogioco di tipo sparatutto in prima persona fantasy per personal computer ambientato nell'universo de La ruota del tempo. Uscito nel 1999, è stato realizzato utilizzando il motore grafico di Unreal dalla Epic Games.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama è ambientata molti anni prima della saga originale di Robert Jordan. Il giocatore veste i panni di una Aes Sedai di nome Elayna, appartenente alla Ajah Marrone, che è l'aiutante dell'Amyrlin. Elayna tuttavia non è in grado di incanalare e può solo usare la magia in piccola quantità usando degli artefatti chiamati Ter'Angreal. Una notte un uomo misterioso (uno hound) giunge alla Torre Bianca dove risiede Elayna uccidendo molti degli abitanti prima di andarsene avendo solo in parte adempiuto la propria missione.

L'uomo, infatti, è un emissario di Ishamael, il più potente e astuto tra i luogotenenti di Shai Tan, i così detti Forsaken, incaricato dal suo padrone di recuperare uno dei sigilli che tengono serrata la prigione in cui l'Oscuro innominabile è rinchiuso, e che si supponeva nascosto nella roccaforte di Tar Valon, sede della sorellanza delle Aes Sedai.

In effetti l'uomo non trova il sigillo, ma porta via ugualmente del materiale di valore inestimabile per la Torre, tra cui molti Ter'Angreal, ed è per questo che Elayna viene incaricata di gettarsi al suo inseguimento, in un'avventura disperata e pericolosa che porterà la nostra eroina a conoscere il male antico della città di Shadar Logoth, le fosche macchinazioni della Ajah Nera delle sorelle traditrici, la società segreta interna alle Aes Sedai devota a Shai Tan, fino alle pendici della montagna di Shayol Ghul, dove l'Oscuro Signore è rinchiuso.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]