Paul Manning

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Manning
Paul Manning (cyclist).jpg
Paul Manning nel 2008
Dati biografici
Nome Paul Christian Manning
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Altezza 189 cm
Peso 76 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Pista, strada
Ritirato 2008
Carriera
Squadre di club
2005 Recycling.co.uk
2006-2008 Landbouwkrediet Landbouwkrediet
Nazionale
2000- Regno Unito Regno Unito (pista)
Palmarès
Giochi olimpici 1 1 1
Mondiali 3 5 2
Giochi del Commonwealth 2 1 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 27 novembre 2011

Paul Christian Manning, MBE (Sutton Coldfield, 6 novembre 1974), è un ex pistard e ciclista su strada britannico, medaglia d'oro nell'inseguimento a squadre ai Giochi olimpici di Pechino 2008.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato a Sutton Coldfield, ma cresciuto a Lichfield,[1] nel 1996 si laureò in Scienze della Terra presso l'Università di Birmingham[2]. Dopo aver conseguito il diploma cominciò a dedicarsi al ciclismo a tempo pieno[3], ottenendo su pista, soprattutto nella specialità dell'inseguimento, i principali risultati della carriera agonistica. Conquistò infatti tre titoli mondiali nell'inseguimento a squadre (nelle edizioni 2005, 2007 e 2008), oltre ad ulteriori otto medaglie iridate, cinque argenti e due bronzi, e sette vittorie in prove di Coppa del mondo; nel suo palmarès rientrano anche un totale di nove allori nazionali élite, cinque dei quali nell'inseguimento individuale, e quattro medaglie, due delle quali d'oro, ai Giochi del Commonwealth.

Soprattutto, tra il 2000 e il 2008 arrivarono per Manning tre medaglie olimpiche nell'inseguimento a squadre: il bronzo ai Giochi di Sydney 2000, l'argento quattro anni dopo ad Atene e l'oro nel 2008 a Pechino[3]. Proprio ai Giochi della XXIX Olimpiade il quartetto britannico (completato da Ed Clancy, Geraint Thomas e Bradley Wiggins) stabilì per due volte il record del mondo dell'inseguimento a squadre sul percorso di 4 chilometri, prima in semifinale – con il tempo di 3'55"202 – poi in finale con il primato di 3'53"314[4][5].

Attivo anche su strada, già tra i dilettanti Manning vinse alcune corse riservate alla categoria, come una tappa al Postgirot Open in Svezia; fece sua anche la Duo Normand 1996 in coppia con il campione olimpico e mondiale su pista Chris Boardman. Passò professionista solo nel 2005, all'età di trent'anni, e nel 2007, vestendo la divisa del team belga Landbouwkrediet, riuscì ad aggiudicarsi una tappa al Tour of Britain. Si ritirò dalle competizioni subito dopo l'oro olimpico di Pechino; l'anno dopo venne introdotto nella British Cycling Hall of Fame e, per i meriti sportivi, nominato Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico[2].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Pista[modifica | modifica sorgente]

Campionati britannici, Inseguimento individuale
1ª prova Coppa del mondo, Inseguimento individuale (Monterrey)
Campionati britannici, Inseguimento individuale
Campionati britannici, Inseguimento a squadre (con James Notley, Andrew Russell e Phil West)
3ª prova Coppa del mondo, Inseguimento a squadre (Manchester, con Robert Hayles, Chris Newton e Bryan Steel)
4ª prova Coppa del mondo, Inseguimento individuale (Sydney)
4ª prova Coppa del mondo, Inseguimento a squadre (Sydney, con Russell Downing, Robert Hayles e Bryan Steel)
Campionati britannici, Inseguimento individuale
Campionati britannici, Inseguimento a squadre (con Mark Cavendish, Chris Newton e Tom White)
3ª prova Coppa del mondo 2004-2005, Inseguimento a squadre (Mosca, con Steven Cummings, Robert Hayles e Chris Newton)
Campionati del mondo, Inseguimento a squadre (con Steven Cummings, Robert Hayles e Chris Newton)
Campionati britannici, Inseguimento individuale
Campionati britannici, Corsa a punti
2ª prova Coppa del mondo 2005-2006, Inseguimento individuale (Manchester)
Giochi del Commonwealth, Inseguimento a squadre (con Steven Cummings, Robert Hayles e Chris Newton)
Giochi del Commonwealth, Inseguimento individuale
Campionati britannici, Inseguimento a squadre (con Ed Clancy, Steven Cummings e Chris Newton)
2ª prova Coppa del mondo 2006-2007, Inseguimento a squadre (Mosca, con Ed Clancy, Chris Newton e Geraint Thomas)
4ª prova Coppa del mondo 2006-2007, Inseguimento a squadre (Manchester, con Ed Clancy, Robert Hayles e Bradley Wiggins)
Campionati del mondo, Inseguimento a squadre (con Ed Clancy, Geraint Thomas e Bradley Wiggins)
Campionati britannici, Inseguimento individuale
2ª prova Coppa del mondo 2007-2008, Inseguimento a squadre (Pechino, con Ed Clancy, Steven Cummings e Geraint Thomas)
4ª prova Coppa del mondo 2007-2008, Inseguimento a squadre (Copenaghen, con Steven Burke, Ed Clancy e Geraint Thomas)
Campionati del mondo, Inseguimento a squadre (con Ed Clancy, Geraint Thomas e Bradley Wiggins)
Giochi olimpici, Inseguimento a squadre (con Ed Clancy, Geraint Thomas e Bradley Wiggins)

Strada[modifica | modifica sorgente]

  • 1996 (Dilettanti Under-23)
Duo Normand (con Chris Boardman)
  • 1997 (Dilettanti Under-23)
4ª tappa, 2ª semitappa Postgirot Open (Jönköping > Jönköping)
  • 1999 (Dilettanti Elite)
7ª tappa Tour du Loir-et-Cher
  • 2000 (Dilettanti Elite)
4ª tappa Circuit des Mines (Audun-le-Tiche > Château de Malbrouck)
6ª tappa Circuit des Mines (Rombas > Rombas)
4ª tappa Olympia's Tour
  • 2001 (Dilettanti Elite)
Classifica generale FBD Insurance Rás
4ª tappa Sachsen-Tour International (Radeberg > Freital)
  • 2002 (Dilettanti Elite)
6ª tappa FBD Insurance Rás (Dungarvan > Arklow)
8ª tappa Herald Sun Tour (Dunkeld > Horsham)
Campionati britannici, Cronometro a squadre (con Robert Hayles e Chris Newton)
6ª tappa Tour of Britain (Dumfries > Glasgow)

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

4ª tappa Surrey League 5 Days (Danehill > East Sussex)
Tour of the Peak

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi resi allo sport»
— Londra, 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Olympic cycling hero Paul Manning to take lap of honour in www.birminghammail.net, 28 agosto 2008. URL consultato il 27 novembre 2011.
  2. ^ a b (EN) Famous Sporting Alumni - University of Birmingham Sport: Paul Manning, www.sport.bham.ac.uk. URL consultato il 27 novembre 2011.
  3. ^ a b (EN) GB rider profile: Paul Manning, www.cyclingweekly.co.uk. URL consultato il 27 novembre 2011.
  4. ^ (EN) Track Records / Records Piste, www.uci.ch. URL consultato il 27 novembre 2011.
  5. ^ (EN) GB storm to gold in team pursuit in news.bbc.co.uk, 18 agosto 2008. URL consultato il 27 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]