Franco Giorgetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Giorgetti
Dati biografici
Nome Francesco Carlo Rodolfo Giorgetti
Nazionalità bandiera Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Pista, strada
Ritirato 1943
Carriera
Squadre di club
1921-1922 Legnano Legnano
1923-1943 Individuale
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Anversa 1920 Inseg. sq.
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su pista
Argento Parigi 1933 Mezzo fondo
 

Francesco Carlo Rodolfo Giorgetti, noto come Franco Giorgetti (Varese, 13 ottobre 1902Bovisio Masciago, 18 marzo 1983), è stato un pistard e ciclista su strada italiano. Fu campione olimpico dell'inseguimento a squadre nel 1920 ad Anversa; passato professionista, vinse quattordici Sei giorni negli Stati Uniti.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

All'età di sei anni si trasferì con la famiglia a Bovisio Masciago dove il padre lavorava come tipografo. La sua carriera sportiva di corridore incominciò al Velodromo Sempione a Milano. Appena diciottenne fu titolare nella squadra azzurra nei Giochi olimpici di Anversa, e fu uno degli artefici della vittoria ottenuta dal quartetto italiano nell'inseguimento.[1]

Diventò professionista a diciannove anni, nel 1921, anno in cui, su strada, si aggiudicò il Tour du Lac Léman e si classificò terzo al Giro di Romagna. Nel 1921 e 1922 fu quindi campione italiano della velocità professionisti. In quegli anni debuttò anche in America: disputò la sua prima Sei giorni al Madison Square Garden di New York piazzandosi al quarto posto.

Nel 1924, dopo aver collezionato successi in varie gare di velocità e dietro motori sulle piste europee, riattraversò l'Atlantico e per anni fece il pendolare tra l'America e l'Europa fino a quando, nel 1926, vinse la sua prima Sei giorni, proprio a New York. Dopo questo successo riuscì ad aggiudicarsi altre tredici vittorie sulle piste americane di Chicago, Buffalo, Atlantic City, ma soprattutto a New York.

Fu cinque volte Campione d'America degli stayers (1927, 1928, 1929, 1930 e 1934) ma non vinse mai il Campionato mondiale in quella specialità. Nel 1933 dovette accontentarsi della medaglia d'argento perché una clamorosa "pastetta" favorì la vittoria del francese Charles Lacquehay.[senza fonte] Vinse però due titoli italiani stayers nel 1933 a Pordenone e nel 1941 a Milano.

Il 27 ottobre 1938 fu insignito con l'onorificenza a Cavaliere della Corona d'Italia per meriti sportivi conferitagli dal re Vittorio Emanuele III e firmata da Mussolini e Starace. La sua carriera agonistica terminò nel 1948 a Washington con la disputa della sua ultima Sei giorni. Dopo il ritiro scrisse diversi articoli su La Domenica Sportiva. Morì a Bovisio Masciago il 18 marzo 1983. Il Comune di Bovisio Masciago, nel 1998, gli ha dedicato una piazza e un monumento posto nell'area del Centro Sportivo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Pista[modifica | modifica sorgente]

Giochi olimpici, Inseguimento a squadre (con Primo Magnani, Arnaldo Carli e Ruggerio Ferrario)
Sei giorni di New York #1 (con Reginald McNamara)
Sei giorni di Chicago #1 (con Carl Stockholm)
Sei giorni di Chicago #2 (con Robert Walthour)
Sei giorni di New York #1 (con Reginald McNamara)
Sei giorni di New York #1 (con Gerard Debaets)
Sei giorni di New York #2 (con Fred Spencer)
Sei giorni di Chicago #1 (con Franz Dülberg)
Sei giorni di New York #1 (con Gerard Debaets)
Sei giorni di New York #2 (con Gerard Debaets)
Sei giorni di New York #2 (con Paul Broccardo)
Sei giorni di Atlantic City (con William Peden)
Sei giorni di Buffalo #1 (con Alfred Letourneur)
Sei giorni di Chicago #1 (con Alfred Letourneur)
Sei giorni di New York #1 (con Alfred Letourneur)

Strada[modifica | modifica sorgente]

  • 1921 (Legnano-Pirelli, una vittoria)
Tour du Lac Léman

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1922: 9º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.treccani.it Olimpiadi estive: Anversa 1920

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]