Mauno Koivisto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mauno Koivisto
Mauno Koivisto.png

9º Presidente della Finlandia
Durata mandato 27 gennaio 1982 –
1º marzo 1994
Predecessore Urho Kekkonen
Successore Martti Ahtisaari

Dati generali
Partito politico Partito Socialdemocratico Finlandese
Firma Firma di Mauno Koivisto

Mauno Henrik Koivisto (Turku, 25 novembre 1923) è un economista e politico finlandese.

Di ispirazione socialdemocratico è stato più volte ministro, presidente del Consiglio di Stato e presidente della Repubblica finlandese dal 1982 al 1994.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Volontario nell'esercito durante la Seconda guerra mondiale, dopo la guerra aderì al Partito Socialdemocratico (Sosialidemokraattinen puolue, SDP) per anticomunismo e lavorò come operaio portuale, entrando nel movimento cooperativistico e sindacale socialdemocratico. Si laureò all'Università di Turku e nel 1959 divenne direttore della banca Helsingin Työväen Säästöpankki di Helsinki, impratichendosi così di economia e finanze.

Per rompere l'isolamento in cui l'SDP era caduto dopo il 1960, propose di migliorare i rapporti col presidente della Repubblica Urho Kekkonen, coi comunisti finlandesi e con l'Unione Sovietica. La sua linea, approvata dal partito, portò alla vittoria elettorale del 1966 che permise al presidente dell'SDP, Rafael Paasio, di formare un governo di coalizione coi comunisti e i centristi, in cui Koivisto ottenne il Ministero delle Finanze (1966-1968) ed intraprese dure misure monetarie e fiscali per risanare l'economia.

Dopo le dimissioni del governo Paasio (1968), Koivisto fu nominato governatore della Banca di Finlandia. Formò un governo di centrosinistra (1968-1970) che dovette affrontare i problemi legati alla trasformazione della società tradizionale finlandese (imposte, trasferimento degli agricoltori, alcolismo, aborto) con importanti riforme ma, sebbene i suoi modi schietti e informali lo rendessero l'uomo politico nazionale più popolare dei suoi anni, le elezioni del 1970 portarono una sconfitta per il suo governo, costringendolo alle dimissioni. Inoltre, sia il presidente Kekkonen che il governo sovietico si opposero ai suoi progetti per un'unione economica scandinava (Nordek). Ancora ministro delle finanze in un nuovo governo Paasio (1972), dovette affrontare la crescita del debito estero successiva alla crisi degli anni settanta.

Presidente del Consiglio di Stato per la seconda volta (1979-1982) con un governo di centrosinistra, mantenne una politica di basso profilo per evitare contrasti interni, ma resistette ai tentativi del presidente Kekkonen di spingerlo alle dimissioni.

Presidente della Repubblica ad interim dopo le dimissioni di Kekkonen (1981-1982), fu eletto presidente nel 1982 e riconfermato nel 1988 a larga maggioranza. Attenuò i metodi quasi presidenziali del suo predecessore per riportare la politica finlandese verso il parlamentarismo. Mantenne buoni rapporti con la dirigenza sovietica fino alla dissoluzione dell'URSS (1991), quindi assunse una politica nettamente filooccidentale di collaborazione con la NATO e orientata all'adesione all'Unione Europea. Già durante il suo mandato pubblicò diverse opere autobiografiche sulla sua carriera politica, entrando in contrasto coi biografi di Kekkonen sull'operato del suo predecessore.

Scaduto il suo mandato, si segnalò anche per le sue numerose critiche, che ebbero accoglienza diversa: nell'autunno 1999 ricevette un premio per la pace dal Comitato dei 100 per aver criticato la guerra aerea condotta dalla NATO contro la Jugoslavia durante la Guerra del Kosovo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze finlandesi[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro dell'Ordine della Croce della Libertà
Gran Maestro e Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca
Gran Maestro e Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Leone di Finlandia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Leone di Finlandia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 16 aprile 1982
Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 1983
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 20 aprile 1983
Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 30 giugno 1989[1]
Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 22 aprile 1992
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 14 settembre 1993[2]
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
— 25 ottobre 1993
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito)
— [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state in Hansard, vol. 505, 14 marzo 1999. URL consultato il 18 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 93749655 LCCN: n78093427