Lussuria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Che la ragion sommettono al talento. »
(Inferno V, 39)

La lussuria è l'abbandono al piacere sessuale.

La lussuria nelle religioni[modifica | modifica wikitesto]

In molte confessioni religiose la lussuria è considerata un peccato, in quanto menomazione della volontà individuale e discernimento del bene e del male più che, come si ritiene comunemente, un "male in sé", inteso come atto in sé riprovevole. Per altre religioni, invece, la lussuria non rappresenta un male.

Nel Cristianesimo in generale[modifica | modifica wikitesto]

La definizione di lussuria, anche alla luce delle mutazioni culturali intervenute nel corso dei secoli, è stata ovviamente oggetto di variazioni interpretative. Alla visione rigoristica tradizionale si sono nel tempo contrapposte teorie più o meno attenuate, ad esempio in Pietro Abelardo (che ne discettava con buona esperienza e per il quale sussisterebbe una inclinazione alla lussuria "per complessione fisica", cfr. peccato originale).

Secondo la Chiesa Cattolica[modifica | modifica wikitesto]

È per i cattolici uno dei sette vizi o peccati capitali, il "vizio impuro", al di fuori della norma morale. Secondo le elaborazioni dottrinali della teologia morale del Cattolicesimo, la lussuria è causa di svariati effetti negativi, alcuni dei quali aventi una preminenza in ambito religioso, ed altri intervenendo più specificatamente sul libero arbitrio:

  • grave turbamento della ragione e della volontà
  • accecamento della mente
  • incostanza ed incoerenza (rispetto ai valori proposti)
  • egoistico amore di sé (egoismo, egotismo, negazione dell'amore per il prossimo)
  • incapacità di controllare le proprie passioni

Nella dottrina cattolica classica, la lussuria è frutto della concupiscenza della carne (al pari del peccato di gola e dell'accidia) ed infrange sia il Sesto Comandamento che vieta di commettere atti impuri sia il Nono che riguarda il desiderare la donna d'altri.

Fra questi atti impuri la Chiesa indica tanto le azioni concrete materialmente compiute in materia di sessualità non finalizzata alla procreazione e all'unione in seno al matrimonio, quanto il solo desiderio e l'immaginazione ("chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.", Vangelo di Matteo 5,28).

Il Catechismo della Chiesa Cattolica così sintetizza:

Tra i peccati gravemente contrari alla castità, vanno citate la masturbazione, la fornicazione, la pornografia e le pratiche omosessuali. (CCC n. 2396)
L'adulterio e il divorzio, la poligamia e la libera unione costituiscono gravi offese alla dignità del matrimonio. (CCC n. 2400)

Tuttavia è interessante notare come nel Deuteronomio e nel libro dell'Esodo della Bibbia il sesto comandamento sia in realtà "Non commettere adulterio"; questo rivela un'intenzione originale di focalizzarsi più sulla fedeltà coniugale, che su un più generale controllo delle proprie passioni sessuali, come invece accade nel Vangelo.

Il "voluttuoso diletto", come lo si chiamava in datata saggistica, è per la Chiesa un vizio capitale e, subito dopo il peccato di superbia, è il maggior impedimento al progresso spirituale.

Secondo la teologia di San Tommaso di Aquino la lussuria viene divisa in:

  • due modi: in riferimento al fine dell'atto venereo, o per comparationem ad alios homines;
  • sei specie: incestus, adulterium, stuprum, raptus, fornicatio simplex e vitium contra naturam;
  • tre oggetti: in Deum, in proximum, in seipsum. Distinzione secolare cui si riconducono tutte le altre specie dei vizi capitali.

La fornicatio simplex è una categoria intermedia fra i due modi.
Infatti, rispetto al fine dell'atto venereo, non solo include il vitium contra naturam (che si ha «in omni actu venereo ex quo generatio sequi non potest»), ma anche la fornicazione, cui pure segue la generazione di figli, ma che comunque impedisce la «debita educazione e promozione della prole nata»[1]. Il fine procreativo va interpretato, estendendolo al compito di crescere ed educare la prole.

Il modo per comparationem ad alios homines si identifica col peccato contro il prossimo (dilectio proximi), e pertanto quelli del primo modo (quelli rispetto al fine dell'atto) si identificano con i peccati contro sè stessi e/o contro Dio: incestus, adulterium, stuprum, raptus sono parte della dilectio proximi, cui Tommaso aggiunge la la fornicatio simplex.

La lussuria nelle altre religioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella religione pagana classica poteva essere al contrario considerata un mezzo di contatto con il divino, come per esempio in ambito dionisiaco: fu per queste ragioni che i Baccanali furono proibiti nell'antica Roma nel 186 a.C. Esisteva inoltre la prostituzione sacra, praticata dalle sacerdotesse di alcuni templi orientali. Al tempo stesso però esisteva il culto di Estia per i greci e Vesta per i romani, che tutelavano il focolare familiare e preservavano la castità.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele d'Annunzio su alcune travi del Vittoriale fece incidere la sua frase: "cinque le dita e cinque le peccata", non considerava lussuria e avarizia tra i sette peccati capitali. (tratto dal libro "Fragilità non è solo donna" di Marco Chierici)

Film[modifica | modifica wikitesto]

Locandina per il film Lussuria (1919) interpretato da Francesca Bertini. Primo della serie di film I sette peccati capitali. Illustrazione di Carlo Nicco (1883-1937).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Summa theol., II.II., q. 154, a. 1, resp. [45139]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adalberto Piovano, Lussuria, San Paolo Edizioni, 2011.
  • Giulio Giorello, Lussuria, La passione della conoscenza, Il Mulino, 2010.
  • (EN) Simon Blackburn, The Seven Deadly Sins: Lust, Oxford, Oxford University Press, 2004. ISBN 0-19-516200-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]