La bella di Mosca (film 1957)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bella di Mosca
Cyd Charisse in Silk Stockings trailer.jpg
Cyd Charisse
Titolo originale Silk Stockings
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1957
Durata 117 min
Colore colore (Metrocolor)
Audio sonoro 4-Track Stereo
Rapporto 2,35 : 1 CinemaScope
Genere commedia, musicale, sentimentale
Regia Rouben Mamoulian
Soggetto Abe Burrows, George S. Kaufman, Leueen MacGrath
Sceneggiatura Leonard Spigelgass
Produttore Arthur Freed
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)
Fotografia Robert J. Bronner
Montaggio Harold F. Kress
Musiche Cole Porter Musiche originali: Conrad Salinger
Scenografia Cedric Gibbons, Randall Duell, Edwin B. Willis
Costumi Helen Rose
Trucco William Tuttle
Interpreti e personaggi

La bella di Mosca (Silk Stockings) è un film del 1957, diretto da Rouben Mamoulian, interpretato (e danzato) dalla coppia Fred Astaire e Cyd Charisse.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mosca richiede la presenza in patria del compositore russo Peter Boroff, tutto preso a Parigi da una carriera all’insegna dei fasti occidentali.
Il produttore americano Steve Canfield - per cui Boroff deve comporre le musiche per un film ispirato a Guerra e Pace interpretato dalla diva acquatica Peggy Dayton - riesce a corrompere i tre commissari inviati da Mosca, facendoli cedere alle lusinghe di una lussuosa permanenza parigina.
Alla loro ricerca arriva una severissima compagna, Nina Yoshenko detta Ninotchka che, però, cade ben presto pure lei nella rete del bel mondo, innamorandosi degli abiti parigini e delle calze di seta (e anche di Canfield).
Tutto sembra andare per il meglio fino alla visione in anteprima di una scena che dovrebbe essere inserita nel film: Guerra e pace è diventato un musical con protagonista Giuseppina che fa l’occhiolino allo spettatore e a Napoleone.
Boroff è inorridito e Nina ha buon gioco a riportare tutti in patria senza più resistenze.

Non passa molto che i rimpatriati rimpiangano la bella vita occidentale, sognando un rientro a Parigi. Cosa che riesce al trio Bibinski, Brankov, Ivanov. La loro nuova cattiva condotta induce il partito, a seguito di una lettera anonima che li denuncia, a rimandare in Occidente anche Nina.
Si scoprirà che l’anonimo autore della lettera è Steve, che ha aiutato i tre ad aprire un tipico locale russo (“È così che faremo buona pubblicità alla nostra patria”, dichiarano maliziosamente), che è riuscito con questo stratagemma a far uscire dall’URSS anche Nina, cui dichiara il suo amore[1].

Il film[modifica | modifica sorgente]

Musiche e canzoni di Cole Porter, la regia del russo (di nascita) Rouben Mamoulian, la magia della coppia Astaire/Charisse fortemente voluta dal produttore Arthur Freed: La bella di Mosca, titolo italiano di Silk Stockings, è il remake di Ninotchka di Lubitsch, quello interpretato nel ’39 dalla Garbo in una delle sue rare commedie (dove la frase di lancio del film era appunto Garbo laughs!, ovvero "la Garbo ride").
Qui si parte dal musical del 1955, grande successo interpretato sul palcoscenico di Broadway da Don Ameche e Hildegarde Kneff. Nella parte dell’aristocratico che nel ’39 fu di Melvyn Douglas, abbiamo invece un impresario americano, uno scintillante (anche se sulla soglia della sessantina) Fred Astaire. Silk Stockings sarà il suo penultimo musical, ne girerà ancora un altro, Finian's Rainbow (Sulle ali dell’arcobaleno), dieci anni dopo nel 1968 per la regia di Francis Ford Coppola.
Sua partner, come in Spettacolo di varietà (Band Wagon, Usa 1953 di Vincente Minnelli) una sontuosa Cyd Charisse nella parte della serissima compagna Yoshenko, sedotta dalle frivolezze capitaliste simboleggiate dalle calze di seta che danno il titolo al musical.
Con un cast che vede tra gli altri Peter Lorre in una delle sue rarissime apparizioni comiche, Jules Munshin e la sbracata e divertente Janis Paige che ignora Tolstoj (“Non c’è nulla tra di noi, siamo solo buoni amici!”), da non dimenticare le coreografie per Fred Astaire di Hermes Pan, la direzione musicale di André Previn e i costumi, bellissimi, di Helen Rose[1].

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Nel film sono compresi i seguenti brani musicali:

  • "Fated to Be Mated" (musica e parole di Cole Porter)
  • "Silk Stocking" (musica e parole di Cole Porter
  • "All of You" (musica e parole di Cole Porter)
  • "It’ s a Chemical Reaction, That’s All" (musica e parole di Cole Porter)
  • "Stereophonic Sound" (musica e parole di Cole Porter)
  • "Siberia" (musica e parole di Cole Porter)
  • "Hail, Bibinski" (musica e parole di Cole Porter)
  • "The Ritz Roll and Rock" (musica e parole di Cole Porter), [aggiunta per la versione cinematografica]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, prodotto dalla MGM, venne girato dal 7 novembre 1956 al 31 gennaio 1957 con un budget stimato in 1.853.463 dollari.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film incassò (in tutto il mondo) 4.417.753 dollari. Venne distribuito dalla MGM, uscendo nelle sale il 18 luglio 1957.

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

IMDb

  • USA 18 luglio 1957
  • Finlandia 11 ottobre 1957
  • Svezia 21 ottobre 1957
  • Austria dicembre 1957
  • Francia 10 gennaio 1958
  • Germania Ovest 31 gennaio 1958
  • Giappone 11 febbraio 1958
  • Danimarca 21 novembre 1958
  • Francia 27 agosto 2008 (riedizione)

Alias

  • Silk Stockings USA (titolo originale)
  • Meias de Seda Brasile / Portogallo
  • Seidenstrümpfe Austria / Germania Ovest
  • Ena zevgari metaxotes kaltses Grecia
  • Jedwabne ponczochy Polonia
  • La bella de Moscú Spagna
  • La bella di Mosca Italia
  • La Belle de Moscou Francia
  • Selyemharisnya Ungheria
  • Silkesstrumpan Svezia
  • Silkestrømper Danimarca
  • Silkkisukat Finlandia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Loredana Leconte, Silk Stockings e le belle di Mosca, Quaderni di moda e modi, 1999

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema