Infibulazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tipo d'infibulazione
Diffusione della pratica

L'infibulazione (dal latino fibula, spilla) è una mutilazione genitale femminile. Consiste nell'asportazione della clitoride (escissione), delle piccole labbra, di parte delle grandi labbra vaginali con cauterizzazione, cui segue la cucitura della vulva, lasciando aperto solo un foro per permettere la fuoriuscita dell'urina e del sangue mestruale.
Ha origine esclusivamente culturale, e oggi è adottata e praticata soprattutto in molte società in Africa, nella penisola araba e nel sud-est asiatico.

Infibulazione e cultura[modifica | modifica sorgente]

Simbolo contro tale pratica
Esempio di "infibulazione faraonica"

Le origini delle mutilazioni femminili sono legate a tradizioni dell’antico Egitto (da qui il nome di infibulazione faraonica). Si calcola che in Egitto, nonostante la pratica sia vietata[1], ancora oggi tra l'85% e il 95% delle donne abbia subito l'infibulazione[2]. La Somalia, dove la pratica è diffusa al 98%[2], è stata definita dall'antropologo de Villeneuve le pays des femmes cousues, il paese delle donne cucite[3].

L'infibulazione e l'escissione della clitoride non sono menzionate dal Corano: non è dunque richiesta dall'Islam alcuna forma di manipolazione dei genitali (tra cui l'infibulazione) che rechi danno fisico alla donna. Secondo diversi studiosi non è neppure considerato accettabile nell'Islam che sia limitato il piacere sessuale della donna[4]. L'Islam ortodosso accetta la pratica meno invasiva della sola circoncisione del clitoride seguendo l'unica presunta prescrizione lasciata da Maometto e riportata nel libro degli Hadit.[5]

Di qui il fatto che la giurisprudenza coranica ammette, fra le cause di divorzio, difetti fisici della sposa, come ad esempio una circoncisione mal riuscita[6].
Al contrario, il cosiddetto "padre" del Kenya moderno, Jomo Kenyatta, difese l'infibulazione come una pratica culturale importante.

Sebbene non sia in nessuna sua parte richiesta dal Corano, l'infibulazione è però una pratica che si può riscontrare in alcuni paesi, in tutto o in parte islamici (essenzialmente la parte meridionale dell'Egitto, Sudan, Somalia, Eritrea, Nigeria, Senegal, Guinea), dove viene consigliata come sistema ritenuto utile a mantenere intatta l'illibatezza della donna.

In Somalia, una donna non infibulata viene considerata impura; pertanto, non riesce a trovare marito e rischia l'allontanamento dalla società[7].

La scrittrice Ayaan Hirsi Ali, somala naturalizzata olandese, è una delle principali attiviste contro le mutilazioni femminili, nonché testimone di come questa pratica sia tipica della società somala: ella stessa fu infibulata all'età di cinque anni, assieme alla sorella di quattro[8].

Nel Cristianesimo, le mutilazioni, anche quelle autoinflitte, sono considerate un peccato contro la santità del corpo e sono quindi proibite. Ma - come per l'Islam - essendo l'infibulazione legata a culture antropologiche tribali precedenti la cristianizzazione, tale pratica si è conservata, soprattutto tra i copti (ortodossi e cattolici) del Corno d'Africa, in Eritrea e in Etiopia (qui ad eccezione della provincia nord-occidentale del Gojjam, dove tali pratiche non sono diffuse)[9].

Effetti dell'infibulazione[modifica | modifica sorgente]

I rapporti sessuali, attraverso questa pratica, vengono impossibilitati fino alla defibulazione (cioè alla scucitura della vulva), che in queste culture, viene effettuata direttamente dallo sposo prima della consumazione del matrimonio. Le puerpere, le vedove e le donne divorziate sono sottoposte a reinfibulazione con lo scopo di ripristinare la situazione prematrimoniale di purezza. I rapporti diventano dolorosi e difficoltosi, spesso insorgono cistiti, ritenzione urinaria e infezioni vaginali. L'asportazione totale o parziale degli organi genitali femminili esterni è praticata con lo scopo di impedire alla donna di conoscere il piacere durante il rapporto sessuale e come forma di controllo del desiderio sessuale femminile.[senza fonte]

Ulteriori danni si hanno al momento del parto: il bambino deve attraversare una massa di tessuto cicatriziale e reso poco elastico a causa delle mutilazioni; in quel momento il feto non è più ossigenato dalla placenta e il protrarsi della nascita toglie ossigeno al cervello, rischiando di causare danni neurologici. Nei paesi in cui è praticata l'infibulazione, inoltre, è frequente la rottura dell'utero durante il parto, con conseguente morte della madre e del bambino[10].

Tutela della donna dalle mutilazioni genitali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mutilazioni genitali femminili nel mondo.

Italia Italia[modifica | modifica sorgente]

Con la legge 9 gennaio 2006, n. 7, il Parlamento italiano ha provveduto a tutelare la donna dalle pratiche di mutilazione genitale femminile, in attuazione degli articoli 2, 3 e 32 della Costituzione e di quanto sancito dalla Dichiarazione e dal Programma di azione adottati a Pechino il 15 settembre 1995 nella quarta Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulle donne. Al codice penale è aggiunto l'articolo 583-bis che punisce con la reclusione da quattro a dodici anni chi, senza esigenze terapeutiche, cagiona una mutilazione degli organi genitali femminili. Per mutilazione il legislatore intende, oltre alla infibulazione, anche la clitoridectomia, l'escissione o comunque (norma di chiusura) qualsiasi pratica che cagioni effetti dello stesso tipo.

Allo stesso modo, chi, in assenza di esigenze terapeutiche, al fine di menomare le funzioni sessuali, provoca lesioni agli organi genitali femminili diverse da quelle indicate al primo comma, da cui derivi una malattia nel corpo o nella mente, è punito con la reclusione da tre a sette anni.

Le disposizioni di questo articolo si applicano altresì quando il fatto è commesso all'estero da cittadino italiano o da straniero residente in Italia, ovvero in danno di cittadino italiano o di straniero residente in Italia. In tal caso, il colpevole è punito a richiesta del Ministro della giustizia.

L'articolo 583-ter precisa inoltre che l'esercente la professione sanitaria resosi colpevole del fatto sottostà altresì alla pena accessoria dell'interdizione dall'esercizio della professione da tre a dieci anni, con comunicazione della sentenza di condanna all'Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri.

Liliana Ocmin, Vicepresidente del comitato per le Pari Opportunità, ha affermato: «In Italia sono circa 40.000 le donne che hanno subito l'infibulazione. Secondo uno studio di Aldo Morrone e di Alessandra Sannella, in Italia le donne infibulate sarebbero invece circa 30-35 000 (ovvero il dato più alto presente in Europa) e ci sarebbero ogni anno circa 2.000 o 3.000 bambine immigrate a rischio. Tali infibulazioni verrebbero perlopiù fatte a pagamento (senza anestesia) presso medici o anziani appartenenti alla propria comunità.[11]

Regno Unito Regno Unito[modifica | modifica sorgente]

In Gran Bretagna tale pratica è illegale dal 1985, tuttavia secondo alcune stime il Paese deterrebbe il primato europeo per numero di mutilazioni, a causa della forte presenza di donne di origine egiziana e sub-sahariana.[12]

Eritrea Eritrea[modifica | modifica sorgente]

In Eritrea, la pratica dell'infibulazione è reato dal 31 marzo 2007 e per i trasgressori sono previste multe e carcerazione a seconda della gravità del reato. Unione delle Donne Eritree stima che il 90% delle donne siano state soggette a infibulazione e che nel continente africano almeno tre milioni di bambine subiscano la pratica ogni anno[13].

Burkina Faso Burkina Faso[modifica | modifica sorgente]

L'escissione e l'infibulazione sono vietate nel Burkina Faso, messe al bando dal 1985 grazie a un provvedimento legislativo promosso da Thomas Sankara, all'epoca presidente del paese.[senza fonte]

Campagne politiche[modifica | modifica sorgente]

Una campagna per l'abbandono delle mutilazioni genitali femminili è stata lanciata negli anni novanta dalla leader politica Emma Bonino[14], che, a fianco dell'organizzazione Non C'è Pace Senza Giustizia (NPWJ), ha organizzato eventi, iniziative, conferenza e meeting su questo argomento con politici europei e africani[15].

Proprio per questo motivo, nel dicembre 2008, Non C'è Pace Senza Giustizia ha organizzato al Cairo (Egitto) una conferenza internazionale per l'abbandono delle mutilazioni genitali femminili[16], alla quale hanno partecipato un centinaio di donne e uomini politici africani ed europei[17].

Nel 2010 è stata rilanciata da Emma Bonino, Radicali Italiani e Non c'è pace senza giustizia, la campagna contro le mutilazioni genitali femminili. In tutto il mondo, grazie alla loro iniziativa, sono state raccolte firme per un appello di messa al bando di questa pratica da presentare all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Il 20 dicembre 2012 l'assemblea generale dell'Onu ha adottato la risoluzione di messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili, depositata dal gruppo dei Paesi africani e in seguito sponsorizzata dai due terzi degli stati membri delle Nazioni Unite[18].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Mai più donne mutilate": l'Egitto vieta l'infibulazione
  2. ^ a b afrol Women & Gender - FGM
  3. ^ Annie de Villeneuve, "Etude sur une coutome Somalie, les femmes cousues", in: Journal de la Société des Africanistes, 1937, vol. 7, pp. 15-32.
  4. ^ (EN) Sami A. Aldeeb Abu Sahlieh, To Mutilate in the Name of Jehovah or Allah: Legitimization of Male and Female Circumcision in Medicine and Law, luglio 1994, pp. 575-622. URL consultato il 17 settembre 2009.
  5. ^ “Taglia leggermente e non esagerare”. URL consultato il 5/05/2014.
  6. ^ (EN) Berkeley, J., Circumcision circumscribed female excision and cultural accomodation in the medieval near east in International Journal of Middle East Studies, vol. 28, 1996, pp. 19-38. URL consultato il 17 luglio 2009.
  7. ^ [1].
  8. ^ Ayaan Hirsi Ali, op. cit..
  9. ^ Aldo Morrone, La mutilazione genitale femminile: una ferita aperta?. URL consultato il 29 settembre 2009.
  10. ^ Linee Guida MGF del Ministero della Salute - Complicazioni Ostetriche.
  11. ^ Infibulazione: in Italia si pratica, eccome. Sono a rischio migliaia di bimbe immigrate - La Repubblica - Valeria Pini - 5 febbraio 2011
  12. ^ "Infibulata in ospedale dopo il parto": in Uk primo processo contro due medici - Il Fatto Quotidiano
  13. ^ Mutilazioni sessuali vietate in Eritrea, Il corriere. URL consultato il 6 aprile 2007.
  14. ^ Pagina per la campagna Stop Fgm sul sito web di Emma Bonino (EmmaBonino.it).
  15. ^ Pagina sulle iniziative per l'abbandono delle mutilazioni genitali femminili sul sito web di Non C'è Pace Senza Giustizia (Npwj.org).
  16. ^ Pagina speciale sulla conferenza del Cairo su Npwj.org.
  17. ^ Lista dei partecipanti alla conferenza del Cairo (Npwj.org).
  18. ^ Comunicato stampa dell'ONU

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Busoni M., Laurenzi E., a cura, "Il corpo dei simboli", Firenze, SEID, 2005.
  • Busoni M., Il valore delle spose. Beni e persone in antropologia economica, Roma, Meltemi, 2001.
  • Ayaan Hirsi Ali, Infedele (=BUR), Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 88-170-2062-1, ISBN 978-88-170-2062-6.
  • Ciminelli M., "Le ragioni culturali delle mutilazioni genitali femminili: note critiche sulla definizione di MFG dell’OMS/WHO", La ricerca Folklorica, 46 (2003), pp. 39–50.
  • Dirie W., Fiore del deserto, Milano, Garzanti, 1998.
  • Fusaschi M., I segni sul corpo - Per un’antropologia delle modificazioni dei genitali femminili, Torino, Bollati Boringheri, 2003.
  • Heritier F., Maschile/Femminile. Il pensiero della differenza, Roma- Bari, Laterza, 2000.
  • Magli I., Matriarcato e potere delle donne, Milano, Feltrinelli, 1978.
  • Mescoli E., Sul mio corpo. La circoncisione femminile in un'analisi di contesto, Milano, Interscienze, 2010 [2]. ISBN 88-966-2301-4, ISBN 978-88-966-2301-5.
  • Morrone A., Sannella A. (a cura di), Sessualità e culture. Mutilazioni genitali femminili: risultati della ricerca in contesto socio-sanitario, FrancoAngeli, Milano, 2010.
  • Pasquinelli C., Antropologia delle mutilazioni genitali femminili. Una ricerca in Italia. Roma, AIDOS, Associazione italiana donne per lo sviluppo, 2000.
  • Pasquinelli C., Infibulazione – Il corpo violato, Roma, Meltemi Melusine, 2007.
  • Van Gennep A., I riti di passaggio, Torino, Bollati Boringheri, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]