I segreti di Twin Peaks (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I segreti di Twin Peaks
Titolo originale Twin Peaks
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1990
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller
Regia David Lynch
Sceneggiatura David Lynch, Mark Frost
Fotografia Ronald Víctor García
Montaggio Duwayne Dunham
Musiche Angelo Badalamenti
Interpreti e personaggi

I segreti di Twin Peaks è un film del 1990 diretto da David Lynch.

In realtà altro non è che l'episodio pilota dell'omonima serie televisiva con alcuni arrangiamenti nel finale che lo rendono un film autonomo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nell'apparentemente tranquilla cittadina di Twin Peaks, al confine con il Canada, una mattina viene rinvenuto nel lago il corpo senza vita della liceale Laura Palmer. Poco dopo viene trovata un'altra ragazza, Ronnette Pulaski, ancora viva ma in evidente stato di shock.

L'Agente Speciale dell'FBI Dale Cooper viene inviato sul posto per indagare con l'aiuto dello sceriffo del luogo, Harry S. Truman. Cooper è convinto che chiunque abbia ucciso Laura sia anche responsabile dell'omicidio di un'altra ragazza, Teresa Banks, avvenuto un anno prima in una città vicina.

Una pista per risalire all'assassino sembra essere il medaglione a forma di cuore di Laura, metà del quale lei lo ha consegnato a James Hurley, suo amante segreto. Venuta a conoscenza che la polizia sta cercando il possessore del mezzo ciondolo perché lo sospetta dell'omicidio, Donna Hayward, la migliore amica di Laura, si vede di nascosto con James e lo informa dei fatti. Insieme decidono di nascondere il mezzo ciondolo nel bosco.

Poco dopo i due sono fermati dalla polizia e James viene trattenuto in cella per essere poi interrogato il mattino seguente. Lo sceriffo consiglia all'agente Cooper di prenotare una stanza al Great Northern Hotel e poi si reca a casa di Josie Packard, della quale è innamorato.

All'improvviso la madre di Laura ricorda che, quella mattina, ha visto un uomo acquattato ai piedi del letto di Laura. Grida per lo spavento e racconta tutto a Leland.

Mentre stanno per coricarsi, Lucy e Andy ricevono la chiamata di Leland, il quale dice loro dell'improvviso ricordo di Sarah e chiede d'informare lo sceriffo. Lucy avverte lo sceriffo con la radio. Questi si reca, con l'agente Hawk, a casa dei Palmer per fare l'identikit dell'uomo di cui Sarah si è ricordata.

L'agente Cooper sta dormendo nella sua camera d'Hotel, quando viene svegliato da una telefonata: un uomo senza un braccio informa Cooper che l'assassino di Laura si trova all'ospedale. Subito dopo Lucy chiama Cooper e lo mette al corrente di ciò che è avvenuto in casa Palmer. Cooper chiede a Lucy di dire allo sceriffo di incontrarlo all'ospedale e di portare con sé l'identikit.

Nella sala delle autopsie dell'ospedale, Cooper e lo sceriffo trovano l'uomo della telefonata. L'uomo recita uno strano poema e poi dice di chiamarsi Mike e che l'assassino si chiama BOB. Cooper chiede a Mike di identificare il killer dall'identikit. L'uomo senza un braccio conferma l'identikit e dice che BOB è nascosto nel sotterraneo dell'ospedale.

Cooper e Truman scendono e trovano BOB inginocchiato vicino ad un cerchio di 12 candele accese. Questi li invita ad entrare, domanda se Mike è con loro, e inizia a dire frasi senza senso. Lo sceriffo chiede a BOB che significato avevano le lettere rinvenute sotto le unghie delle due vittime e BOB risponde che voleva comporre la parola "Robert", suo nome di battesimo.

BOB promette poi di tornare ad uccidere ancora; a quel punto Mike irrompe nella stanza brandendo una pistola e spara a Bob due volte. Questi, colpito, cade a terra; anche Mike è agonizzante, come se i proiettili avessero attraversato anche il suo corpo; in quello stato si rivolge allo sceriffo e a Cooper chiedendo della morfina per placare il dolore terribile. Lentamente, si accascia a terra, si rivolge a BOB dicendo «Aspetta il tuo turno BOB... BOB aspetta che arrivi il tuo momento...» e poi muore.

Cooper dice «...Esprimi un desiderio», ed una folata di vento fa spegnere le 12 candele.

25 ANNI DOPO (TWENTY-FIVE YEARS LATER)

All'interno di una stanza con pareti coperte da tende rosse troviamo un Cooper invecchiato seduto su una poltrona e di fianco a lui altre due poltrone su cui sono seduti il nano vestito di rosso ed una ragazza identica a Laura Palmer.

Il nano parla a Cooper dicendogli che la ragazza somigliante a Laura è sua cugina, che lei conosce tanti segreti e che loro due vivono in un posto dove gli uccelli cantano una bella canzone e dove c'è sempre tanta musica nell'aria.

Il nano comincia a ballare e piano piano si allontana dalle poltrone mentre la ragazza si alza, si avvicina a Cooper, lo bacia e poi gli sussurra qualcosa all'orecchio...

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film venne girato nel 1989, e fu realizzato aggiungendo ulteriori scene a quello che l'anno seguente sarebbe stato trasmesso come episodio pilota della serie; lo scopo di questa operazione, realizzata su esplicita richiesta della Warner Bros., fu quello di produrre una versione con un finale alternativo e autoconclusivo appositamente per il mercato estero.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Twin Peaks - The Entire Mystery, ondacinema.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema