Sherilyn Fenn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sherilyn Fenn al Wizard World di Chicago dell'agosto 2012.

Sheryl Ann "Sherilyn" Fenn (Detroit, 1º febbraio 1965) è un'attrice statunitense.

Divenuta famosa grazie al ruolo di Audrey Horne in Twin Peaks, Sherilyn è ricordata anche per i film Boxing Helena e Uomini e topi, oltre che per telefilm come Rude Awakening e Una mamma per amica. Molti gli attori e i registi con cui ha lavorato nel corso della sua carriera, tra i più influenti ricordiamo: Charlie Sheen, Virginia Madsen, David Carradine, Louise Fletcher, Nicolas Cage, Forest Whitaker, William Baldwin, Carl Reiner, Armand Assante, Eric Roberts, Jeremy Piven, Ray Winstone, Tom Sizemore e Chris Penn.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la separazione dei genitori, avvenuta quando aveva dodici anni, Sherilyn e i suoi due fratelli maggiori (Leo e David) passarono l'infanzia seguendo la madre Arlene Quatro, nota musicista, nelle diverse tappe dei suoi concerti. A 17 anni le due donne raggiungono Beverly Hills e proprio in quel luogo Sherilyn deciderà di recitare. Grazie all'incontro con un agente, amico della madre, che la consiglierà sul da farsi, Sherilyn si iscriverà alla scuola di recitazione Lee Strasberg Istitute. La Fenn è nipote della cantante Suzi Quatro.

Inizio carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo diversi annunci pubblicitari e qualche film Tv, Sherilyn ottiene un ruolo piccolo ma rilevante nell'umoristico film con Chris Penn e Eric Stoltz, The Wild Life. Nel 1985, gioca il ruolo di una ragazza che seduce una sua coetanea teen-ager travestita da uomo nella commedia Un ragazzo come gli altri; seguiranno a ruota libera Il replicante e Corsa al massacro. Dopo una partecipazione al telefilm 21 Jump Street, ed aver sostenuto un provino per il film La storia fantastica (la parte andò poi a Robin Wright Penn), Sherilyn ottiene la notorietà grazie al film Congiunzione di due lune, pellicola erotica diretta dal regista Zalman King.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 la produzione di Twin Peaks le affida il ruolo di Audrey Horne, personaggio ironico e minaccioso allo stesso tempo che riscuote un enorme successo. Angelo Badalamenti scrive per il personaggio tre temi musicali Audrey Dance, Audrey's Prey e Audrey, Victoria Jackson ne fa una parodia al Saturday Night Live,[1] una foto dell'attrice nei panni del fittizio personaggio viene mostrata in una puntata del The Late Late Show with Craig Kilborn[2] e dieci anni dopo il grande successo del serial tv, un gruppo norvegese, chiamerà la propria band con l'omonimo nome. Nel frattempo arriva anche il successo al cinema, Cuore selvaggio film di David Lynch che vede Sherilyn interpretare il ruolo della ragazza uccisa dopo un incidente automobilistico, è premiato con la Palma d'oro a Cannes.

La serie è un ottimo trampolino di lancio per Sherilyn, tanto che anche il regista Roger Vadim, nel 1990 pensa a lei come una delle candidate ideali per il sequel di Barbarella. Purtroppo il film non ha un seguito, ma la carriera non ne risente, visto che nei tre anni successivi reciterà in ben sette film.

Nel 1991, dopo aver affiancato Mark Harmon nel film tv ispirato alla vita di John Dillinger, Dillinger, nemico pubblico numero uno, spalleggiata da Forest Whitaker, interpreta una madre disposta a tutto pur di tenersi il figlio nel thriller Il diario di un killer.

Nel 1992, è al fianco di Danny Aiello per interpretare il fittizio personaggio della spogliarellista Candy Cane (personaggio che nelle movenze e nelle sembianze si ispira alle reali Candy Barr, Marilyn Monroe e Judith Campbell Exner),[3] nel film che racconta la vita di Jack Ruby, Ruby - Il terzo uomo a Dallas. L'interpretazione di Candy Cane colpì molto la critica cinematografica italiana, tanto che Morando Morandini nel suo dizionario scrive:[4]

« Sta quasi alla pari di Danny Aiello il personaggio fittizio della bionda spogliarellista Candy Cane della quale Sherilyn Fenn rende bene l'impasto di tenerezza e calcolo, di perversione e ingenuità. »

Sempre nello stesso anno, circondata da Gary Sinise e John Malkovich, affronta i critici di Cannes interpretando una moglie sola e triste nel remake del film Uomini e topi.

Nel 1993 alla 50ª Mostra di Venezia, viene presentato Boxing Helena film che segna l'esordio alla regia di Jennifer Chambers Lynch. In origine Sherilyn non doveva prendere parte al progetto, ma quando Kim Basinger fece dietrofont, sconvolta dalle troppe scene di violenza e sesso della pellicola, Jennifer Chambers Lynch, rimasta orfana anche di Madonna, che all'ultimo momento rifiutò la parte, decise di affidare la parte dell'amputata Helena a Sherilyn.

Nel 1995, ha l'arduo compito di interpretare la vita di Elizabeth Taylor nella miniserie tv Liz, la diva dagli occhi viola. Nel 1997 è al cinema con Lovelife, film diretto da Jon Harmon Feldman (ideatore di Tru Calling).

Nel 1998, grazie alla sitcom Rude Awakening, decide di sperimentare l'arte più difficile, la comicità. Per tre anni interpreta Billie, attrice alcolizzata, che pur cercando di tenersi sobria per superarare i provini con i produttori cinematografici, non smetterà di combattere con il problema che la tormenta. La serie in Italia è stata trasmessa su Canal Jimmy nella primavera del 2003.

Nel 1999, esce Cement - Fino all'ultimo colpo, film che segna l'esordio alla regia dell'attore Adrian Pasdar e che vede Sherilyn vestire i panni di una donna fatale. La pellicola che vede tra i protagonisti Chris Penn e Jeffrey Wright, ottiene buoni consensi di pubblico tanto da guadagnarsi un premio per le migliori immagini.

Nel 2003, al Sundance Film Festival viene presentato Il delitto Fitzgerald, film prodotto da Kevin Spacey e che vede Sherilyn interpretare Angela, la donna dei sogni e dei desideri di Leland (Ryan Gosling).

Dopo essersi dedicata alla regia, girando un documentario sul Cosmikids, riguardante lo sviluppo del bambino, e il suo fondatore Judy Julin, nel 2007 recita nel film Hazzard - I Duke alla riscossa, prequel del telefilm Hazzard.

Guest Star in serie tv[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 ottiene il primo ruolo in una serie televisiva, partecipando in veste di guest star ad un episodio del telefilm generazionale Cin cin. Tra il 1987 e il 1990 recita in due episodi di 21 Jump Street.

Diretta da Robert Zemeckis, nel 1995, al fianco di Isabella Rossellini e John Lithgow recita il ruolo dell'amante di Humphrey Bogart (comparso grazie a particolari effetti speciali), nella serie fantasy I racconti della cripta. Nel 1997, appare in un episodio di Friends, interpretando la fidanzata con la gamba di legno di Chandler Bing (Matthew Perry).

In seguito, dopo aver recitato la parte di una donna malvagia in Law & Order - Unità vittime speciali, interpreta il ruolo di una madre sexy in CSI: Miami, una donna sepolta viva nella tomba in NCIS, e una moglie tradita che viene uccisa dalla defunta amante del marito in Night Visions.

Nel 2002 in Dawson's Creek veste i panni di Alex, austera proprietaria di un ristorante che con il suo fascino fa perdere la testa a Pacey (Joshua Jackson). Tra il 2003-2004, partecipa a diversi episodi di Boston Public.

È l'unica attrice ad aver interpretato due ruoli diversi in una sola fiction, nella serie Una mamma per amica è apparsa in due diverse stagioni e con due ruoli completamente diversi: nella terza stagione ha interpretato Sasha, la ragazza del padre di Jess, mentre nella sesta e nella settima serie è stata Anna Nardini, la madre della figlia di Luke.

Nel 2010 assieme ai colleghi Dana Ashbrook, Sheryl Lee e Ray Wise tributa la serie televisiva Twin Peaks partecipando all'episodio numero dodici della quinta stagione di Psych.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 durante le riprese del documentario Dummies, conosce Johnny Depp con il quale vive una storia d'amore che termina nel 1989. In seguito vive delle storie più o meno importanti con il chitarrista Dweezil Zappa, con il cantante Prince e il fotografo Barry Hollywood.

Nel 1993 è convolata a nozze con il musicista Toulouse Holliday, dal quale si è separata nel 1997. Dalla loro unione, nel 1994 è nato Myles.

Sherilyn vive a Los Angeles assieme al figlio Myles e al suo nuovo compagno, Dylan Stewart, dal quale nell'agosto del 2007 ha avuto il secondo figlio, Christian.

Il suo nome è scritto sull'elmetto di Johnny Depp nel film Platoon e sulla chitarra dell'epoca dell'attore. Sullo strumento infatti si potevano leggere le iniziali S.F.[5]

Nel 2009 crea il suo blog dal titolo Postcards from the Ledge".

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomine[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 è stata candidata agli Emmy Awards per Twin Peaks, come migliore attrice non protagonista in una serie drammatica.

Nel 1991 è stata candidata ai Golden globe per la sua partecipazione a Twin Peaks, come migliore attrice non protagonista in una serie, miniserie o film TV.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sherilyn Fenn è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dirtyworldnews.com
  2. ^ "Twin Peaks" (1990) - Movie connections
  3. ^ Ruby (1992) - Trivia
  4. ^ Ruby - Il terzo uomo di Dallas (1992) | MYmovies
  5. ^ Johnny Depp - Curiosità, premi e citazioni
  6. ^ Sherilyn Fenn - Biography

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85646766 LCCN: no98128238