Hans Ruesch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans Ruesch
Hans Ruesch.jpg
Hans Ruesch, Tradate 1993
Dati biografici
Nazionalità Svizzera Svizzera
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Statistiche aggiornate al dicembre 2008
Hans Ruesch in conferenza a Tradate, 1993

Hans Ruesch (Napoli, 17 maggio 1913Massagno, 27 agosto 2007) è stato un pilota automobilistico, scrittore, sceneggiatore e editore svizzero. È stato autore di romanzi, nonché saggi contro la sperimentazione animale.

Di origine italo-svizzere, figlio di padre svizzero, stabilitosi a Napoli per lavoro, e madre napoletana, discendente di un industriale svizzero trapiantatosi a Sarno all'inizio del XIX secolo, Ruesch è comunque cittadino svizzero fin dalla nascita, essendo stato iscritto al consolato svizzero di Napoli dal padre.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Come sportivo[modifica | modifica sorgente]

All'età di 12 anni, dopo aver frequentato scuole italiane, fu mandato a terminare gli studi in Svizzera, sia in quella tedesca sia in quella francese, dove apprese entrambe le lingue. Riuscì in gioventù a praticare la sua passione principale: le gare d'auto. Esordì come pilota in Svizzera nel 1932 su una MG nella corsa in salita denominata Klausenrennen (tenutasi dal 1922 al 1934, da Linthal al passo del Klausen). Nel corso degli anni trenta corse su Alfa Romeo e Maserati in molti piccoli eventi europei e prese parte, nel 1937, ad alcune gare in Sudafrica. In quegli anni fu anche pilota di Gran Premi con la Scuderia Ferrari. Vinse 27 gare, tra le quali vanno ricordate quella del Gran Premio di Donington nel 1936, e quelle del Gran Premio di Finlandia, del Grand Prix des Frontières, del Gran Premio di Bucarest e del Mountain Championship nel 1937. Si ritirò dalle corse in seguito ad un incidente.

Come scrittore e editore[modifica | modifica sorgente]

Risale al 1937 l'uscita del suo primo libro, The Racers, un romanzo sulle corse d'auto, scritto in tedesco e distribuito in Svizzera, successivamente tradotto in inglese da Hans Ruesch stesso e portato sullo schermo da Darryl Zanuck e con la sceneggiatura dello stesso Ruesch nel 1955, con Kirk Douglas come protagonista, e uscito in Italia con il titolo Destini sull'asfalto.

Nel 1938 partì per gli USA, inseguendo la speranza di affermarsi nella carriera letteraria, già avviata negli anni precedenti, per poi tornare a Napoli nel 1946, finita la seconda guerra mondiale, dove trovò la città devastata dai bombardamenti alleati. Risale al 1950 il suo primo best-seller, apparso negli Stati Uniti col nome di Top of the World, tradotto in italiano con il titolo di Paese dalle ombre lunghe, dal quale vide la luce nel 1960 il film Ombre Bianche, di Nicholas Ray e con Anthony Quinn nel ruolo dell'eschimese. Scrisse in quegli anni tutti i suoi romanzi: Paese dalle ombre corte, Partita di Caccia, Com'esser poveri, e Ritorno alle ombre lunghe, scritti in inglese e successivamente tradotti in italiano dallo stesso autore, nonché 'I mammà e papà scritto da Ruesch in lingua napoletana.

Ruesch traduceva di persona i suoi libri, i quali hanno l'indicazione, come traduttore, di Nash Hercus, anagramma di Hans Ruesch.

Agli inizi degli anni cinquanta fu anche editore, gestendo la Casa Editrice Richter.

Nel luglio 2007, poche settimane prima della sua morte nella sua casa di Massagno, la casa editrice Fucina di Milano ha riedito il suo primo romanzo Il numero uno e nel 2003 l'editore Guida di Napoli ha riedito il romanzo "I mammà e i papà".

L'impegno contro la sperimentazione animale[modifica | modifica sorgente]

Curando negli anni settanta la collana I manuali della salute, Hans Ruesch sviluppò la tesi che la sperimentazione animale non fosse altro che una enorme truffa a scopo di lucro, capace di raccogliere ingenti fondi pubblici e privati col pretesto di essere necessaria alla ricerca scientifica. Dedicò così gli anni successivi ad approfondire l'argomento ed a raccogliere prove che, a sua detta, avvalorerebbero questa teoria, diventando l'esponente del movimento antivivisezionista italiano. Nel 1975 diede vita alla CIVIS, Centro Informazioni Vivisezionistiche Internazionali Scientifiche, fondazione antivivisezionista con sede in Svizzera.

Questi anni di studio portarono Ruesch a scrivere Imperatrice nuda, libro che destò scalpore in Italia nel 1976, anno in cui fu pubblicato da Rizzoli. Il libro fu poi immediatamente ritirato dalla stessa Rizzoli. Alcune copie sono reperibili nel mercato parallelo e nelle biblioteche per diritto editoriale. Successivamente Imperatrice nuda è stato ripubblicato dalla casa editrice Garzanti dell'amico Aldo Garzanti. Questa è la versione attualmente più reperibile.

Imperatrice nuda affronta - a detta dell'autore (che non possedeva alcuna qualifica scientifica) dal punto di vista storico, medico, etico e scientifico - il problema della sperimentazione animale, indicando nel testo, a suo parere, i nomi e le prove a sostegno della tesi che non esista alcun motivo sotto nessun punto di vista che non sia quello del profitto personale per portare avanti la pratica della sperimentazione animale, ma che anzi questa abitudine riconosciuta anche dalla legge, abbia apportato negli ultimi anni danni nel suo utilizzo. La storia dettagliata degli ostacoli editoriali che hanno intralciato la diffusione del libro, e quindi la polemica cresciuta attorno ad esso, furono descritti da Hans Ruesch in Piccola storia editoriale, appendice all'attuale versione di Imperatrice nuda nell'edizione Civis.

I libri successivi, tutti sulla sperimentazione animale e sulle presunte frodi ad essa legate, sono usciti molti anni dopo: nel 1980 vide la luce I Falsari della Scienza, edito da Civis, e nel 2005 uscì La medicina smascherata, edito da Editori Riuniti e "la figlia dell'imperatrice", edito da Stampa Alternativa.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85732991 LCCN: n79124322