Giovanna la Beltraneja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanna
Giovanna la Beltraneja
Giovanna la Beltraneja
Regina di Castiglia
In carica 1474 - 1479
con
Isabella I[1]
Predecessore Enrico IV di Castiglia
Successore Isabella I, per la rinuncia di Giovanna
Nome completo Giovanna Enriquez
Nascita Alcazar di Madrid (Real Alcázar de Madrid), febbraio 1462
Morte Coimbra, 1530
Casa reale Trastamara
Padre Enrico IV di Castiglia
Madre Giovanna del Portogallo
Regno di Castiglia e León
Casa di Trastámara

Arms of the Crown Castile with the Royal Crest.svg

Giovanna Enriquez o Giovanna di Trastamara, detta la Beltraneja (in portoghese: la excelente señora, in castigliano Juana de Trastámara, apodada la Beltraneja, poi la religiosa de Coimbra e in catalano Joana de Castella la Beltraneja; Alcazar di Madrid, 28 febbraio 1462Coimbra, 1530) fu regina di Castiglia e León dal 1474 al 1479 e regina consorte del Portogallo dal 1475 al 1479.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Origini familiari[modifica | modifica sorgente]

Giovanna era figlia del re di Castiglia e di León Enrico IV e di Giovanna d'Aviz, principessa portoghese.[2][3][4][5]

I suoi nonni paterni erano Giovanni II di Castiglia e León e Maria d'Aragona, figlia di Ferdinando I d'Aragona e di Eleonora d'Alburquerque.

I suoi nonni materni erano il re del Portogallo Edoardo d'Aviz (figlio del re del Portogallo Giovanni I d'Aviz e di Filippa di Lancaster), morto prima della nascita della figlia e Eleonora di Trastámara, figlia del re d'Aragona e di Sicilia Ferdinando I e di Eleonora d'Alburquerque.

Suo padre era fratellastro di Isabella I di Castiglia, la Cattolica, che gli contestò la successione sul trono di Castiglia, mentre sua madre era sorella del re del Portogallo Alfonso V e di Eleonora, sposa del Sacro Romano Imperatore Federico III.

Al momento della sua nascita nel 1462, suo padre Enrico era già chiacchierato e dai suoi avversari politici era già definito l'Impotente per il fatto che, nel 1453, era stato constatato che, dopo tredici anni, il suo primo matrimonio con Bianca di Trastamara non aveva generato alcuna discendenza e soprattutto che non era stato ancora consumato[6], e quindi papa Niccolò V aveva sciolto il legame per consanguineità (Enrico e Bianca erano cugini primi: il padre di Bianca, Giovanni, era fratello di Maria, madre di Enrico).
Quando nel 1454 Enrico era divenuto re di Castiglia il titolo di principe delle Asturie era passato al suo fratellastro Alfonso (1453 - 1468), che, da una delle fazioni di nobili di corte, già veniva chiamato Alfonso XII. Ora, questa fazione, sfruttando molto abilmente la voce che Enrico IV fosse impotente, aveva messo in giro la diceria, molto probabilmente inventata, che la figlia di Giovanna del Portogallo[7] fosse figlia non di Enrico IV, ma di uno dei migliori amici di Enrico, Beltrán de la Cueva[8], che in quegli anni aveva fatto una rapida carriera alla corte castigliana.
E fin dalla nascita, le fazioni contrarie al re cominciarono a denominare Giovanna, a cui il padre aveva dato il titolo di principessa della Asturie, col soprannome Beltraneja.

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Le due fazioni della nobiltà castigliana cercarono di far nominare erede al trono ciascuna il proprio candidato e le Cortes, nel 1464, si pronunciarono a favore di Giovanna, riconoscendola figlia legittima, ma la fazione avversa, nel 1465, tenne una assemblea ad Ávila (Farsa de Ávila), dove Alfonso (Alfonso XII) fu proclamato re.
Enrico riuscì a raccoglire un esercito per opporsi al sopruso subito e lo scontro avvenne nelle vicinanze di Olmedo, dove Alfonso si era acquartierato, il 20 agosto del 1467; Enrico riportò la vittoria, non molto netta, ma non entrò a Olmedo, permettendo agli avversari di sostenere di aver vinto.

Nel frattempo, sua madre Giovanna del Portogallo fu inviata a Coca (località a 50 km da Segovia), nel castello del vescovo Fonseca, sostenitore del re Enrico; e sembra che qui abbia incontrato il nipote del vescovo, Pedro de Castilla y Fonseca, con cui allacciò una relazione. In seguito la regina Giovanna fu trasferita nel convento di san Francesco a Segovia.

Suo padre Enrico, di carattere debole, non seppe reprimere la ribellione, e, dopo la morte di Alfonso (1468), la nobiltà gli impose di firmare un trattato (Tratado de los Toros de Guisando) nel quale riconosceva di fatto l'illegittimità di Giovanna, designando come erede la propria sorellastra consanguinea, sorella germana di Alfonso, Isabella di Castiglia, con la clausola che Isabella avrebbe sposato il re del Portogallo Alfonso V, mentre Giovanna il figlio di Alfonso, Giovanni, e che se Isabella non avesse avuto eredi, Giovanna gli sarebbe succeduta sul trono di Castiglia.

Nel 1469, però, dopo che la sorellastra si era sposata contro la sua volontà con l'erede al trono di Aragona, Ferdinando di Trastámara, Enrico ritrattò il precedente accordo, giurò pubblicamente assieme alla moglie che Giovanna era sua figlia legittima e la proclamò erede al trono, con la Cerimonia de la Val de Lozoya, un prato vicino a Buitrago.

Nello stesso tempo Enrico cercò di procurare alla figlia un marito che potesse proteggerla, ed il miglior candidato sembrò essere Carlo di Valois, conte di Guienna e duca di Berry, fratello del re di Francia Luigi XI. Il compromesso di matrimonio fu firmato a Medina del Campo nel 1470, ma appena due anni dopo Carlo morì a soli ventotto anni.

Nel 1474, sua madre Giovanna del Portogallo, per via delle relazioni extramatrimoniali, fu ripudiata dal marito che dichiarò che il matrimonio non era mai stato valido e fu costretta a rientrare in Portogallo.

Quando però Enrico IV morì l'11 dicembre del 1474, Giovanna del Portogallo rientrò in Castiglia per sostenere la figlia Giovanna detta la Beltraneja, legittima erede del trono, contro Isabella, i cui sostenitori non avevano cambiato idea e ritenevano legittima la successione di Isabella, per il Tratado de los Toros de Guisando. I nobili castigliani si erano divisi in due partiti, uno a favore di Giovanna la Beltraneja, l'altro a favore di Isabella (in questo partito militò sino alla proprioa morte nel 1492 il vecchio amico di Enrico IV e presunto padre di Giovanna, Beltrán de la Cueva).

Giovanna cercò inutilmente di evitare la guerra, proponendo di affidarsi all'arbitrato di una commissione composta dai membri delle Cortes. Non se ne fece nulla e puntualmente tra i due partiti scoppiò una guerra civile.

Giovanna del Portogallo combinò il matrimonio, celebrato il 30 maggio del 1475, di sua figlia Giovanna la Beltraneja con suo fratello il re del Portogallo, Alfonso V. Giovanna del Portogallo morì il 13 giugno del 1475.

Guerra di successione castigliana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra di successione castigliana e Battaglia di Toro.
Madonna dei Re Cattolici, pittura del 1490-95; Ferdinando II ed il principe Giovanni alla destra della Madonna e Isabella alla sinistra
Bandiera di Alfonso V e Giovanna, la Beltraneja durante la loro pretesa al regno di Castiglia

Immediatamente, il re del Portogallo Alfonso V, dichiarato re di Castiglia e León dai partigiani della moglie, nonostante Isabella fosse già stata incoronata regina col marito Ferdinando, invase la Castiglia (estate del 1475) per difendere i diritti di sua moglie; nel frattempo aveva stretto un'alleanza col re di Francia, Luigi XI, che pretendeva di rientrare in possesso della provincia del Rossiglione, occupato in precedenza dal re di Aragona Giovanni II, suocero di Isabella.

Luigi XI attaccò in Biscaglia, mentre in Castiglia lo scontro decisivo avvenne nei pressi di Toro, la città in cui si era insediata e dove teneva la corte Giovanna; il 1º marzo 1476, nella battaglia di Toro, mentre Alfonso fu messo in fuga da Ferdinando, marito di Isabella e comandante dell'esercito castigliano, il figlio Giovanni tenne le posizioni sconfiggendo le forze che gli erano contrapposte; la battaglia non era stata decisiva,[9][10] ma vedendo che i loro sostenitori in Castiglia diminuivano e soprattutto diverse città e contee che prima li sostenevano, tra cui Madrid, passarono dalla parte di Isabella, Giovanna, scortata dal figliastro Giovanni e Alfonso si ritirarono in Portogallo, avendo lasciato, a Toro, una guarnigione di 300 portoghese che si sarebbe arresa ai castigliani, nel mese di ottobre.

Nel 1477, Alfonso si recò in Francia per richiedere l'aiuto del re, Luigi XI, ma dopo aver intavolato delle trattative si accorse di non approdare ad alcun risultato e rientrò mestamente in Portogallo.

Mentre Alfonso delegava i compiti di governo al figlio Giovanni, sua cognata, Beatrice d'Aviz, la moglie di suo fratello Ferdinando di Portogallo, si attivava per incontrare la nipote, Isabella di Castiglia[11], per trovare una soluzione e porre fine alla guerra, che si trascinò sino al 1479. Finalmente Beatrice, coadiuvata dal nipote il luogotenente Giovanni, trovò l'accordo che Alfonso V e Giovanna firmarono ad Alcáçovas (Viana do Alentejo), il 4 settembre del 1479, dove il re del Portogallo, Alfonso V e la moglie Giovanna[12] rinunciavano ad ogni pretesa sul regno di Castiglia, sulle isole Baleari e sulle isole Canarie mentre i reali di Castiglia e Aragona (Isabella e Ferdinando, che nel frattempo aveva ereditato la corona d'Aragona) rinunciavano a Madera, alle Azzorre e alle isole di Capo Verde ed inoltre lasciavano al Portogallo tutte le terre a sud del Capo Bojador; il trattato venne poi controfirmato dai re Cattolici a Toledo nel marzo del 1480.

Alfonso V si era già ritirato nel convento di Varatojo a Torres Vedras, lasciando il governo (abdicando) nelle mani del figlio. Visse in monastero, senza più interessarsi di politica, sino alla morte che lo raggiunse il 28 agosto del 1481.

Religiosa a Coimbra[modifica | modifica sorgente]

Giovanna comprese che i suoi interessi erano stati traditi, quindi ferita nell'onore e nell'orgoglio si ritirò nel monastero di Santa Clara di Coimbra, dove, nel 1480, prese i voti. I re cattolici inviarono due loro rappresentanti a sincerarsi che Giovanna si fosse votata veramente a Dio, facendole sapere che era la decisione migliore.

Nonostante i voti pronunciati, nel 1482, fu richiesta in moglie dal re Francesco Febo di Navarra, che dal 1481, governava direttamente il suo regno. Molto probabilmente questa richiesta era stata suggerita dal re di Francia, Luigi XI, con la speranza di creare dei problemi ai re Cattolici di Castiglia e Aragona. Le trattative non poterono essere concluse perché Francesco Febo, dopo alcuni mesi morì, avvelenato.

Nel 1504, essendo rimasto vedovo di Isabella, Ferdinando II di Aragona, la chiese in moglie, con lo scopo di rimetterla sul trono di Castiglia e non dovere cedere il regno al marito di sua figlia, Giovanna detta la Pazza, Filippo d'Asburgo detto il Bello, che avrebbe governato per conto della moglie.
Però Giovanna non prese in considerazione la proposta di quell'uomo che, circa trent'anni prima l'aveva definita: la figlia adulterina di Giovanna del Portogallo e di Beltrán de la Cueva.

L'eccellente signora o la religiosa di Coimbra, come ora veniva chiamata Giovanna, lasciava spesso il convento per vivere a Lisbona sotto la protezione dei vari re portoghesi e, il 20 luglio del 1530, poco prima di morire, lei che per tutta la vita si firmò Yo la reina (io la regina) lasciò i suoi diritti sul regno di Castiglio al re del Portogallo, Giovanni III.

Morì nel corso del 1530, senza aver dato figli al marito Alfonso. Di Giovanna non si conosce alcuna discendenza.[2][3][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanna era riconosciuta regina, nella parte occidentale del regno, e aveva l'appoggio delle città di Burgos, León, Toro, Madrid, Toledo, Alcalá e Siviglia.
  2. ^ a b (EN) Reali di Castiglia
  3. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea- genealogy
  4. ^ a b (EN) Giovanna la Beltraneja PEDIGREE
  5. ^ (DE) Enrico IV di Castiglia genealogie mittelalter
  6. ^ Una visita ufficiale accertò che Bianca era ancora vergine, ma sembra che un'indagine condotta a Segovia accertasse che l'erede al trono di Castiglia, Enrico, con le altre donne, fosse sessualmente abile.
  7. ^ La regina, Giovanna del Portogallo, era chiacchierata e si diceva che avesse delle relazioni extraconiugali
  8. ^ Dato che i suoi resti mortali di Giovanna la Beltraneja non sono stati trovati non si è potuto stabilire, attraverso il test del DNA, la vera paternità di Giovanna.
  9. ^ Storico Spagnolo Felix de Llanos y Torriglia: [il Principe] Giovanni ... qualche tempo... dopo la indecisa battaglia [di Toro] .” in Así llegó a reinar Isabel la Católica, Editorial Voluntad, S.A., Madrid, 1927, p.366-367 (Biblioteca digital de Castilla y Léon.).
  10. ^ “La battaglia di Toro, combattuta durante la guerra civile che seguì alla morte di Enrique IV, inaugurato l'età d'oro della Spagna, facendo Ferdinando e Isabel maestri indiscussi del paese. L'esercito di Ferdinando non ha veramente sconfiggere i partigiani di Giovanna la Beltraneja; la battaglia fu un pareggio, ma i sostenitori portoghesi di Giovanna hanno rinunciato e sono tornati a casa, assicurando a Isabel al trono di Castiglia.” in Dana Facaros e Michael Paulus- Spain, Cadogan, 2002, p. 458
  11. ^ Isabella di Castiglia era la figlia di Isabella del Portogallo, la sorella di Beatrice.
  12. ^ a Giovanna, come contropartita, le fu promesso il matrimonio con il primogenito dei re Cattolici, Giovanni di Trastamara, di circa un anno, quando avrebbe avuto l'età e la convenienza a farlo, se la cosa non fosse andata in porto Giovanna avrebbe avuto diritto ad un indennizzo di 100.000 ducati. Se Giovanna non avesse accettato la clausola, avrebbe dovuto ritirarsi in convento.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rafael Altamira, Spagna, 1412-1516, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, pp. 546–575, Garzanti, 1999
  • Felix de Llanos y Torriglia, Así llegó a reinar Isabel la Católica, Editorial Voluntad, S.A., Madrid, 1927 (Biblioteca digital de Castilla y Léon).
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel Medioevo, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, pp. 576–610, Garzanti, 1999

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina di Castiglia e León Successore Escudo de Castilla.png
Enrico IV con
Isabella I
1474 - 1479
Isabella I
da sola
Predecessore PortugueseFlag1385.svg
regina consorte del Portogallo
Successore Flag of Portugal.svg
Isabella d'Aviz (1432-1455) 1475-1481 Eleonora di Viseu