Battaglia di Toro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Toro
Data 1º marzo 1476
Luogo Piana di Toro (Zamora)
Esito Inconclusivo[1]
Schieramenti
Comandanti
Alfonso, re del Portogallo
Principe Giovanni del Portogallo
Ferdinando, re di Castiglia
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Battaglia di Toro ebbe luogo a Toro in Spagna, nella provincia di Zamora il 1º marzo 1476, tra le truppe castigliane dei Re cattolici da un lato, e l'esercito Portoghese - Castigliano di Alfonso V del Portogallo e il Principe Giovanni del Portogallo dall'altro, con esito inconclusivo.[1]

La battaglia fu combattuta nel contesto della Guerra di successione castigliana, 1475-79.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

La crisi prodotta dalla morte di Enrico IV di Castiglia portò alla formazione di una coalizione, guidata da Alfonso V del Portogallo e con l'appoggio di Luigi XI di Francia, che invase la Castiglia dal Portogallo per sostenere le pretese dinastiche della figlia di Enrico, Giovanna la Beltraneja, sua nipote e con quali sposati. Questa coalizione rispetto ad un'altra coalizione formata da Isabella, sorellastra di Enrico IV, e suo marito, Ferdinando, erede al trono d'Aragona (re cattolica).

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia ebbe luogo nella piana di Toro (Zamora), vicino alla località di Peleagonzalo.

elmo d'Aragona circa 1470.

Entrambi i lati proclamato la vittoria perché mentre l'ala destra castigliana fu sconfitto dalle forze sotto il principe Giovanni del Portogallo - che divenne in possesso del campo di battaglia -, le truppe di suo padre Afonso V sono stati vinte dalle forze della sinistra e del centro dell'esercito castigliano comandato dal Duca d'Alba e il Cardinale Mendoza.

Il risultato militare della battaglia di Toro è stato in questo modo indeciso,[1] ma le sue conseguenze politico sono stati favorevoli per la parte di Isabella, la cattolica, come i sostenitori di Giovanna la Beltraneja sciolto e l'esercito portoghese lasciò Castiglia.

Giorgio Cusatelli (italiano): “La battaglia di Toro ... fra portoghesi e castigliani ebbe esito incerto; ma Alfonso si vide alla fine costretto a sottoscrivere la pace di Alcáçovas (4 settembre 1479)”[2].

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la battaglia il gosso delle forze portoghesi hanno continuato in Castiglia per più di tre mesi (fino al 13 giugno 1476), senza essere aggredito, e mantenendo un atteggiamento di guerra, attaccando e bruciando villaggi e castelli. Ma la perdita di tutti gli alleati castigliano - che si sono schierati con il re cattolici - insieme con l'enorme pressione militare sul confine con il Portogallo, le cui forze erano in Castiglia, ha portato al ritorno dell'esercito portoghese. Diversi nobili, città e fortezze indecisi passati a fianco di Isabella. La fortezza di Zamora si arrese al 19 marzo 1476, ma la fortezza della città di Toro, è rimasta saldamente nelle mani dei portoghesi per più di sette mesi. La sua piccola guarnigione si arrese solo il 19 ottobre,[3] in seguito ad un attacco non legati alla battaglia di Toro.

Pace di Alcáçovas[modifica | modifica wikitesto]

La guerra finì con i castigliani vincitori in terra[4] e il portoghese vincitori nel mare.[4] Questo è stato sancito nel trattato di Alcáçovas (4 settembre 1479), dove è stata riconosciuta regina Isabella di Castiglia, mentre Portogallo ha ricevuto una sostanziale compensazione di guerra (106 676 dobloni d'oro) e ancora il controllo esclusivo di tutta Oceano Atlantico a sud delle Isole Canarie (terre scoperte e ancora da scoprire). Così, Castiglia ha visto riconosciuti i loro diritti alle Canarie, ma è stata esclusa dalle miniere d'oro della Guinea - ferocemente contestata dai due paesi durante la guerra e dove fu combattuta la decisiva battaglia navale della Guinea - e anche di altre aree atlantiche (Azzorre, Madeira, Capo Verde).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Notes[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ana Carrasco Manchado: "(...)La battaglia [di Toro] fu feroce e incerta, e per questo motivo, entrambe le parti hanno dato la vittoria a se stessi. Il principe Giovanni, figlio di Alfonso del Portogallo, ha inviato lettere alle città Portoghese dichiarando la vittoria. E Ferdinando d'Aragona fece lo stesso. Entrambi volevano ottenere i benefici della pubblicità (...).E 'difficile valutare questa battaglia sotto il punto di vista militare. La verità è che è stato uno shock morale per il partito di Ferdinando e Isabella" In Isabel I de Castilla y la sombra de la ilegitimidad: propaganda y representación en el conflicto sucesorio (1474-1482), 2006, p.195, 196.
  2. ^ Giorgio Cusatelli in Enciclopedia Europea, Editora Garzani, 1984, Volume I., p.267.
  3. ^ PALENZUELA, Vicente Ángel Alvarez in La guerra civil castellana y el enfrentamiento con Portugal (1475-1479), Universidad de Alicante, Biblioteca Virtual Miguel de Cervantes, 2006.
  4. ^ a b Bailey W. Diffie and George D. Winius: “In una guerra in cui i castigliani erano vittoriosi sulla terra e il portoghese in mare,( …)” in Foundations of the Portuguese empire 1415-1580, volume I, University of Minnesota Press, 1985, p.152.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]