Giorgio Merula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Merula, propriamente Giorgio Merlano di Negro, nome umanistico Georgius Merula Alexandrinus (Alessandria, 1430Milano, 1494), è stato un filologo, storico e umanista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'umanista Francesco Filelfo
Agnolo Poliziano, poeta ed umanista

Studiò a Milano dal 1444 al 1446 sotto la guida di Francesco Filelfo, di cui divenne successivamente avversario fra i più fieri; poi si spostò a Padova e a Venezia.

Dal 1465 cominciò ad insegnare a Mantova e quindi a Venezia, dove aprì una scuola privata molto frequentata. Qui incontrò il grecista Giorgio Valla, che Merula convinse ad insegnare greco. Su invito di Ludovico il Moro si trasferì a Pavia, dove risiedette dal 1483 al 1485, e quindi a Milano dove rimase fino al 1494, anno della sua morte.

Fra i suoi allievi si annoverano Baldassare Castiglione, Taddeo Ugoleto e Tristano Calco; quest'ultimo ereditò anche la biblioteca del maestro e si dedicò a proseguirne l'opera storiografica.

Attaccò violentemente Poliziano, accusandolo di aver plagiato i suoi scritti nei Miscellanea; laddove invece si trattava di testi originali, ne confutava la correttezza.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Uno degli interessi principali di Merula fu l'edizione ed il commento di classici latini e greci: pubblicò l'editio princeps di Plauto (1472), lavorò sugli Scriptores rei rusticae, su Catone il vecchio, Varrone, Columella, Palladio e Marziale; e ancora Cicerone (De finibus bonorum et malorum), Ausonio, Giovenale, Curzio Rufo, Quintiliano. Dal greco tradusse le Vite di Nerva, di Traiano e di Adriano redatte da Dione Cassio compendiato da Giovanni Xifilino.
Ludovico il Moro lo incaricò di redigere una storia della famiglia Visconti (Antiquitates Vicecomitum) fino a Matteo Visconti, mai completata. Pertanto egli ebbe accesso ai ricchi archivi e alla biblioteca dei Visconti. Scrisse infine una narrazione dell'assedio turco di Scutari (Bellum Scodrense), composta nel settembre 1474; la fortezza sarebbe poi caduta nelle mani degli Ottomani nel gennaio 1479.

Si dedicò inoltre alla ricerca di manoscritti greci e latini; presso il monastero di Bobbio, nel 1493, ebbe la ventura di scoprirne un numero cospicuo, sebbene la morte abbia troncato il suo desiderio di pubblicarne i testi. Sono conservate due lettere In Philelphum, piene di invettive contro Filelfo alle quali questi non volle rispondere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • F. Gabotto e A. Badini Confalonieri, Vita di Giorgio Merula, Tipografia G. Jacquemod, Alessandria, 1894.
  • M.Santoro, «Merula, Giorgio», in Enciclopedia Dantesca, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.
  • V. Fera, Tra Poliziano e Beroaldo: l'ultimo scritto filologico di Giorgio Merula, «Studi umanistici» 2, 1991, pp. 7-88.
  • A. Friggi, Libri greci alla corte di Ludovico il Moro: Giorgio Merula e la sua biblioteca, «Archivio Storico Lombardo» 130, 2004, pp. 109-135.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 76466284 LCCN: n86113780